Print Sermon

Lo scopo di questo sito Web è di fornire manoscritti gratuiti e video di sermoni a pastori e missionari in tutto il mondo, in particolare nel Terzo mondo, dove, se ci sono, sono pochi i seminari teologici o le scuole bibliche.

Questi manoscritti e video sono disponibili per 1,500,000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com . Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 40 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net .




TUTTO CIÓ DI CUI HO BISOGNO È GESÚ

ALL I NEED IS JESUS
(Italian)

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato presso il Tabernacolo Battista di Los Angeles
La mattina del giorno del Signore, 3 maggio 2014
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Saturday Evening, May 3, 2014

“Ed è grazie a lui che voi siete in Cristo Gesù, che da Dio è stato fatto per noi sapienza, giustizia, santificazione e redenzione; affinché, com'è scritto: «Chi si vanta, si vanti nel Signore».” (I Corinzi 1:30, 31).


Il nostro testo fa parte del primo capitolo di I Corinzi, il brano che il fratello Prudhomme ha letto pochi minuti fa. L’Apostolo dice che né uomini sapienti, né uomini potenti (influenti), né uomini nobili (grandi) sono salvati. Costoro non pensano di avere bisogno di Dio. Si preoccupano solamente delle cose di questo mondo. Costoro non sono disposti a soffrire per la perdita di qualcosa, non sono disposti a rinunciare a sé stessi per prendere la croce e seguire Cristo.

L’Apostolo ricorda ai Corinzi che non avevano molte persone ricche o famose nella loro chiesa. Anzi la loro chiesa era formata da persone che erano state scelte da Dio, persone che il mondo incredulo avrebbe chiamate pazze, deboli, e disprezzate, neppure degni di essere notati. Dio sceglie persone così per “ridurre a niente” i grandi e i mondani sapienti. Ed è esattamente ciò che è accaduto. Il mondo ha ritenuto che i Cristiani fossero completamente irrilevanti. Ma si sbagliavano. Questi piccoli e irrilevanti Cristiani si sarebbero diffusi per tutto l’Impero Romano, e più tardi per tutto il mondo. Dio ha scelto i Cristiani modesti per ridurre a niente il grande e pagano Impero romano. Mi sembra che Dio lo stia facendo nuovamente nella Cina Comunista. Come dice uno dei nostri inni:” La fede è vittoria, la fede è vittoria che il mondo vincerà.” Quando l’America così come noi la conosciamo passerà, ci saranno tuttavia dei Cristiani qui.

La fede è vittoria, la fede è vittoria!
Oh, gloriosa vittoria che il mondo vincerà.
(“Faith is the Victory” di John H. Yates, 1837-1900).

Dio ha scelto gente debole e umile come noi, affinché nessuno possa vantarsi: “perché nessuno si vanti di fronte a Dio” (I Corinzi 1:29). Il Dr. J. Vernon McGee ha detto che molti evangelici “danno importanza a persone rilevanti che [hanno fatto professione di fede] come artisti, industriali, e gente di primo piano nel governo. Ma Dio si specializza in gente mediocre. Egli chiama gente semplice come te e me” (Traduzione in italiano di J. Vernon McGee, Th.D., Thru the Bible, Thomas Nelson :Publishers, 1983, volume V, p. 12).

Hai mai notato che noi non diamo importanza all’evangelizzazione rivolgendoci ai ricchi e famosi? Ti sei mai chiesto perché? Bene, questa sezione della Bibbia ci dice perché:

“Infatti, fratelli, guardate la vostra vocazione; non ci sono tra di voi molti sapienti secondo la carne, né molti potenti, né molti nobili; ma Dio ha scelto le cose pazze del mondo per svergognare i sapienti; Dio ha scelto le cose deboli del mondo per svergognare le forti; Dio ha scelto le cose ignobili del mondo e le cose disprezzate, anzi le cose che non sono, per ridurre al niente le cose che sono, perché nessuno si vanti di fronte a Dio.” (I Corinzi 1:26-29).

Vedete, da anni abbiamo imparato dall’esperienza che non possiamo fare in modo che i ricchi e i famosi vengano in chiesa per l’ascolto del Vangelo e siano salvati. La nostra chiesa cresce perché noi evangelizziamo i giovani universitari o delle scuole superiori. Il mondo pensa che i giovani siano stupidi e deboli. Ma Dio chiama alcuni di voi, mente passa oltre i ricchi e i famosi! Dio sa che pochissimi di loro ascolteranno e diverranno discepoli di Cristo! Costoro sono troppo concentrati su sé stessi, e sono troppo materialisti per diventare dei veri Cristiani. Perciò Dio passa oltre loro. Non li chiama con una chiamata effettiva, Egli chiama pressoché esclusivamente giovani. E alcuni di voi sono stati attratti da Cristo e sono stati da Lui salvati. Il nostro testo espone quale privilegio c’è nell’essere chiamati da Dio ed essere salvati attraverso Suo Figlio Gesù!

“Ed è grazie a lui che voi siete in Cristo Gesù, che da Dio è stato fatto per noi sapienza, giustizia, santificazione e redenzione; affinché, com'è scritto: «Chi si vanta, si vanti nel Signore».” (I Corinzi 1:30, 31).

Possiamo tracciare almeno tre lezioni da questo testo.

I. Primo, il privilegio dell’essere attratti da Cristo Gesù.

Il testo dice: “Ed è grazie a lui che voi siete in Cristo Gesù…” (I Corinzi 1:30). “A Lui”: cioè “a Dio”. Potrebbe essere tradotto: “Ma per la sua opera voi siete in Cristo Gesù”. Questo mostra chiaramente che Dio è l’Unico che attira le anime perdute in unione con Cristo. Dio dice attraverso il profeta Osea: “Io li attiravo con corde umane, con legami d'amore; ero per loro come chi solleva il giogo dalle mascelle, e porgevo loro dolcemente da mangiare.” (Osea 11:4). E Gesù disse “Nessuno può venire a me se non lo attira il Padre, che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell'ultimo giorno” (Giovanni 6:44). Il “decisionismo” moderno insegna che le persone possono andare a Cristo ogni volta che lo sentono! Ma la Bibbia insegna che solo Dio può condurre i peccatori perduti in unione con Cristo. “Ed è grazie a lui che voi siete in Cristo Gesù.” “Ma per la sua opera voi siete in Cristo Gesù”. Spurgeon lo ha spiegato dicendo: “per mezzo di Dio noi siamo in Cristo Gesù.”

Questo dimostra quanto sia completamente sciocco pensare che si possa imparare come andare a Cristo. Dio deve portarti in Cristo. Dio soltanto “ci ha risuscitati con lui e con lui ci ha fatti sedere nel cielo in Cristo Gesù” (Efesini 2:6). Ti farà bene pensare a questa grande verità se sei stato già salvato. Tu non hai convertito te stesso. Dio ti ha convertito. Tu non devi capire come si fa ad andare a Cristo ed essere “in Lui”. No! No! “Ed è grazie a lui che voi siete in Cristo Gesù.” Per mezzo della attrazione di Dio tu sei un membro del corpo di Cristo, unito con Gesù. Ti farà bene ricordare com’era essere perduto. Ti farà bene ricordare come hai lottato e tuttavia non eri capace di andare a Gesù. Farà bene ad ogni Cristiano ricordare i continui fallimenti fino a che alla fine per mezzo di Dio è giunto a Cristo Gesù! Ecco perché i veri cristiani cantano con stupore:

Stupenda grazia del Signor
Che dolce questo suon.
Un cieco ero io, ma Cristo mi sanò,
Perduto or salvo son.
   (Versione italiana dell’inno in inglese “Amazing Grace”
      di John Newton, 1725-1807).

Oh! È una cosa stupenda che Dio, nella Sua grazia ti abbia unito a Cristo Gesù!

Ma ora vorrei rivolgere una domanda ad alcuni di voi: “sei in Cristo Gesù?” Potrebbe dire di te l’Apostolo “Ed è grazie a lui che tu sei in Cristo Gesù”?

Gesù Cristo è pronto a riceverti se desideri veramente andare a Lui. Ma non puoi sapere per quanto tempo ancora la porta rimarrà aperta. Il patriarca Noè è entrato nell’arca e così è stato salvato. L’arca è un tipo di Cristo. Ti sei mai chiesto come mai nessuno se non la famiglia di Noè è entrato nell’arca? Mentre scrivevo questo sermone ho provato a pensare a diverse ragioni. Forse ne penserai altre, ma io sono solo riuscito a trovarne tre.

1. Uno, la gente al tempo di Noè non pensava che il giudizio sarebbe caduto su di loro: non erano convinti del loro peccato.

2. Due, non credevano a quello che Noè aveva predicato. Era un “Predicatore di giustizia” (II Pietro 2:5). Ma non credettero alla sua predicazione.

3. Tre, erano troppo orgogliosi per umiliarsi e affidarsi all’arca per essere salvati.


Credo che una o più tra queste tre cose impediscano ad alcuni di voi di andare a Cristo. Le ripeterò. Prova a pensare quale (o quali) di esse ti impediscono di andare a Gesù.

1. Uno, non pensi che il giudizio ti colpirà: non sei convinto del tuo peccato.

2. Due, non credi a quello che viene predicato.

3. Tre, sei troppo orgoglioso per umiliarti e affidarti a Cristo per la tua salvezza.


È questa la tua condizione stasera? Dobbiamo dire con il grande evangelista George Whitefield (1714-1770): “Le persone non accetteranno mai [Cristo], e noi non possiamo confortarli, fino a che non saranno disgustati dal peccato, e avranno la volontà di abbracciare Gesù” (traduzione in italiano di George Whitefield, “The Duty of a Gospel Minister”).

Ti sembra una contraddizione? Non puoi andare a Gesù da solo: e tuttavia devi andare a lui o perirai. I predicatori di una volta lo chiamavano “la morsa del Vangelo”. Sei schiacciato come in una morsa. Una parte della morsa ti dice che devi andare a Gesù. L’altra parte della morsa ti dice che non puoi andare a Lui da solo. Allora cosa puoi fare? Bene, potresti lasciare questa chiesa e andare per la tua strada, dicendo che è troppo difficile. Oppure potresti fare quello che la gente dei giorni di Noè non ha mai fatto:

“Siate afflitti, fate cordoglio e piangete! Sia il vostro riso convertito in lutto, e la vostra allegria in tristezza! Umiliatevi davanti al Signore, ed egli v'innalzerà.” (Giacomo 4:9-10).

Il Dr. Martyn Lloyd-Jones ha detto:

Siamo stati troppo ansiosi di affrettare le persone a prendere un asorta di “decisione”. È solo quando hai sofferto molti dolori che puoi apprezzare il sollievo. È l’uomo che è stato guarito sulla soglia della morte che è più grato per la sua guarigione. È il peccatore che è stato a un passo dall’inferno colui che più apprezza le glorie del Cielo. (Traduzione in italiano di Martyn Lloyd-Jones, M.D., The Assurance of Our Salvation, Crossway Books, 2000, p. 305).

Solo Cristo può salvarti. Me lo avete sentito dire tante volte. Ma non ci crederete finché non lo sperimenterete. Dio sa che

Un uomo convinto contro la sua volontà
È ancora della sua opinione

Quindi, per convincerti, Dio deve portarti al punto della disperazione. Devi essere condotto al punto di sentire un disperato bisogno di Cristo. Devi essere condotto al punto di sentire di non avere alcuna speranza in te stesso. Devi essere condotto a pensare: “Io non sopporto essere così! Ho bisogno che Gesù perdoni i miei peccati!” Il Dr. Lloyd-Jones ha detto: “Nessuno è mai andato a Cristo senza aver raggiunto il punto della disperazione”. (Traduzione in italiano di Martyn Lloyd-Jones, M.D., God’s Way Not Ours, The Banner of Truth Trust, 2003, p. 71). Dio deve risvegliare in te il senso di bisogno, e così Dio ti condurrà a Gesù per la guarigione. Non puoi fare queste cose da te. Molte persone non hanno mai sperimentato tutto ciò. Non sono mai state consapevoli delle loro condizioni disperate, e non sono mai state attirate a Cristo. Ecco perché dico che è un privilegio essere condotti a Cristo ed essere “in Cristo Gesù.” La Bibbia dice: “Poiché molti sono i chiamati, ma pochi gli eletti” (Matteo 22:14).

II. Secondo, le ricchezze disponibili per coloro che sono in Cristo Gesù.

Forse ho speso troppo tempo sul privilegio dell’essere attratti a Cristo. Ma è estremamente importante. Non si possono ricevere le ricchezze di Cristo se non si è stati condotti a Cristo. Queste ricchezze sono fornite solo a coloro che appartengono a Cristo, che “sono in Cristo Gesù”. Il testo dice:

“Ed è grazie a lui che voi siete in Cristo Gesù, che da Dio è stato fatto per noi sapienza, giustizia, santificazione e redenzione” (I Corinzi 1:30).

Saggezza, giustizia, santificazione e redenzione: sono le quattro cose che questo testo promette a coloro che “sono in Cristo Gesù.” Primo, ci viene promessa al “saggezza”. Subito dopo essere stato salvato, ricordo che pensavo al fatto che non avevo nessuno rialzarmi o aiutarmi. I miei genitori erano divorziati, non avevo fonti di reddito, ricordo che pensavo che non potevo permettermi alcun errore. Anche un solo errore avrebbe potuto impedirmi di diventare un missionario. Così ho chiesto specificatamente a Dio di darmi saggezza. Ed Egli mi ha dato saggezza! Ero costantemente spaventato che avrei vacillato se Cristo stesso non mi avesse sostenuto. Ed Egli mi ha sostenuto! Ed Egli mi ha dato saggezza! Una donna anziana che mi conosceva quando studiavo al college, mi ha detto non molto tempo fa: “sei sempre stato un giovane molto serio.” È stato Gesù che mi ha reso serio. È stato Gesù che mi ha dato saggezza. La Bibbia dice: “Il timore del SIGNORE è il principio della scienza.” (Proverbi 1:7).

Secondo, ci è stata promessa “giustizia”. Cristo Stesso si è “fatto giustizia per noi” Noi siamo vestiti della giustizia di un altro: Gesù Cristo Stesso! Come dice un vecchio inno: “Vestiti della Sua sola giustizia, Per essere immacolati davanti al trono” (“La Solida Roccia”). Molte volte il Diavolo è venuto e mi ha detto: “come puoi predicare questo o quello?” “Come puoi fare questa affermazione o quell’altra?” Oh, come sono state dolci in quei momenti le parole di Efesini al capitolo 1! Sta scritto: “a lode della gloria della sua grazia, che ci ha concessa nel suo amato Figlio. In lui abbiamo la redenzione mediante il suo sangue, il perdono dei peccati secondo le ricchezze della sua grazia” (Efesini 1:6-7). L’Amato è Gesù. Sono stato accettato in Gesù. La mia giustizia proviene da Lui! “Vestiti della Sua sola giustizia, Per essere immacolati davanti al trono” Quando il Diavolo mi ha detto che non ero abbastanza bravo a predicare, quando ero giovane, potevo rispondere con queste parole: “a lode della gloria della sua grazia, che ci ha concessa nel suo amato Figlio. In lui abbiamo la redenzione mediante il suo sangue, il perdono dei peccati secondo le ricchezze della sua grazia” (Efesini 1:6-7). Che benedizione! Che conforto quando il Diavolo si infuria. Questo è il modo in cui i Santi nella Tribolazione vincono Satana! “Ma essi lo hanno vinto per mezzo del sangue dell'Agnello” (Apocalisse 12:11). Il grande missionario il Conte Nicolaus Zinzendorf ha detto:

E baldo starò in quel grande giorno
Perché chi deporrà alcunché a mio carico?
Mentre attraverso il tuo sangue sono stato liberato
Dalla tremenda maledizione e dalla vergogna del peccato.
   (Traduzione letterale dell’inno in inglese “Jesus, Thy Blood and
      Righteousness” del Conte Nicolaus Zinzendorf,
      1700-1760; tradotto da John Wesley, 1703-1791).

Perciò, anche Cristo Gesù ha fatto per noi la santificazione. Lo Spirito Santo ci santifica affinché siamo uniti a Cristo. Se qualcuno è in Cristo non è una vecchia creatura con alcuni ritocchi estetici. No! No! “Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate: ecco, sono diventate nuove” (II Corinzi 5:17). La vecchia natura non viene mandata in ospedale per essere guarita. Ma è mandata alla croce per essere crocifissa. Non è trasformata e migliorata, ma è condannata a morte, per essere sepolta. Stranamente, la gente crede che può andare a Cristo per il perdono e la giustificazione, andare a Mosè se vogliono essere santi! Non funzionerà! Diventi più santo nello steso modo in cui sei stato slavato: diventi più santo attraverso la fede in Cristo. Cristo sulla Croce era la fonte della tua salvezza. Ora Cristo sulla Croce è la fonte della tua crescita nella grazia! Gesù ci salva dai nostri peccati, ed è fatto da Dio “santificazione” per noi. Ricorda queste parole grandiose:

Quando ti chiamerò per attraversare le acque
I fiumi della tristezza non ti sommergeranno;
Perché io sarò sempre con te per benedirti
E santificarti nelle tue angosce più profonde.
   (“How Firm a Foundation” di George Keith, 1638-1716).

Ora, l’ultimo oggetto che ci viene provveduto in Cristo è la “redenzione.” Ma qualcuno dice: “Non dovrebbe essere questa la prima ricchezza che deve essere data?” Sì, ma è anche l’ultima. Se sei un Cristiano, sei in qualche modo libero dal peccato, ma tuttavia non sei completamente redento dalla Sua potenza. Anche se dovessi morire non riceverai mai la piena redenzione. Tu stai “aspettando l'adozione, la redenzione del nostro corpo.” (Romani 8:23). La nostra redenzione in Cristo sarà realizzata pienamente solamente quando Gesù tornerà per noi sulle nuvole!

“Perché il Signore stesso, con un ordine, con voce d'arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo, e prima risusciteranno i morti in Cristo; poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo rapiti insieme con loro, sulle nuvole, a incontrare il Signore nell'aria; e così saremo sempre con il Signore.” (I Tessalonicesi 4:16-17).

Persino il mio vecchio corpo stanco sarà reso come il risorto Salvatore Stesso. Risusciteremo dalla morte per un’eterna redenzione: e vivremo di eterna gioia per sempre, perché siamo in Cristo Gesù, il principio e la fine della nostra salvezza. Ma mi affretto verso l’ultimo punto.

III. Terzo, diamo lode a Cristo Gesù perché ci ha salvati e per ciò che provvede per noi.

Posso solamente accennare questo punto.

“Ed è grazie a lui che voi siete in Cristo Gesù, che da Dio è stato fatto per noi sapienza, giustizia, santificazione e redenzione; affinché, com'è scritto: «Chi si vanta, si vanti nel Signore».” (I Corinzi 1:30, 31).

Vedete, fratelli e sorelle, la nostra stessa esistenza come Cristiani dipende completamente da Cristo Gesù. Coloro che veramente conoscono Cristo vorranno glorificarlo: si vanteranno di Cristo e di quello che Lui ha fatto per loro.

Odio ascoltare le cosiddette “testimonianze” dove la gente parla e parla di sé stessa, di che peccatori sono state, andando nei dettagli più violenti mentre raccontano le proprie oscenità, la loro ribellione, e la loro perversione. Di solito terminano dicendo: “e poi ho creduto in Gesù.” Attaccano Gesù al discorso come un pensiero aggiunto. Glorificano sé stessi per cinque minuti, vantandosi delle proprie vite: ma dispensano solo un secondo o due per dare gloria a Cristo! Queste testimonianze mi fanno venire la nausea! E penso che nauseino anche Dio!

“Chi si vanta, si vanti nel Signore” (I Corinzi 1:31).

Dovresti avere molto da dare quando dai una testimonianza del tuo glorioso Salvatore! Dovresti essere in grado di parlare di saggezza, di giustizia, di santificazione e di redenzione che hai in Cristo Gesù! Dovresti essere in grado di parare delle glorie del tuo Salvatore e Signore.

Ora alcune parole per voi che non siete salvati. Andrai a Gesù e riceverai queste benedizioni? Gesù ti salverà nel momento in cui crederai in Lui. Il Suo Sangue ti purificherà da tutto il tuo peccato. Andrai a Lui? O continuerai a rigettarlo e andrai avanti nella povertà spirituale fino a che sarai sorpreso da un’improvvisa caduta nella fossa dell’Inferno? Qual è la tua risposta?

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dott. Hymers ogni settimana su Internet all’indirizzo
www.realconversion.com cliccando sulla voce “Sermoni in italiano”.

Puoi contattare via email il Dott. Hymers in inglese all’indirizzo:
 rlhymersjr@sbcglobal.net o puoi contattarlo scrivendo all’indirizzo:
P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015;
puoi telefonargli al numero: 001 (818)352-0452.

Questi sermoni sono senza diritto d’autore e possono essere utilizzati senza permesso
del dott. Hymers Invece tutti i video messaggi del dott. Hymers sono coperti da
copyright e possono essere utilizzati solamente con il permesso dell’autore.

Scrittura letta prima del sermone dal Pastore: I Corinzi 1:26-31.
Assolo cantato prima del sermone da Benjamin Kincaid Griffith:
“All I Need” (autore sconosciuto).


SCHEMA DE

TUTTO CIÓ DI CUI HO BISOGNO È GESÚ

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.

“Ed è grazie a lui che voi siete in Cristo Gesù, che da Dio è stato fatto per noi sapienza, giustizia, santificazione e redenzione; affinché, com'è scritto: «Chi si vanta, si vanti nel Signore».” (I Corinzi 1:30, 31).

(I Corinzi 1:26-29)

I. Primo, il privilegio dell’essere attratti da Cristo Gesù, Osea 11:4; Giovanni 6:44; Efesini 2:6; II Pietro 2:5; Giacomo 4:9-10; Matteo 22:14.

II. Secondo, le ricchezze disponibili per coloro che sono in Cristo Gesù, Proverbi 1:7; Efesini 1:6, 7; Apocalisse 12:11; II Corinzi 5:17; Romani 8:23;
I Tessalonicesi 4:16-17;

III. Terzo, diamo lode a Cristo Gesù perché ci ha salvati e per ciò che provvede per noi, I Corinzi 1:31.