Print Sermon

Lo scopo di questo sito Web è di fornire manoscritti gratuiti e video di sermoni a pastori e missionari in tutto il mondo, in particolare nel Terzo mondo, dove, se ci sono, sono pochi i seminari teologici o le scuole bibliche.

Questi manoscritti e video sono disponibili per 1,500,000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com . Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 40 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net .




LA CONVERSIONE DI PIETRO

THE CONVERSION OF PETER
(Italian)

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato press il Tabernacolo Battista di Los Angeles
Venerdì sera, 3 aprile 2015
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Friday Evening, April 3, 2015

“«Simone, Simone, ecco, Satana ha chiesto di vagliarvi come si vaglia il grano; ma io ho pregato per te, affinché la tua fede non venga meno; e tu, quando sarai convertito, fortifica i tuoi fratelli»”. (Luca 22:31-32).


Recentemente ho predicato una serie di sermoni di Gesù verso la morte a Gerusalemme. Qui potete trovarne i link per accedervi facilmente: Determined to Suffer;” “The Fear of the Disciples;” e ”Quel discorso era per loro oscuro.” Il primo ha un carattere introduttivo. Il secondo e il terzo si focalizzano sul timore e sull’incredulità dei Discepoli. È chiaro che i Discepoli non credevano al Vangelo fino a che Cristo non è risorto dalla morte. Gesù disse:

“Il Figlio dell'uomo sta per essere dato nelle mani degli uomini ed essi l'uccideranno; ma tre giorni dopo essere stato ucciso, risusciterà. Ma essi non capivano le sue parole e temevano d'interrogarlo. (Marco 9:31-32).

Commentando il versetto “essi non capivano le sue parole [del Vangelo] e temevano d'interrogarlo” il Dr. A. T. Robertson disse:

Continuavano a non capire. Erano agnostici [increduli] sull’argomento della morte [di Cristo] e sulla risurrezione, persino dopo la Trasfigurazione … Mentre scendevano dalla montagna essi tennero per sé la cosa, domandandosi tra di loro che significasse quel risuscitare dai morti (Marco 9:10). Matteo 17:23 “essi ne furono molto rattristati” nel sentire parlare Gesù [sulla sua morte e risurrezione] ma Marco aggiunge che “temevano d’interrogarlo” (Traduzione di A. T. Robertson, Litt.D., Word Pictures in the New Testament, Broadman Press, 1930, volume I, p. 344; nota su Marco 9:32).

Tutto ciò ci mostra chiaramente che I Discepoli non credettero nel Vangelo di Cristo fino alla risurrezione.

Il Dr. J. Vernon McGee disse che i Discepoli non furono rigenerati (nati di nuovo) finché non incontrarono Cristo la sera di Pasqua. Il Dr. McGee disse: “Personalmente credo che nel momento in cui Cristo soffiò su di loro [Giovanni 20:22] questi uomini furono rigenerati. Prima di questo episodio non avevano lo Spirito di Dio” (Traduzione di J. Vernon McGee, Th.D., Thru the Bible, Thomas Nelson Publishers, volume IV, p. 498; nota su John 20:21).

Sulla base del mio studio personale delle Scritture, anche io sono convinto che Simon Pietro non era nato di nuovo e non era convertito finché ha incontrato Gesù risorto la sera di Pasqua. Notate ancora nel testo:

“«Simone, Simone, ecco, Satana ha chiesto di vagliarvi come si vaglia il grano; ma io ho pregato per te, affinché la tua fede non venga meno; e tu, quando sarai convertito, fortifica i tuoi fratelli»”. (Luca 22:31-32)

Satana aveva già preso Giuda “Satana entrò in Giuda” (Luca 22:3). Ora Gesù disse a Pietro: Simone, Simone, ecco, Satana ha chiesto di vagliarvi come si vaglia il grano” (Luca 22:31). Durante le sofferenze di Cristo, Pietro andò incontro a “violenti e continui scossoni” come quelli di un setaccio (vedi Dr. R. C. H. Lenski).). Pietro aveva un po’ di fede, e Cristo pregò affinché quella fede che aveva non “fallisse.” La fede di Pietro era quella che Spurgeon chiamava “fede prima della fede,” ovvero, l’illuminazione prima della conversione. Dio aveva già illuminato Pietro, dandogli abbastanza fede per poter dire: “Tu sei il Cristo, il Figlio dell’Iddio vivente” (Matteo 16:16). Ora Cristo aveva pregato per Pietro, affinché la fede nascente di Pietro non fosse spenta da Satana, prima di essere rigenerato e convertito la sera di Pasqua.

“E tu, quando sarai convertito, fortifica i tuoi fratelli»” (Luca 22: 32).

Questa interpretazione non è solita per questo versetto. Tuttavia penso che sia vera. Per favore seguitemi fino alla fine, prima di giudicare la mia conclusione. Ci sono tre punti che mi portano a credere che Cristo, nel nostro testo, sta parlando della vera conversione di Simon Pietro la sera di Pasqua.

I. Primo, questo versetto si riferisce alla conversione di Pietro, perché la Bibbia King James e la Bibbia di Ginevra del 1599 traducono correttamente il termine in greco con “convertito.”

So che alcune traduzioni moderne traducono “ritornato” oppure “tornado.” Ma ciò mi turba. Mi sembra inconsistente, perché la radice del termine in greco è lo stesso di Atti 15:3, che parla della “conversione dei Gentili” (vedi a proposito la NIV e la NASV, entrambe traducono “conversione”). Perché i termini in greco “epistrephō,” “epistrophe,” sono stati tradotti rispettivamente in Luca 22:32 con “tornato” e convertito” in Atti 15:3? Credo che la ragione è abbastanza semplice: è ovvio che i Gentili erano veramente “convertiti.” “Ritornati” non avrebbe avuto senso. Però quando i traduttori moderni arrivarono a Pietro in Luca 22:32 le loro nuove presupposizioni evangeliche “decisioniste” non gli permisero di utilizzare lo stesso termine della vecchia KJV e della Bibbia di Ginevra del 1599: “convertito.” Secondo me le versioni moderne sono deboli sistemazioni piuttosto che traduzioni corrette. Il Dr. Bernard Ramm disse: “l’ermeneutica è la scienza e l’arte dell’interpretazione Biblica” (Traduzione di Bernard Ramm, Ph.D., Protestant Biblical Interpretation, Baker Book House, 1970 edition, pagina 1). Il Dr. Ramm disse anche: “I Riformatori hanno proclamato che la Scrittura interpreta la Scrittura.” Uno dei principi dell’ermeneutica è lasciare alla Scrittura interpretare la Scrittura. Se studiosi traducono “la conversione dei Gentili” in Atti 15:3, allora dovrebbero tradurre anche Luca 22:32 con “quando tu sarai convertito,” come ha tradotto in modo affidabile la Bibbia di Ginevra del 1599 e la King James! Persino la Nuova King James si sbaglia. Infatti è stato usato il termine “conversione” per i Gentili, e “ritornato” per Pietro in Luca 22:32. Ancora una volta, voglio dirvi che è per questo motivo che predico dalla King James! Parafrasando Moody, vorrei dire che la King James porta luce su molte traduzioni moderne! Ho trovato questo vero tante volte.

“Io ho pregato per te, affinché la tua fede non venga meno; e tu, quando sarai convertito, fortifica i tuoi fratelli” (Luca 22:32).

Amico, non sono solo I Gentili che hanno bisogno di essere convertiti. Anche Pietro! Non sono solamente le persone per strada che hanno bisogno di essere convertite, o no, ci sono persone in questa chiesa, che sono qui proprio questa sera che hanno bisogno di essere convertite, e non di “ritornare”! Convertite! Gesù disse: “Devi nascere di nuovo” (Giovanni 3:7). Devi essere rigenerato e convertito o “non entrerai nel regno di Dio” (Giovanni 3:5).

“E tu, quando sarai convertito, fortifica i tuoi fratelli” (Luca 22: 32).

II. Secondo, questo versetto ci mostra che nessuno è convertito seguendo Gesù, o perché è stato battezzato o persino per illuminazione Divina.

Questa è la seconda lezione che possiamo imparare dalla conversione di Pietro. I Cattolici Romani e molti Battisti e Protestanti “decisionisti” ritengono che Pietro era già convertito quando ha seguito Gesù. La Bibbia dice:

“Mentre passava lungo il mare di Galilea, egli vide Simone e Andrea, fratello di Simone, che gettavano la rete in mare, perché erano pescatori. Gesù disse loro: «Seguitemi, e io farò di voi dei pescatori di uomini». Essi, lasciate subito le reti, lo seguirono.” (Marco 1:16-18).

Pensare che I Discepoli sono stati salvati perché hanno seguito Gesù è un errore del Pelagianesimo, ed è anche un errore comune a molte chiese di oggi. Sì, Pietro e Andrea “hanno lasciato le reti e lo hanno seguito” (Marco 1:18), ma non si è convertiti per un atto umano come questo. Giuda, il “figlio della perdizione,” aveva anche seguito Gesù, ma non è stato convertito. Il Vangelo di Luca lo chiama “Giuda Iscariota, il traditore” (Luca 6:16). Gesù lo chiama anche “un demonio” (Giovanni 6:70).

Sì, Giuda e Pietro seguirono Gesù per tre anni, ma nessuno di loro credette al Vangelo. Ascoltiamo cosa dice Luca 18:31-34

“Poi, prese con sé i dodici, e disse loro: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme, e saranno compiute riguardo al Figlio dell'uomo tutte le cose scritte dai profeti; perché egli sarà consegnato ai pagani, e sarà schernito e oltraggiato e gli sputeranno addosso; e, dopo averlo flagellato, lo uccideranno; ma il terzo giorno risusciterà». Ed essi non capirono nulla di tutto questo; quel discorso era per loro oscuro, e non capivano ciò che Gesù voleva dire.” (Luca 18:31-34).

“Quel discorso era per loro oscuro.” Quale “discorso”? Le parole del Vangelo, che Cristo sarebbe morto r poi risorto dalla morte il terzo giorno. Pietro e Giuda avevano fatto una “decisione” di seguire Cristo, ma il Vangelo era ancora “nascosto per loro.” Il Dr. Charles C. Ryrie disse: “Giuda è un esempio di un discepolo non salvato di Cristo” (Traduzione da Ryrie Study Bible; nota di Matteo 10:1). Ma perché fermarsi con Giuda, quando anche Pietro ha abbandonato Gesù? Nessuno di loro comprendeva il Vangelo “era oscuro per loro”. (Luca 18:34).

Amico, puoi “andare avanti” in un servizio eppure non essere nato di nuovo. Puoi decidere di seguire Cristo e non essere convertito. Puoi anche dire la “preghiera del salvatore” e non essere salvato. Perché tutte queste sono opere umane, e non possiamo essere convertiti mediante le opere umane! La Bibbia dice:

“Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù di opere affinché nessuno se ne vanti” (Efesini 2:8-9).

La Bibbia dice:

“Egli ci ha salvati non per opere giuste da noi compiute, ma per la sua misericordia, mediante il bagno della rigenerazione e del rinnovamento dello Spirito Santo, che egli ha sparso abbondantemente su di noi per mezzo di Cristo Gesù, nostro Salvatore” (Tito 3:5-6).

Non puoi essere salvato seguendo Gesù, o facendo un’altra opera umana. Io stesso ho provato a essere salvato in questo modo, ma non ha funzionato. Sono stato un predicatore Battista per più di tre anni prima che Cristo mi salvasse mediante la Sua grazia! Poi sono stato attirato a cristo da Dio, e sono stato purificato dai miei peccati mediante il Sangue di Cristo.

“Ma,” qualcuno dice, “Pietro è stato battezzato.” Sì, lo so. Anche Giuda. E anche io sono stato battezzato, sette anni prima di essere convertito! Ma Pietro ha avuto fede per poter dire «Tu sei il Cristo, il Figlio dell’Iddio vivente» (Matteo 16:16), e Gesù disse che Dio glielo aveva “rivelato” (Matteo 16:17). Sì, lo so. E Dio ha rivelato anche a me che Gesù è il Cristo, molto tempo prima della mia conversione. Notate anche che Dio ha rivelato questa cosa anche ai demoni: “Anche i demoni uscivano da molti, gridando e dicendo: «Tu sei il Figlio di Dio!» Ma egli li sgridava e non permetteva loro di parlare, perché sapevano che egli era il Cristo. (Luca 4:41). I demoni dicevano la stessa cosa che diceva Pietro su Gesù. Quindi Pietro non conosceva niente di più rispetto ai demoni prima di essere convertito.

Non siamo convertiti perché seguiamo Gesù. Non siamo convertiti perché siamo stati battezzati. Non siamo convertiti se crediamo che Gesù è il Cristo. Pietro aveva sperimentato tutte queste cose, tuttavia Gesù gli disse:

“E tu, quando sarai convertito, fortifica i tuoi fratelli” (Luca 22: 32).

III. Terzo, questo versetto dovrebbe essere visto nel contest dell’intera narrazione dei Quattro Vangeli.

Nei quattro Vangeli si può vedere come Gesù abbia detto chiaramente a Pietro e agli altri che stava andando a Gerusalemme per morire e risuscitare dalla morte il terzo giorno. Gesù lo ha ripetuto per ben cinque volte a Pietro e agli altri in Matteo 16:21; 17:12; 17:22-23; 20:18-19; e 20:28. Il Dr. J. Vernon McGee disse che Pietro e gli altri “Nonostante queste istruzioni intensive, i discepoli non afferrarono il significato [del Vangelo] fino alla risurrezione” (Traduzione di J. Vernon McGee, Th.D., Thru the Bible, Thomas Nelson Publishers, volume IV, p. 93; nota su Matteo 16:21).

“E tu, quando sarai convertito, fortifica i tuoi fratelli” (Luca 22: 32).

“Bene,” qualcuno potrebbe dire, “dove dice la Bibbia che Pietro si è convertito dopo la risurrezione di Gesù?” È chiaro verso la fine di tutti e quattro i Vangeli! Luca lo rende molto chiaro:

“Ora, mentre essi parlavano di queste cose, Gesù stesso comparve in mezzo a loro, e disse: «Pace a voi!» Ma essi, sconvolti e atterriti, pensavano di vedere uno spirito. Ed egli disse loro: «Perché siete turbati? E perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi, perché sono proprio io! Toccatemi e guardate, perché uno spirito non ha carne e ossa, come vedete che ho io». E, detto questo, mostrò loro le mani e i piedi. Ma siccome per la gioia non credevano ancora e si stupivano, disse loro: «Avete qui qualcosa da mangiare?» Essi gli porsero un pezzo di pesce arrostito; egli lo prese, e mangiò in loro presenza. Poi disse loro: «Queste sono le cose che io vi dicevo quand'ero ancora con voi: che si dovevano compiere tutte le cose scritte di me nella legge di Mosè, nei profeti e nei Salmi». Allora aprì loro la mente per capire le Scritture e disse loro.” (Luca 24:36-45).

E Giovanni aggiunge:

“La sera di quello stesso giorno, che era il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, Gesù venne e si presentò in mezzo a loro, e disse: «Pace a voi!» E, detto questo, mostrò loro le mani e il costato. I discepoli dunque, veduto il Signore, si rallegrarono. Allora Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre mi ha mandato, anch'io mando voi». Detto questo, soffiò su di loro e disse: «Ricevete lo Spirito Santo.” (Giovanni 20:19-22).

È stato la sera di Pasqua che il Cristo risorto apparso a Pietro e gli altri, e ha mostrato loro le ferite dei chiodi nelle sue mani, e la ferita della lancia nel Suo costato, che ha aperto loro la comprensione delle profezie dell’Antico Testamento concernenti la crocifissione. Poi ha soffiato su di loro ed essi ricevettero lo Spirito Santo. In quel momento Pietro è stato finalmente rigenerato (è nato di nuovo) ed è stato convertito. L’opera dello spirito di Dio è stata così forte, così come l’impressione nel vedere Gesù risorto corporalmente, con i segni dei chiodi nelle mani e la ferita nel costato, che Pietro non ha avuto più dubbi. Anni dopo, Pietro scrisse con grande confidenza che Cristo “egli ha portato i nostri peccati nel suo corpo, sul legno della croce … e mediante le sue lividure siete stati guariti” (I Pietro 2:24). Questo ci mostra che Pietro è stato veramente convertito! Dopo la sua conversione quella sera Pietro non ha mai rinnegato Cristo. Ha predicato il Vangelo di Cristo fino alla fine della sua vita. Dopo aver sperimentato molte sofferenze è stato crocifisso a testa in giù e ha finito la sua vita con fedeltà proclamando Cristo. Ancora una cosa. Gesù disse a Pietro! Quando sarai convertito, fortifica i tuoi fratelli” (Luca 22:32). Solo un altro pensiero; quando sei stato veramente convertito non è provato tanto da ciò che dici, né tantomeno da ciò che senti. La vera prova della conversione è questa: puoi fortificare gli altri? Puoi aiutare gli altri? Alla fine del Vangelo di Giovanni Gesù risorto disse a Pietro: “Mi ami tu”? Pietro gli disse: “Signore tu sai che ti voglio bene. Gesù gli disse, pasci le mie pecore” (Giovanni 21:17). Da questo momento in poi Pietro non ha esitato pù. Ha predicato il Vangelo e ha condotto altri a Cristo per il resto della sua vita. Se sei stato veramente convertito, avrai la capacità di fortificare gli altri, e sarai un vero aiuto e una benedizione per i perduti. Se questo frutto manca completamente nella tua vita, allora non sei stato veramente convertito. Tutto ciò che hai sono solamente parole. Non hai ancora incontrato “Gesù Cristo stesso” (Efesini 2:20). Noi preghiamo che Dio ti attiri a Gesù per la purificazione dal peccato mediante il Suo Sangue! Allora sarai veramente convertito, come lo è stato Pietro la sera di Pasqua. Amen. Per favore Dr. Chan conducici in preghiera.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dott. Hymers ogni settimana su Internet all’indirizzo
www.realconversion.com cliccando sulla voce “Sermoni in italiano”.

Puoi contattare via email il Dott. Hymers in inglese all’indirizzo:
 rlhymersjr@sbcglobal.net o puoi contattarlo scrivendo all’indirizzo:
P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015;
puoi telefonargli al numero: 001 (818)352-0452.

Questi sermoni sono senza diritto d’autore e possono essere utilizzati senza permesso
del dott. Hymers Invece tutti i video messaggi del dott. Hymers sono coperti da
copyright e possono essere utilizzati solamente con il permesso dell’autore.

Assolo cantata da Benjamin Kincaid Griffith: “The Attraction of the Cross” (di Samuel Stennett, 1727-1795).


SCHEMA DE

LA CONVERSIONE DI PIETRO

THE CONVERSION OF PETER

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.

“«Simone, Simone, ecco, Satana ha chiesto di vagliarvi come si vaglia il grano; ma io ho pregato per te, affinché la tua fede non venga meno; e tu, quando sarai convertito, fortifica i tuoi fratelli»”. (Luca 22:31-32).

(Marco 9:31-32, 10; Matteo 17:23; Luca 22:3; Matteo 16:16)

I.   Primo, questo versetto si riferisce alla conversione di Pietro, perché la Bibbia King James e la Bibbia di Ginevra del 1599 traducono correttamente il termine in greco con “convertito.” Atti 15:3.

II.  Secondo, questo versetto ci mostra che nessuno è convertito seguendo Gesù, o perché è stato battezzato o persino per illuminazione Divina,
Marco 1:16-18; Luca 6:16; Giovanni 6:70; Luca 18:31-34; Efesini 2:8-9; Tito 3:5-6; Matteo 16:16, 17; Luca 4:41.

III. Terzo, questo versetto dovrebbe essere visto nel contest dell’intera narrazione dei Quattro Vangeli, Matteo 16:21; 17:12, 22-23, 20:18-19, 28;
Luca 24:36-45; Giovanni 20:19-22; I Pietro 2:24; Giovanni 21:17;
Efesini 2:20.