Print Sermon

Lo scopo di questo sito Web è di fornire manoscritti gratuiti e video di sermoni a pastori e missionari in tutto il mondo, in particolare nel Terzo mondo, dove, se ci sono, sono pochi i seminari teologici o le scuole bibliche.

Questi manoscritti e video sono disponibili per 1,500,000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com . Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 40 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net .




L’EVANGELIZZAZIONE NELLE PRIME CHIESE

EVANGELISM IN THE EARLY CHURCHES
(Italian)

A cura del by Dr. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato nel Tabernacolo Battista di Los Angeles
La sera del giorno del Signore, 19 agosto 2018
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Lord’s Day Evening, August 19, 2018

“Poi chiamò a sé i dodici e cominciò a mandarli a due a due; e diede loro potere sugli spiriti immondi” (Marco 6:7).


Questi dodici uomini erano stati con Gesù solo poche settimane. Ma Gesù subito li ha mandati due a due a predicare (Marco 6:12). Anche nel momento stesso in cui Gesù li chiamò, fece così "per mandarli a predicare" (Marco 3:14). Sicuramente sai che questi uomini non erano ancora molto spirituali. Sicuramente sapete che Giuda non era convertito, che Tommaso non credeva ancora nel Vangelo, che Pietro in seguito cercò di impedire a Gesù di andare sulla Croce. Eppure Cristo li ha inviati subito all'evangelizzazione! La primissima cosa che Gesù disse a Pietro e Andrea è stata: "Venite dietro a me e vi farò pescatori di uomini. Ed essi, lasciate subito le reti, lo seguirono" (Matteo 4:19-20).

Di nuovo, circa un anno dopo, Gesù chiamò settanta dei Suoi discepoli ", e li inviò due e due in ogni città e luogo, dove sarebbe andato lui stesso" (Luca 10:1). Per favore, andiamo nel brano di Luca 10. Alziamoci in piedi mentre leggo i versetti 1 a 3.

“Dopo queste cose, il Signore designò altri settanta discepoli e li mandò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dov'egli stesso stava per andare. E diceva loro: «La mèsse è grande, ma gli operai sono pochi; pregate dunque il Signore della mèsse perché spinga degli operai nella sua mèsse. Andate; ecco, io vi mando come agnelli in mezzo ai lupi.” (Luca 10:1-3).

Potete sedervi.

Questo era il metodo di Cristo per mandare le persone a evangelizzare: a due a due. Penso che sia esattamente quello che dobbiamo fare oggi. Notate anche che questi erano novizi, giovani cristiani al massimo, ma li ha mandati subito. Gesù non ha trascorso anni per insegnare loro la Bibbia prima di inviarli. No, anzi! Ha detto loro:

“Andate; ecco, io vi mando come agnelli in mezzo ai lupi” (Luca 10:3).

Notate anche che Cristo disse a questi giovani seguaci inesperti di cosa pregare. E disse loro esattamente come pregare al versetto 2:

“La mèsse è grande, ma gli operai sono pochi; pregate dunque il Signore della mèsse perché spinga degli operai nella sua mèsse” (Luca 10:2).

Ha detto a questi settanta giovani seguaci inesperti di pregare che Dio mandasse sempre più persone per il raccolto! Il Dr. John R. Rice ha detto bene in una delle sue commoventi canzoni. È il numero 4 sul tuo foglio dei brani. Alziamoci e cantiamolo!

Dobbiamo pregare il Signore della messe,
   “Manda i mietitori nel Tuo campo”
Pochi sono mietitori, bianchi sono
   i campi, che grande raccolta si può fare.
Eccomi! Eccomi! Manda me, O Signore,
   Soffia su me il Tuo Santo Spirito.
Eccomi! Eccomi!
   Oggi manda me per conquistare le anime preziose.
(Traduzione letterale in italiano dell’inno “Here Am I”
      di Dr. John R. Rice, 1895-1980).

Nel secondo secolo il grande teologo Origene disse: “I cristiani fanno tutto ciò che è in loro potere per diffondere la fede in tutto il mondo”. Alla fine del suo ministero terreno Gesù Cristo disse:

“E Gesù, avvicinatosi, parlò loro, dicendo: «Ogni potere mi è stato dato in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate miei discepoli tutti i popoli battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutte quante le cose che vi ho comandate. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, sino alla fine dell'età presente».” (Matteo 28:18-20).

Alla fine del Vangelo di Marco Gesù Cristo disse:

“Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura” (Marco 16:15).

Alla fine del Vangelo di Luca Gesù Cristo disse:

“...il ravvedimento per il perdono dei peccati a tutte le genti, cominciando da Gerusalemme” (Luca 24:47).

Verso la fine del Vangelo di Giovanni Gesù Cristo disse:

“Pace a voi! Come il Padre mi ha mandato, anch'io mando voi” (Giovanni 20:21).

Le ultime parole di Gesù prima dell’Ascensione al Cielo furono:

“Ma riceverete potenza quando lo Spirito Santo verrà su di voi, e mi sarete testimoni in Gerusalemme, e in tutta la Giudea e Samaria, e fino all'estremità della terra” (Atti 1:8).

C'era una volta un uomo che ha diviso la sua chiesa dicendo che questi comandamenti erano solo per gli Apostoli, e nessun cristiano ha bisogno di obbedire a questi comandamenti oggi. Lui ha indossato il mantello dell'iper-calvinismo per attirare la gente a seguirlo e fare lasciare la loro chiesa. Ma non ne è venuto fuori nulla di buono, perché non ci può mai essere una benedizione laddove le parole di Gesù sono manipolate e disobbedite.

Spurgeon era un calvinista che seguiva i cinque punti, ma non era un iper-calvinista. Come vedremo, c'è una differenza tra le due visioni. Spurgeon diceva:

Oh! Vorrei che la Chiesa ascoltasse il Salvatore che le rivolge adesso queste parole; perché le parole di Cristo sono parole viventi, che non hanno avuto potere solamente ieri, ma anche oggi. Le ingiunzioni [i comandamenti] del Salvatore sono perpetue nel loro obbligo: non erano vincolanti solo per gli Apostoli, ma anche per noi, e per ogni cristiano questo giogo deve essere portato: "Andate dunque e fate miei discepoli tutti i popoli battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo ". Oggi non siamo esenti dal servizio dei primi seguaci dell'Agnello; i nostri ordini di marcia sono gli stessi che avevano loro, e il nostro Capitano richiede da noi pronta e perfetta obbedienza come la richiedeva da loro (Traduzione in italiano C. H. Spurgeon, The Metropolitan Tabernacle Pulpit, Pilgrim Publications, 1986 reprint, volume VII, p. 281).

Che ciascuno di noi possa dire insieme al Dr. John R. Rice:

Eccomi! Eccomi! Manda me, O Signore,
   Soffia su me il Tuo Santo Spirito.
Eccomi! Eccomi!
   Oggi manda me per conquistare le anime preziose.

Nella Parabola del Gran Convito Gesù disse: "Va' fuori per le strade e lungo le siepi e costringili a entrare, affinché la mia casa sia piena" (Luca 14:23). Nella parabola della festa del matrimonio, Gesù disse: "Andate dunque ai crocicchi delle strade e chiamate alle nozze quanti troverete" (Matteo 22: 9).

La chiesa locale che Gesù stabilì a Gerusalemme prese alla lettera il comandamento di evangelizzare. Entro poche settimane dopo la Pentecoste il sommo sacerdote si lamentò che avevano "riempito Gerusalemme della [loro] dottrina" (Atti 5:28). Quindi in Atti 5:42 ci viene detto: "E ogni giorno, nel tempio e per le case, non cessavano di insegnare e di portare il lieto messaggio che Gesù è il Cristo". In Atti 6:1 leggiamo: moltiplicandosi il numero dei discepoli. "Più tardi, in Atti 12:24, leggiamo che" Intanto la Parola di Dio progrediva e si diffondeva sempre di più ". Il Dr. John R. Rice diceva:

     Ci viene detto in Atti 8: 6 che in Samaria, dove il Diacono Filippo andò a predicare, "E le folle unanimi prestavano attenzione alle cose dette da Filippo ..." Ancora nel versetto 12, "Ma quando ebbero creduto a Filippo che portava loro il lieto messaggio del regno di Dio e il nome di Gesù Cristo, furono battezzati, uomini e donne". Una meravigliosa ondata del potere di Dio e delle persone che venivano salvate era normale per le chiese neotestamentarie.
     Infatti, Atti 9:31 dice: "Così la chiesa, ... aveva pace, ed era edificata; e, camminando nel timore del Signore e nella consolazione dello Spirito Santo, cresceva costantemente di numero".
     Le chiese si “moltiplicavano,” ovvero, i convertiti moltiplicavano e le chiese quindi crescevano. Quello era un modello regolare e coerente di queste chiese del Nuovo Testamento in cui i cristiani partivano per conquistare tutti quelli a cui potevano testimoniare quotidianamente (Traduzione in italiano John R. Rice, D.D., Why Our Churches Do Not Win Souls, Sword of the Lord Publishers, 1966, p. 25).

Il Dr. Rice ha continuato dicendo: "Nonostante le persecuzioni, tra molte persone pagane e accecate, hanno vinto moltitudini ... La straordinaria crescita delle chiese del Nuovo Testamento va quasi al di là della nostra comprensione. Warnock, nella sua Storia delle Missioni Protestanti, dice che alla fine del primo secolo [sessantasette] anni dopo la Pentecoste, c'erano circa 200.000 cristiani. Dice che alla fine del terzo secolo c'erano [8.000.000] cristiani nonostante la vigorosa persecuzione e [il] martirio di migliaia. Ora erano una quindicesima parte dell'impero romano! [Cioè, una persona su 15 era cristiana] ... nonostante le sanguinose persecuzioni in tutto l'Impero Romano. Nonostante il martirio di Stefano e Giacomo a Gerusalemme, e di molti altri, perseguitati "a morte, legati e imprigionati" (Atti 22: 4), e durante l'imprigionamento e il tentato omicidio di Paolo, furono vinte migliaia di anime tra gli ebrei. Nonostante le sanguinose persecuzioni sotto Nerone, che aveva portato alla decapitazione di Paolo e altri discepoli, a persecuzione sotto Adriano e in particolare sotto Antonino Pio, Marco Aurelio e Settimio il Severo, continuava ancora il fuoco ardente dell'evangelismo. Dice Workman:

     “Per duecento anni, diventare un cristiano significava fare una grande rinuncia, l'unione a una setta disprezzata e perseguitata, era un nuotare controcorrente dai pregiudizi popolari, nonché passare sotto il bando dell'impero e avere la possibilità in qualsiasi momento di essere imprigionato e messo a morte nelle forme più spaventose. Per duecento anni chi seguiva Cristo doveva calcolare i costi e prepararsi a pagare ... con la sua libertà e la sua vita. Per duecento anni la semplice professione del cristianesimo fu di per sé un crimine” (Rice, ibid., pp. 27-28).

Il Dr. Rice ha detto: "Tra le circostanze più avverse, l'odio violento, la persecuzione e le" porte chiuse ", i cristiani del Nuovo Testamento hanno portato avanti la loro incredibile opera vincente. In che modo l'anima vincente delle nostre chiese si confronta con l'insegnamento e la pratica del Nuovo Testamento?" (Rice, ibid.). "Rispetto alle chiese del Nuovo Testamento e ai cristiani del Nuovo Testamento, le nostre chiese odierne e le persone cristiane generalmente falliscono disastrosamente e vergognosamente" (Rice, ibid., p. 29).

Ancora una volta, il dottor Rice ha detto: "Solo uno sforzo a tutto campo può eguagliare l'anima del Nuovo Testamento che vince ... Nella nostra povera natura carnale c'è la tendenza ad allontanarsi dall'obbedienza totale, dall'entusiasmo incandescente e dallo zelo verso un tiepido modo poco entusiasta di fare le cose di Dio. Come dice una meravigliosa vecchia canzone,

Propenso a vagare, Signore, lo sento,
Propenso a lasciare il Dio che amo.

Quindi c'è sempre più bisogno nelle chiese di una rinascita dello zelo, di un risveglio della compassione vincente per le anime che periscono, una rinascita del potere di Dio su di noi. Non c'è modo per una chiesa di vincere anime se non di seguire il modello del Nuovo Testamento con uno sforzo totale” (Rice, ibid., p. 149-150).

So che ci sono color che diranno che l'enfasi del Dr. Rice su ogni persona che evangelizza non "funzionerà". Così alcuni si sono rivolti all'iper-calvinismo - non al calvinismo dei cinque punti - ma all'iper-calvinismo, l'idea che tu non hai bisogno di andare a evangelizzare; Dio li farà entrare con la Sua sovrana grazia senza che i cristiani facciano l'opera di evangelizzazione. George Whitefield, William Carey, Spurgeon e altri grandi vincitori di anime erano calvinisti secondo i cinque punti, ma non erano iper-calvinisti. Credevano fermamente che tutti dobbiamo "svolgere l'opera di evangelista" (II Timoteo 4: 5). Vorrei che ogni pastore riformato leggesse, Spurgeon v. Hyper-Calvinism, di Rev. Iain H. Murray (Banner of Truth Trust, 1995). Clicca qui per ordinarlo. È un libro meraviglioso che ti ispirerà, riscalderà il tuo cuore e rinnoverà il tuo zelo per l'evangelizzare dei perduti!

Il Dr. Rice non ha sbagliato a esortare i cristiani a mettere i loro cuori e le loro anime nell'opera di evangelizzazione. La debolezza è arrivate perché la maggior parte delle chiese che lo seguivano non hanno trascorso abbastanza tempo a occuparsi dei perduti che venivano portati in chiesa. Di solito la gente diceva una "preghiera veloce" senza prendere tempo per assicurarsi che si pentissero e sperimentassero una vera conversione in Cristo Gesù, prima di battezzarli. Il Dr. Cagan ed io abbiamo scritto un libro sul problema del "decisionismo" che potete leggere gratuitamente su questo sito cliccando qui per l'Apostasia di oggi: come il decisionismo distrugge le nostre chiese [Today’s Apostasy: How Decisionism is Destroying Our Churches.]

Ora non dobbiamo fare di tutta l'erba un fascio! Sono completamente d'accordo con le citazioni che ho menzionato del Dr. John R. Rice. Dobbiamo riesaminare lo zelo evangelistico delle prime chiese e seguire il loro esempio! Spendiamoci nell'evangelizzare i perduti! E facciamo anche molta attenzione ad assicurarci il più possibile che vi siano veramente convertiti prima di battezzarli! Soprattutto, ricordiamoci il comandamento di Gesù Cristo,

“Va' fuori per le strade e lungo le siepi e costringili a entrare, affinché la mia casa sia piena” (Luca 14:23).

Nel secondo secolo Origene disse: "I cristiani fanno tutto il possibile per diffondere la fede in tutto il mondo". Facciamo la stessa cosa! Alzati e canta il bellissimo canto del Dr. Oswald J. Smith - "Evangelizza! Evangelizza! "È il numero 1 sul tuo foglio dei brani.

Dacci una parola d'ordine, una parola che ci entusiasmi, una parola potente,
Un grido di battaglia, un soffio fiammeggiante che chiama alla conquista o alla morte.
Una parola per svegliare la chiesa dal sonno, per ascoltare la grande richiesta del Maestro.
La chiamata è data, alziamoci, la nostra parola d'ordine è, evangelizzare!

Il Vangelo ora proclama, attraverso tutta la terra, nel nome di Gesù;
Questa parola risuona nei cieli: Evangelizza! Evangelizzare!
Agli uomini morenti, una razza caduta, fa conoscere il dono della grazia del Vangelo;
Al mondo che ora giace nelle tenebre, Evangelizza! Evangelizza!
   (Traduzione letterale dell’inno “Evangelize! Evangelize!” di Dr. Oswald J. Smith, 1889-1986;
      Sulla melodia del canto “And Can It Be?” di Charles Wesley, 1707-1788).


QUANDO SCRIVI AL DR. HYMERS DOVRESTI INDICARE GENTILMENTE DA QUALE PAESE STATI SCRIVENDO ALTRIMENTI NON POTRÁ RISPONDERE ALLA TUA EMAIL. Se questi sermoni ti stanno benedicendo scrivi un’email al Dr. Hymers e diglielo, per favore indica il paese dal quale stai scrivendo. L’email è-, rlhymersjr@sbcglobal.net (clicca qui). Se puoi scrivi in inglese, anche se puoi scrivere al Dr. Hymers in qualsiasi lingua, Se vuoi scrivere al Dr. Hymers via posta fallo al seguente indirizzo: P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015. Oppure telefona al numero: (818)352-0452.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dr. Hymers ogni settimana sul nostro sito Internet
all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com.
Clicca su “Sermoni in italiano.”

Questi manoscritti non sono coperti da copyright, quindi possono essere utilizzati senza il
permesso del Dr. Hymers. Invece tutti i video messaggi del Dr. Hymers e tutti i video
sermoni della nostra chiesa, hanno il copyright e possono essere utilizzati solamente con permesso.

Canto prima del sermone di Benjamin Kincaid Griffith:
“Here Am I” (di Dr. John R. Rice, 1895-1980).