Print Sermon

Lo scopo di questo sito Web è di fornire manoscritti gratuiti e video di sermoni a pastori e missionari in tutto il mondo, in particolare nel Terzo mondo, dove, se ci sono, sono pochi i seminari teologici o le scuole bibliche.

Questi manoscritti e video sono disponibili per 1,500,000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com . Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 40 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net .




PREDICARE LE INSONDABILI RICCHEZZE DI CRISTO

PREACHING THE UNSEARCHABLE RICHES OF CHRIST
(Italian)

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato presso il Tabernacolo Battista di Los Angeles
La mattina del giorno del Signore , 4 maggio 2014
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Lord’s Day Morning, May 4, 2014

“A me, dico, che sono il minimo fra tutti i santi, è stata data questa grazia di annunciare agli stranieri le insondabili ricchezze di Cristo” (Efesini 3:8).


Più invecchio e più amo l’Apostolo Paolo. È un uomo così umile, egli apre per noi i tesori di Cristo. Nel nostro testo ci dice che come si considera: “il minimo fra tutti i santi.” Paolo considera sempre il suo Apostolato in un modo molto umile. In I Corinzi 15:9 dice di sé stesso che è l’ultimo tra gli Apostoli perché “ha perseguitato la chiesa di Dio” prima della sua conversione. E questo lo ripete anche in I Timoteo 1:12,13.

Ma poi Paolo ci dice che la grazia gli è stata data di predicare “le insondabili ricchezze di Cristo.” Kenneth Wuest ha evidenziato che il termine “insondabili” è stato tradotto da un termine Greco che significa: “che non può essere tracciato.” Le ricchezze di Cristo sono quindi definite insondabili “ovvero che non possono essere comprese a pieno dagli uomini” (Traduzione in italiano di Kenneth S. Wuest, Ph.D., Wuest’s Word Studies, Eerdmans, 1975, volume I, p. 84).

Per molti anni mi è stato detto da pastori e insegnanti con buon intenzioni che non avrei dovuto semplicemente predicare il Vangelo, o altrimenti i membri della mia assemblea sarebbero stati dei Cristiani superficiali. Ci ho creduto per tanto tempo: fino a che non mi è stato dato un set completo dei sermoni del predicatore Spurgeon. Dopo aver letto Spurgeon per un po’, ho cominciato ad essere meravigliato della profondità della sua predicazione su Cristo. Così ho pensato che avrei dovuto provare a predicare il Vangelo in molte forme differenti, da molte angolature diverse, come faceva Spurgeon. Ricordo che pensavo: “Non sarò mai in grado di farlo per tanto tempo. Una volta che avrò terminato il materiale, la gente si annoierà.”

Quanto mi sbagliavo! Ho predicato il Vangelo al culto della domenica mattina e alla riunione di domenica sera per molti anni fino ad ora. E mi sembra di averne graffiato solamente la superfice! Ora non penso più di terminare il materiale per i sermoni, perché adesso predico le insondabili, le imperscrutabili ricchezze di Cristo, “il cui fondo è irraggiungibile!” Aiuto! C’è così tanto da dire sulle ricchezze di Cristo che non sarò mai in grado di finirle tutte: neanche in una centinaia di anni!

Il continuo ascolto del Vangelo di Cristo avrebbe reso la mia gente superficiale, così come mi era stato detto? ASSOLUTAMENTE NO! Abbiamo alcuni dei più puri Cristiani che si possano trovare al mondo! E questo non è un vanto. È semplicemente la verità! Oggi noi abbiamo alcuni tra i più forti Cristiani al mondo. E questi si sono convertiti con la predicazione del Vangelo. Costoro sono stati nutriti dalla predicazione del Vangelo. E sono cresciuti forti grazie alla predicazione del Vangelo! Ora comincio a capire quello che Paolo voleva dire quando disse:

“Poiché mi proposi di non sapere altro fra voi, fuorché Gesù Cristo e lui crocifisso” (I Corinzi 2:2).

Siamo stati salvati per fede in Cristo e Lui crocifisso. Cresciamo in grazia mediante la fede in cristo crocifisso. Siamo santificati mediante la fede in Cristo crocifisso. Cristo è “l’Alfa e l’Omega, l’inizio e la fine” (Apocalisse 1:8). Cristo “è colui che crea la fede e la rende perfetta” (Ebrei 12:2). Come ho predicato la scorsa sera, Cristo “è stato fatto per noi sapienza, giustizia, santificazione e redenzione” (I Corinzi 1:30). Dal momento che il proposito della nostra redenzione, santificazione e glorificazione si trova in Cristo: in realtà non abbiamo tanto altro su cui dover predicare! Griffith ha appena cantato un vecchio inno tedesco tradotto in inglese:

Quando il mattino indora I cieli il mio cuore si risveglia e grida:
   Sia lodato Gesù Cristo!
Come al lavoro così in preghiera, a Gesù io mi reco:
   Sia lodato Gesù Cristo!

Quando il sonno il suo balsamo nega, il mio spirito silenziosamente sospira:
   Sia lodato Gesù Cristo!
Quando i pensieri cattivi mi molestano, con questo scudo difendo la mia anima:
   Sia lodato Gesù Cristo!

La tristezza riempie la mia mente? Ecco il mio conforto:
   Sia lodato Gesù Cristo!
Si affievolisce la mia terrena felicità? Il mio conforto è ancora questo:
   Sia lodato Gesù Cristo!

Sia questo, mentre vivo il mio [canto di gioia] divino:
   Sia lodato Gesù Cristo!
Cantare questo canto per l’eternità:
   Sia lodato Gesù Cristo!
(Traduzione letterale della versione inglese dell’inno “May Jesus Christ
      Be Praised,” di autore anonimo; tradotto dal
      Tedescoin inglese da Edward Caswall, 1814-1878).

Come ha cantato Griffith ieri sera:

Gesù cristo è per me tutto ciò di cui ho bisogno
   Lui solo è mia difesa, Egli è tutto ciò di cui ho bisogno
Saggezza, giustizia, potenza e santità,
   La mia piena e gratuita redenzione, Egli è tutto ciò di cui ho bisogno
(Traduzione letterale in italiano dell’inno “All I Need,” autore sconosciuto;
      copyright 1965 del Dr. John R. Rice dalla raccolta
      “Revival Specials No. 2”).

Appena ho intrapreso questo progetto di provare a predicare il Vangelo da tante angolature, temevo che I miei sermoni sarebbero stati poco allettanti s Internet. Ma sono stato incoraggiato da così tanti che ora leggo i miei sermoni. Per esempio, lo scorso mese abbiamo avuto 100,989 “visitatori” sul nostro sito web, e abbiamo ricevuto moltissime email di incoraggiamento. Lo scorso mese un missionario in Indonesia mi ha mandato il seguente messaggio, in occasione del mio settantatreesimo compleanno. Ho esitato nel leggervelo perché potrebbe sembrare come un vanto. Ma è così bello che sento di doverlo condividere. L’inglese non è la sua prima lingua. Parla Indonesiano. Perciò so che ha avuto bisogno di molto tempo per scrivermi questo splendido tributo.

     I suoi sermoni hanno un tema ricorrente come una sinfonia, come la Quinta Sinfonia di Beethoven. Il tema ricorre ripetutamente. L’importanza della predicazione sul Sangue, dell’espiazione di Cristo, e della conversione appare ripetutamente nei suoi sermoni. Lei predica anche contro il “decisionismo” l’apostasia che oggi nelle chiese viene proposta ripetutamente. Questi temi vengono ripetuti spesso come la Quinta Sinfonia di Beethoven. Ricorrono molte volte.
     I suoi sermoni risuonano alle nostre orecchie e ci fanno rammentare ripetutamente che la vita e le occasioni presto passeranno. Per questo dobbiamo continuare a predicare cristo mentre abbiamo ancora l’opportunità. Le nostre vite e le opportunità sono come foglie secche che separate dai propri steli, e libere dai propri ceppi, volano e gioiscono della loro libertà, godono e danzano al ritmo del vento, e poi cadono a terra per marcire per sempre. Così noi in un primo momento godiamo della libertà, ma presto il tempo passa e la libertà scompare, fino a che ci rendiamo conto che le nostre vite non sono più produttive e abbiamo perso l’opportunità di lavorare per Dio.
     I suoi sermoni risuonano nelle nostre orecchie e ci rammentano ripetutamente che non si deve essere solamente spettatori e ascoltatori, ma facitori della Parola, facitori della predicazione del Vangelo di Cristo. Le nostre vite e le nostre opportunità sono come un bellissimo arcobaleno di colori che i nostri occhi fissano con stupore, ma le tempeste spazzano via tutta la sua bellezza e esistenza. Spesso noi vediamo meravigliose opportunità di predicare il Vangelo, ma ne siamo compiaciuti e ne fissiamo solamente la bellezza, fino a che siamo consapevoli. Ma la bellezza dell’occasione passa e non rimane niente se non la fatuità. Il tempo ci viene dato adesso per raggiungere le anime perdute. Anche se ci sono molti ostacoli, molti altri sono aperti. Tra quelli che rifiuteranno la nostra predicazione, ci sarà certamente qualcuno che riceve Cristo.
     I suoi sermoni risuonano alle nostre orecchie e ci ricordano ripetutamente di considerare che la nostra forza lavoro è stata indebolita. Le nostre vite e le opportunità sono come le onde frementi, ci cambiano, ma la nostra forza presto scompare e si trasforma nel leggero fruscio di piccole onde che si infrangono sulla costa: come la nostra determinazione a lavorare, non è immutabile in ogni momento. Alcune volte siamo molto eccitati, ma presto ci sentiamo disperati e abbandoniamo il lavoro. Mentre lo Spirito brucia nelle nostre anime, che il fuoco continui a infiammare la nostra predicazione e il nostro servizio. I suoi sermoni risuonano alle nostre orecchie e ci inspirano, come disse l’Apostolo Paolo: “Quanto allo zelo, non siate pigri; siate ferventi nello spirito, servite il Signore” (Romani 12:11).
     I suoi sermoni ci ricordano sempre che la Parola di Dio dice: “I giorni dell'uomo sono come l'erba; egli fiorisce come il fiore dei campi; se lo raggiunge un colpo di vento esso non esiste più e non si riconosce più il luogo dov'era” (Salmo 103:15-16).
     Grazie per i suoi sermoni. Grazie per la passione che ci inietta sempre e che ci dice di continuare a predicare il vangelo. Grazie per tutto ciò che lei fa per il nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo.
     Buon compleanno Pastore. Dio benedica lei, la sua famiglia e la sua gente.
     Suo Figlio nel Ministero,
     Edi.

Questo messaggio sentito mi è stato inviato da un missionario fedele in Indonesia. Ha toccato il mio cuore, e ho voluto condividerlo con voi. Sì, dobbiamo continuare a predicare il messaggio del Vangelo. Dobbiamo continuare a faticare con zelo per proclamare “le insondabili ricchezze di Cristo.”

Ritengo che ogni Cristiano abbia bisogno di ascoltare spesso il Vangelo. Le “insondabili ricchezze di Cristo” non sono solamente per i non credenti. Infatti, l’Epistola agli Efesini è stata scritta “ai santi che sono in Efeso e ai fedeli in Cristo Gesù” (Efesini 1:1). L’Apostolo Paolo trasmette molte sfumature del vangelo in questa splendida epistola. Questo è uno dei miei libri preferiti della Bibbia perché glorifica così bene Gesù e proclama altrettanto chiaramente il Vangelo. L’Apostolo incoraggia questi Cristiani ricordando loro ciò che Gesù ha fatto per salvarli. Ecco due dei miei versetti preferiti:

“Ricordatevi che in quel tempo eravate senza Cristo, esclusi dalla cittadinanza d'Israele ed estranei ai patti della promessa, senza speranza e senza Dio nel mondo. Ma ora, in Cristo Gesù, voi che allora eravate lontani siete stati avvicinati mediante il sangue di Cristo” (Efesini 2:12-13).

Ogni Cristiano ha bisogno di ascoltare ripetutamente il Vangelo. Abbiamo bisogno di ricordare che non avevamo speranza alcuna, e che eravamo senza Dio nel mondo. Abbiamo bisogno di ricordare che “che siamo stati avvicinati mediante il sangue di Cristo.”

Ho letto un meraviglioso sermone del Reverendo Warren Peel, Pastore della Chiesa Presbiteriana Trinity di Newtownabbey, nell’Irlanda del Nord. In un sermone stampato nella rivista Banner of Truth Magazine il Reverendo Peel ha evidenziato come tutti i Cristiani, persino i Pastori, hanno spesso bisogno di ascoltare il Vangelo. Ha detto: “Dobbiamo ascoltare il vangelo e crederci ogni singolo giorno delle nostre vite” (Vedi Banner of Truth Magazine, Agosto/Settembre 2013, p. 4). Wow! Lo ha detto a dei predicatori in una conferenza Biblica! “Dobbiamo ascoltare il vangelo e crederci ogni singolo giorno delle nostre vite.” Questo è un ottimo predicatore! Grazie per averlo detto! Quando ho letto questo suo sermone, l’ho annotato otto ragioni per cui un Cristiano nato di nuovo ha bisogno di sentire spesso il vangelo, e pensarci ogni giorno! Eccole, Non sono state date secondo un ordine particolare. Forse voi ne potrete pensare altre in più. Vi propongo la mia lista delle motivazioni per cui il popolo Cristiano ha necessità di ascoltare la predicazione del Vangelo.


1. Il Vangelo ci libera dalla sensazione di colpa (Il Pastore Peel ha spiegato questo punto nel suo messaggio).

2. Il Vangelo ci dà la speranza per il futuro: perché Cristo è risorto dalla morte e ritornerà!

3. Il Vangelo ci dà riposo. (Gesù disse: “io vi darò riposo” Matteo 11:28).

4. Il vangelo ci dà Potenza su Satana (“Ma essi lo hanno vinto per mezzo del sangue dell'Agnello,” Apocalisse 12:11).

5. Il Vangelo è garanzia nella preghiera. (“Avendo dunque, fratelli, libertà di entrare nel luogo santissimo per mezzo del sangue di Gesù” Ebrei 10:19).

6. Il Vangelo ci dà la forza nei momenti di sofferenza. (“Or il Dio di ogni grazia, che vi ha chiamati alla sua gloria eterna in Cristo, dopo che avrete sofferto per breve tempo, vi perfezionerà egli stesso, vi renderà fermi, vi fortificherà stabilmente” I Pietro 5:10).

7. Il Vangelo ci dà la forza per compiere cose che non avremmo mai pensato possibili. (“Io posso ogni cosa in colui che mi fortifica” Filippesi 4:13).

8. Il Vangelo ci dà la fiducia che cresceremo in grazia. (“E ho questa fiducia: che colui che ha cominciato in voi un'opera buona, la condurrà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù” Filippesi 1:6).


Alcune settimane fa ho predicato un sermone intitolato “La mia infanzia.” Ho raccontato alcune difficoltà che ho attraversato quando ero giovane. Il diavolo ha contorto questo messaggio nella mente di un ragazzo. Questo ragazzo successivamente mi ha detto che aveva para di credere in Gesù per paura che avrebbe potuto attraversare quelle stesse difficoltà. Vedete come il Diavolo contorce le cose! Il punto del mio sermone era che il Signore Gesù Cristo mi ha dato la forza per affrontare tutte quelle cose. E allo stesso modo Cristo darà anche a voi la forza per affrontare i cambiamenti della vita! Pentiti dei tuoi peccati e confida in Gesù Cristo! Egli laverà i tuoi peccati con il Suo Sangue e ti darà una nuova vita, migliore di quella che tu abbia mai potuto avere senza di Lui! Ecco una canzone che ho imparato a cantare quando ero un ragazzo:

Sono deciso di andare al Salvatore
   Voglio lasciare il mio peccato e i miei conflitti
Egli è il Solo vero, Egli è Unico
   Lui solo ha parole di vita eterna
Io corro a Lui, mi affretto felice e contento
   Gesù, il grandissimo, l’Altissimo, io vengo a Te.
(Traduzione letterale in italiano dell’inno in lingua inglese “I Am Resolved”
      di Palmer Hartsough, 1844-1932).

Convertiti dai tuoi peccati e credi ora in Gesù! Non te ne pentirai mai! E poi pensa al Vangelo ogni giorno per il resto della tua vita. Gesù è morto sulla Croce per pagare la pensa del tuo peccato. Gesù ha versato il Suo Sangue per purificarci da tutto il peccato. Gesù è risorto fisicamente dalla morte per darci la vita! Convertiti dal tuo peccato e confida in Lui! Non te ne pentirai mai!

Se vuoi parlare con noi a proposito del credere in Gesù, e diventare un vero Cristiano, per favore lascia pure il tuo posto adesso e recati dietro questo auditorium. Il Dr. Cagan ti condurrà in un’altra stanza dove possiamo pregare e parlare. Dr. Chan, per favore prega affinché qualcuno confidi in Gesù questa mattina. Amen.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dott. Hymers ogni settimana su Internet all’indirizzo
www.realconversion.com cliccando sulla voce “Sermoni in italiano”.

Puoi contattare via email il Dott. Hymers in inglese all’indirizzo:
 rlhymersjr@sbcglobal.net o puoi contattarlo scrivendo all’indirizzo:
P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015;
puoi telefonargli al numero: 001 (818)352-0452.

Questi sermoni sono senza diritto d’autore e possono essere utilizzati senza permesso
del dott. Hymers Invece tutti i video messaggi del dott. Hymers sono coperti da
copyright e possono essere utilizzati solamente con il permesso dell’autore.

Scrittura letta prima del sermone dal fratello Abel Prudhomme: Efesini 3:1-8.
Assolo cantato prima del sermone dal fratello Benjamin Kincaid Griffith:
“May Jesus Christ Be Praised” (autore sconosciuto; Tradotto da Edward Caswall, 1814-1878).