Print Sermon

Lo scopo di questo sito Web è di fornire manoscritti gratuiti e video di sermoni a pastori e missionari in tutto il mondo, in particolare nel Terzo mondo, dove, se ci sono, sono pochi i seminari teologici o le scuole bibliche.

Questi manoscritti e video sono disponibili per 1,500,000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com . Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 40 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net .




LE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DI
UN VERO RISVEGLIO

(SERMONE NUMERO 9 SUL RISVEGLIO)
THE MAIN FEATURES OF TRUE REVIVAL
(SERMON NUMBER 9 ON REVIVAL)
(Italian)

a cura del Dr. R.L. Hymers Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato presso il Baptist Tabernacle di Los Angeles
La sera del Giorno del Signore, 28 settembre 2014
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Lord's Day Evening, September 28, 2014


Pietro si alzò nel giorno della Pentecoste e fece una citazione dal Libro del Profeta Gioele:

“Avverrà negli ultimi giorni", dice Dio, "che io spanderò il mio Spirito sopra ogni persona; i vostri figli e le vostre figlie profetizzeranno, i vostri giovani avranno delle visioni, e i vostri vecchi sogneranno dei sogni. Anche sui miei servi e sulle mie serve, in quei giorni, spanderò [del] mio Spirito, e profetizzeranno.” (Atti 2:17, 18).

Dio sparse “del” Suo Spirito nei tempi dei risvegli. Egli dice: “in quei giorni, spanderò del mio Spirito.” Che strano che molte traduzioni moderne hanno tralasciato la parola “del,” che si trova invece nel testo greco. Ovvero apó in Greco. La Vecchia Bibbia di Ginevra ha: “del mio Spirito.” Anche la Diodati e la King James hanno “del mio Spirito.” Ma la Nuova Riveduta e le traduzioni moderne no. Ecco perché non confido in queste traduzioni. Ecco perché vi esorto a prendere una Bibbia King James. Di essa vi potete fidare! I vecchi traduttori non hanno tralasciato delle parole e nè le hanno rese con altri “equivalenti dinamici.” “Io spanderò in quei giorni del mio Spirito.” I liberali dicono che: “è come la Septuaginta.” Io dico che non ha senso! Questo è ciò che lo Spirito Santo ha ispirato nelle pagine del Greco del Nuovo Testamento, ed Egli non mente! Quando lo Spirito di Dio nella Septuaginta, le stesse prole in Greco sono “spanderò” come l’ispirazione del Nuovo Testamento. “Del mio Spirito.” Perché è importante? Vi dirò io perché. Dio non spande tutto il Suo Spirito. Egli ne spande giusto nella misura in cui ne abbiamo bisogno! George Smeaton nel 1882 disse: “C’è una sfumatura di significato che non deve essere perduta dell’espressione ʻdel mio Spiritoʼ (apó) distinguendo tra la misura [data] agli uomini e la pienezza [illimitata] delle risorse della fonte” (Traduzione in italiano di George Smeaton, The Doctrine of the Holy Spirit, 1882; ristampato da the Banner of Truth, 1974; p. 28). Le chiese apostoliche hanno ricevuto ripetutamente lo Spirito perché ce ne era sempre di più da dare! A proposito di “apó” (del) il Dr. A. T. Robertson disse: “Lo Spirito nella sua interezza rimane con Dio” (Traduzione in italiano di Word Pictures in the New Testament, volume 3, Broadman Press, 1930, p. 26; nota su Atti 2:17).

Sono stato benedetto eccezionalmente essendo un testimone oculare di tre risvegli inviati da Dio. Sono completamente d’accordo con Iain H. Murray, che disse: “I testimoni dei risvegli parlano invariabilmente di qualcosa che è stata data e che prima non c’era” (Traduzione in italiano di Iain H. Murray, Pentecost Today? The Biblical Basis for Understanding Revival, The Banner of Truth Trust, 1998, p. 22). Un testimone oculare del risveglio del 10859 in Ulster, nell’Irlanda del Nord disse: “Gli uomini si sono sentiti come se il Signore avesse soffiato su loro. Prima era oppressi dal timore e dalla paura, e poi sono scoppiati a piangere, infine sono stati ripieni di un amore inenarrabile” (Traduzione in italiano William Gibson, The Year of Grace, a History of the Ulster Revival of 1859, Elliott, 1860, p. 432). Il 29 Febbraio del 1860 il Reverendo D. C. Jones disse: “Siamo stati visitati con una misura più ampia dall’influenza dello Spirito rispetto al solito. È venuto “come un vento impetuoso” e … quando le chiese meno se lo aspettavano” (Murray, ibid., p. 25). Ed è in questo modo che è arrivato un risveglio nella prima e nella terza volta di cui io sono testimone. Lo Spirito Santo è disceso così improvvisamente e così inaspettatamente che non lo dimenticherò per tutta la mia vita!

Ora, in un vero risveglio, ci potrebbero essere degli eventi che sono periferici, non centrali. Questi sono eventi che si verificano in alcuni risvegli, ma non sono le caratteristiche principali di ogni risveglio. Ve ne citerò alcuni. Questo elenco è stato tratto dal libro Revival (Crossway Books, 1987) del Dr. Martyn Lloyd-Jones e dalla mia personale esperienza e osservazione dei risvegli che ho visto.

1. Le lingue. Nel primo risveglio, a Pentecoste, ci viene detto che essi “e cominciarono a parlare in altre lingue, come lo Spirito dava loro di esprimersi” (Atti 2:4). Molti dei nostri amici Pentecostali hanno ritenuto che questa fosse una caratteristica centrale, ovvero che in ogni risveglio ci dovesse essere le lingue. Ma ci sono due ragioni fondamentali per rigettare questa affermazione. (1) le “lingue di Atti capitolo 2 non erano espressioni di estasi. Erano lingue straniere vere e proprie. Questo è chiaro anche ina Atti 2:6-11: “ciascuno li udiva parlare nella propria lingua” (Atti 2:6). “Come mai li udiamo parlare ciascuno nella nostra propria lingua natia? (Atti 2:8). Poi una lunga lista di lingue vengono elencate, e infine: “noi li udiamo parlare delle grandi cose di Dio nelle nostre lingue” (Atti2:11). Quindi è chiaro che i Discepoli non parlarono in lingue in uno stato di trans, come fanno invece i moderni Pentecostali e i Carismatici. So che costoro fanno appello ad altri brani delle Scritture. Ma non voglio trattare in questo momento questo argomento. Sto semplicemente dicendo che coloro che a Pentecoste parlarono in lingue straniere lo fecero “come lo Spirito dava loro di esprimersi” (2:4). Non ho dubbi che si è trattato di un miracolo. Ma questa non è una parte centrale di un risveglio, perché durante altri risvegli riportati nel Libro degli Atti ciò non accadde. (2) Gli stati di trans non sono apparsi durante i risvegli Protestanti prima dei risvegli contraffatti del Ventesimo Secolo, e nemmeno sotto gli eccessi di Finney. Per favore non smettete di leggere. Potrai capire se ti troverai d’accordo con tutto ciò solamente se ascolti il resto di ciò che sto per dire. I risvegli contraffatti includono ogni forma di “decisionismo” e non solo il movimento Pentecostale e Carismatico, che sono solamente parte dei falsi “risvegli” dei nostri giorni. I risvegli contraffatti dell’era moderna affondano le proprie radici nel “decisionismo” nelle sue svariate forme. Inoltre, so bene che alcuni Pentecostali e Carismatici sono salvati. Ma le lingue non hanno mai fatto parte dei risvegli Protestanti della storia prima del Ventesimo Secolo, come ammettono anche gli studiosi Pentecostali.

2. “Apparvero loro delle lingue come di fuoco” (2:3). Questo è stato un evento unico. Non compare in nessun altro risveglio riportato nel Libro degli Atti, o nella storia Cristiana.

3. Gli spiriti immondi uscivano da molti indemoniati, mandando alte grida (Atti 8:7) e c’erano tantissime guarigioni (8:7). Nessuna di queste caratteristiche ci fu durante il Risveglio di Pentecoste! Perciò, di nuovo, questa non è una caratteristica fondamentale di un risveglio. Inoltre non viene riportato in altri risvegli di cui si parla sempre nel Libro degli Atti. So che il “risveglio della risata” (come viene detto) fa di questa caratteristica una cosa centrale, ma si sbagliano. Centinaia di risvegli sono apparsi nella storia del Cristianesimo dove questi eventi non si sono verificati, così come in altri risvegli citati dallo stesso Libro degli Atti.

4. Gli Apostoli furono messi in prigione dopo aver predicato durante il grande risveglio riportato in Atti 4:1-4. Ma l’imprigionamento non ha accompagnato tutti i risvegli riportati nel Libro degli Atti. Alcune volte questo è accaduto nella storia Cristiana, ma non sempre. Perciò, possiamo concludere che l’imprigionamento dei predicatori non è una caratteristica centrale di un risveglio.

5. Il tremore dei luoghi in cui erano riuniti di Atti 4:31. So che ciò accadde anche all’inizio del risveglio sull’isola di Lewis, dove predicò Duncan Campbell alla fine degli anni Quaranta. Ma non accade in nessun altra parte nel Libro degli Atti, e non viene riportato spesso nella storia dei risvegli. Perciò possiamo concludere che il tremore delle case non è una caratteristica fondamentale di un risveglio.

6. I libri bruciati a Efeso in Atti 149:19, 20. Sì a Efeso, durante il risveglio, la gente bruciò I libri di magia: “Così la Parola di Dio cresceva e si affermava potentemente” (19:20). Ho visto che ciò è accaduto in una Chiesa Battista Fondamentalista della Virginia. Ma non sono stati bruciati libri durante il risveglio che io ho visto nella Prima Chiesa Battista Cinese. E non è accaduto durante altri risvegli riportati nel Libro degli Atti. Quindi, possiamo concludere che anche questo episodio può essere una circostanza periferica e non una caratteristica centrale in un risveglio.

7. Confessione aperta dei peccati. Sì, uomini e donne confessano i propri peccati in pubblico in alcuni risvegli. Questo accade alcune volte, ad esempio nel risveglio del 1904 in Galles, nel 1960 a Asbury College in Kentucky (USA), e nella Prima Chiesa Battista Cinese, e anche altrove. Ma questo non ci fu nel Giorno di Pentecoste, e nemmeno nel Primo Grande Risveglio, né tantomeno in altri risvegli. Perciò, possiamo concludere che la confessione aperta dei peccati, davanti alla congregazione, è anche una caratteristica periferica e non centrale di un risveglio.

8. Gridare a cadere per terra. Sì, è accaduto poche volte durante il risveglio a Northampton nella chiesa di Jonathan Edwards, e in alcuni incontri condotti dal Dr. Asahel Nettleton durante il Secondo Grande Risveglio. Ma non è accaduto durante il ministero di George Whitefiled, sebbene avvenne durante alcuni incontri dove predicò durante il grande risveglio a Cambuslang in Scozia. Non è una caratteristica del Terzo Grande Risveglio sotto C: H: Spurgeon a Londra. Così come non né accadde a Pentecoste e né in alcuna altra parte nella Bibbia. Perciò gridare a cadere per terra non è una caratteristica fondamentale di un risveglio. Potrebbe accadere, ma non deve accadere in u risveglio. Coloro che sono “morti nello Spirito” quando sono toccati sulla fronte da un evangelista non è accaduto nei risvegli che abbiamo visto, né è mai accaduto in molti risvegli nella storia. (vedi il sesto capitolo di Iain H. Murray’s book, Pentecost Today? The Biblical Basis for Understanding Revival, Banner of Truth, 1998, pp. 134-169).


Non sto dicendo che ciò non accade mai, ma non è una cosa centrale in ogni vero risveglio attraverso i secoli. Se ricerchiamo queste cose, troveremo solitamente che siamo stati ingannati, ciascuno dal fanatismo o dal Diavolo stesso! Il Dr. Martyn Lloyd-Jones disse: “Non si devono esaltare gli assunti periferici a posizioni primarie e centrali” (Traduzione in italiano di Revival, Crossway Books, 1987, p. 60). Uno dei peggiori incontri a cui io abbia mai partecipato è il cosiddetto “Risveglio del Sorriso” in Florida, dove il sorriso è stato preso come caratteristica centrale del risveglio! Il Dr. Arthur B. Houk e io abbiamo assistito a un’altra orribile perversione del “risveglio” una sera a Pasadena, in California, dove i partecipanti ringhiavano come leoni e gridavano come scimmie! Non sono nemmeno sicuro del perché pensavano che ciò li aiutasse! Sembravano nient’altro che una caos isterico e l’infimo degli ordini! Dov’era in Cristo in tutto questo?

9. Non puoi “fare in modo” che il risveglio arrivi. Questo è “decisionismo.” Persino la preghiera e il digiuno non possono essere garanzia di un risveglio. L’insegnamento che un risveglio dipenda dalle azioni dei Cristiani deriva da Charles G. Finney (1792-1875). È stato fatto tanto male perché ha fatto in modo che la gente pensasse che il risveglio dipende da loro e non da Dio. Dio solo decide quando invierà un risveglio. Noi possiamo e dovremmo pregare per un risveglio. Ma dio soltanto decide quando manderà un risveglio. Non possiamo fare nulla per garantire un risveglio. È tutto interamente nelle mani di Dio. “Il potere appartiene a Dio.” Salmo 62:11 (Vedi Iain H. Murray, Pentecost Today?, The Banner of Truth Trust, 1998, pp. 8-16).


Quindi, cosa accade durante un vero risveglio? Quali sono le caratteristiche principali di un vero risveglio? Il Dr. Lloyd-Jones elenca alcune cose che accompagnano un vero risveglio. Egli ha basato queste cose su uno studio sul giorno della Pentecoste, nelle sue caratteristiche principali, nel suo libro Revival (ibid., pp. 204-211).

1. Dio discende in mezzo a loro. Ognuno è cosciente della Sua presenza, della Sua Gloria e della Sua Potenza. Questo è ciò che accade in una certa misura, e in parte in ogni risveglio che la Chiesa abbia mai conosciuto. (Non occorre dire che Dio è lì. Tu sai che Egli è lì! Questa è la mi personale esperienza nei risvegli che ho visto. Nella riunione c’era un senso di stupore e meraviglia. La gente era sbalordita, sentiva la presenza stessa di un Dio Santo).

2. Ci si unisce a una Chiesa, come risultato di una grande sicurezza concernente la verità. La gente è assolutamente certa e assicurata dalle verità Bibliche. Questa è un’esperienza universale al tempo di un risveglio.

3. La Chiesa è ripiena di grande gioia e di senso di lode. La gente improvvisamente sa che il Signore è venuto tra loro. “Le loro stesse face lo mostrano. Sono trasfigurati. Hanno un aspetto celestiale sui loro volti, che è espressione di questa gioia e questa lode … lo Spirito irradia tutta la loro personalità, dà loro gioia che è una gioia inesprimibile e piena di gloria” (Vedi Lloyd-Jones, ibid., p. 206).

4. Quando viene un risveglio non devi esortare la gente ad andare in Chiesa per adorare e ascoltare la predicazione. Loro stessi insisteranno ad andarci. Ci andranno sera dopo sera, e ci staranno per ore, come fecero a Pentecoste.

5. Una nuova Potenza e audacia viene data nella predicazione. Predicazione potente del Vangelo è caratteristica di ogni risveglio. Una nuova potenza viene sperimentata nella predicazione. Si ascolta come se le proprie vite dipendessero dalla predicazione. Quando arriva un risveglio la predicazione stessa attira folle di persone.

6. Quando il risveglio la gente viene sotto convinzione di peccato. I perduti sono così convinti di peccato che sono in agonia. Penso che questo sia forse la grande prova che Dio ha mandato il risveglio alla sua chiesa. Gente che era fredda e indifferente si sente “allarmata e terrificata” dal proprio peccato. (Lloyd-Jones, ibid., p. 209). Questa è prova che lo Spirito Santo è venuto per convincerli “quanto al peccato, alla giustizia e al giudizio.” (Giovanni 16:8). A Pentecoste erano così convinti di peccato che dissero: “Fratelli, che dobbiamo fare?” (Atti 2:37) Questo accade in ogni vero risveglio. Dove la convinzione di peccato è assente, si ha un risveglio contraffatto. Ci deve essere una profonda convinzione di peccato, che è vera in ogni risveglio, (Lloyd-Jones, ibid., p. 209).

7. Gli uomini crederanno in Cristo e troveranno perdono dei peccati. Improvvisamente vedranno che Gesù è la loro sola speranza di salvezza. Non faranno delle mere “decisioni.” Anzi voleranno verso Cristo e “riceveranno” una nuova vita, lasceranno la vecchia vita perché sono stati salvati da Gesù. Parleranno molto dell’amore di Cristo e del Sangue di Cristo. Il sangue dell’espiazione di Cristo è il centro di ogni vero risveglio.

8. I convertiti si uniscono alla Chiesa. Sono “aggiunti alla comunità.” (Atti 2:47). Non occorrono “seguaci” in un risveglio. I convertiti si uniscono automaticamente alla chiesa, e non portai allontanarli dagli incontri di chiesa! L’ho visto nel primo risveglio di cui sono stato testimone e in altri. Non devi andare dietro ai convertiti. Loro stessi sono attirati dalla comunione della chiesa mediante la potenza di Dio. Il Dr. Lloyd-Jones disse: “Quando lo Spirito Santo viene in potenza accadranno più cose in un’ora di quante ne accadano in cinquanta o cento anni come risultato della tua [opera] o della mia … Prega Dio affinché abbia pietà, e dia grazia e che sparga presto nuovamente il Suo Spirto tra noi” (Lloyd-Jones, ibid., pp. 210, 211).

Cari amici, ora nella nostra Chiesa non siamo in un momento di risveglio, ma lo Spirito Santo sta conducendo a Cristo delle persone anche oggi. Prego che tu possa credere in Gesù Cristo presto. Gesù morì sulla Croce per salvarti dal peccato. Egli ha versato il Suo eterno Sangue per purificarti da tutto il tuo peccato. Egli è risorto dalla morte per darti vita eterna. Prego che to creda in Gesù adesso, anche prima che arrivi un risveglio. Per favore Dr. Chan conducici in preghiera. Amen.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dott. Hymers ogni settimana su Internet all’indirizzo
www.realconversion.com cliccando sulla voce “Sermoni in italiano”.

Puoi contattare via email il Dott. Hymers in inglese all’indirizzo:
 rlhymersjr@sbcglobal.net o puoi contattarlo scrivendo all’indirizzo:
P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015;
puoi telefonargli al numero: 001 (818)352-0452.

Questi sermoni sono senza diritto d’autore e possono essere utilizzati senza permesso
del dott. Hymers Invece tutti i video messaggi del dott. Hymers sono coperti da
copyright e possono essere utilizzati solamente con il permesso dell’autore.

Scritture lette prima del sermone dal fratello Abel Prudhomme: Atti 8:5-8.
Assolo cantato prima del sermone da Benjamin Kincaid Griffith:
“O Breath of Life” (di Bessie P. Head, 1850-1936).