Print Sermon

Lo scopo di questo sito Web è di fornire manoscritti gratuiti e video di sermoni a pastori e missionari in tutto il mondo, in particolare nel Terzo mondo, dove, se ci sono, sono pochi i seminari teologici o le scuole bibliche.

Questi manoscritti e video sono disponibili per 1,500,000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com . Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 40 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net .




GUERRA IMMINENTE

THE GATHERING STORM
(Italian)

a cura del Dott. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato presso il Tabernacolo Battista di Los Angeles
La mattina del giorno del Signore, 6 ottobre 2013
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Lord’s Day Morning, October 6, 2013

“Come fu ai giorni di Noè, così sarà alla venuta del Figlio dell'uomo. Infatti, come nei giorni prima del diluvio si mangiava e si beveva, si prendeva moglie e s'andava a marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell'arca, e la gente non si accorse di nulla, finché venne il diluvio che portò via tutti quanti, così avverrà alla venuta del Figlio dell'uomo.” (Matteo 24:37-39).


Nel suo celebre libro Guerra Imminente Winston Churchill ha raccontato come l’Inghilterra stava dormendo mentre le forze della della Germania del malefico Hitler si stavano preparando per la guerra. L’Inghilterra invece non era pronta perché credeva che avrebbe avuto sempre la pace. Solo Churchill sapeva che stavano vivendo sull’orlo di una distruzione. Nessuno diede ascolto ai suoi avvertimenti! E così accade anche ai nostri tempi. La Bibbia dice:

“Quando diranno: «Pace e sicurezza», allora una rovina improvvisa verrà loro addosso, come le doglie alla donna incinta; e non scamperanno.” (I Tessalonicesi 5:3).

L’autore russo Aleksandr Solzhenitsyn disse: “Le forze del male hanno iniziato la loro decisiva offensiva.” In un capitolo intitolato “Il buio che avanza” il dott. Edward Hindson ha detto: “Sembra che ci stiamo scavando dentro per ciò che potrebbe ben essere l’attacco finale contro il Cristianesimo biblico” (Traduzione in italiano di Ed Hindson, Ph.D., Final Signs, Harvest House, 1996, p. 77).

Prima di diventare un Cristiano Charles Colson è stato un alto consigliere del Presidente Nixon. I media liberali lo chiamavano “il sicario” di Nixon. Dopo la sua conversione Colson ha sottolineato che l’Impero Romano divenne così corrotto al suo interno che cadde di fronte a bande di guerrieri illetterati barbari. Ha detto: “la chiesa dovette stare sola contro la cultura barbara dell’Epoca Buia! (ibid., p.78). Ma oggi le chiese stesse sono diventare così corrotte che hanno poche speranze di salvare la nostra civiltà. Il dott. Carl F. H. Henry, un leader erudito evangelico, ha detto: “La disillusione del Cristianesimo organizzato è in forte aumento, si può vedere nelle statistiche in declino della frequenza di chiesa… Un’intera generazione sta crescendo … senza preoccupazione per le cose eterne … Selvaggi si agitano nella polvere di una civiltà decadente e si aggirano all’ombra di una chiesa disabile” (Traduzione in Italiano di Carl F. H. Henry, Ph.D., Twilight of a Great Civilization, Crossway Books, 1988, p. 17).

Il dott. Henry ha detto: “Le fontane del grande abisso si sono rotte nei nostri tempi. Le istituzioni che hanno sopportato per un millennio sono inondate, e la … domanda che sorge spontanea è se l’intera fabbrica della civilizzazione sopravvivrà” (ibid., p.16). Ha detto:”I barbari stanno arrivando. Tutta la nostra conquista scientifica potrebbe essere usata impropriamente dai barbari che stanno venendo con i loro atti crudeli e astuti. Hitler ei Nazisti hanno già [utilizzato] le conoscenze scientifiche per incenerire migliaia di centinaia di persone in quelle camere a gas di alta efficienza. Stalin e altri tiranni totalitari hanno imparato tempo fa che i mass media che comunicano sotto una dittatura possono schiavizzare miriadi di [moltitudini] di uomini moderni” (ibid.).

Sembra che oggi i principali media di comunicazione liberali lo stiano facendo: stanno ponendo un sigillo di approvazione a ogni posizione adottata da Barack Obama. Il deputato Randy Forbes ha detto: “Le azioni di questo [presidente] sono state le più dannose contro la libertà religiosa … di ogni amministrazione che io abbia mai conosciuto o letto nella storia del nostro paese” (Traduzione in italiano di Decision magazine, Ottobre 2013, p. 17). Il vescovo Harry Jackson, uno dei più importanti leader religiosi afroamericani della nazione, registrato come democratico, ha detto che Obama è diventato un nemico del Cristianesimo tradizionale e che la nazione “si trova in un grande momento di crisi” (ibid.). Ha detto che siamo “una civiltà sull’orlo del disastro” (ibid., p. 19). Anche Bob Woodward, un giornalista liberale che ha cominciato l’esposizione di Watergate, è preoccupato. Ha detto a Bill O’Reilly di Fox News: “C’è un profondo sospetto su questa Casa Bianca da molte parti, e non solo da parte della rete o dai conservatori di destra” (ibid., p. 19). Molti evangelici credono che Barack Obama sia l’uomo più pericoloso che abbia mai occupato la Casa Bianca. La rivista Decisions di Billy Graham ha detto che Obama ha messo l’America su “un binario pericoloso” perché “il presidente svaluta i principi biblici e la libertà religiosa” (ibid., notizia riportata). Nella stessa rivista, il Reverendo Don Wilton, un eminente Pastore Battista ha detto: “Satana vuole distruggere qualsiasi persona vivente e lo fa creando il dubbio e usando l’inganno e ogni altro mezzo disponibile. Il suo proposito è conquistare, rubare, dividere e distruggere” (ibid., p. 29).

In America inoltre, si aggiunge al deterioramento del Cristianesimo la crescita dell’Islam militante. Nell’ultimo mese 80 chiese Cristiane sono state bombardate dai Musulmani solamente in Egitto. Uno di questi edifici esisteva dal IV secolo! Lo hanno fatto esplodere qualche giorno fa! I Musulmani stanno attaccando il Cristianesimo a un ritmo senza precedenti in tutto il mondo. L’Iran è sul punto di creare una bomba atomica. I suoi leader hanno detto ripetutamente che distruggeranno Israele e gli Stati Uniti. Stanno lavorando con fervore per preparare armi nucleari.

Un altro grande problema che sta affrontando la tua generazione è la crisi ecologica. Ad esempio, la distruzione da parte dell’uomo della foresta pluviale dell’Amazzonia che è stata definita dalla rivista Time come: “Una delle più grandi tragedie della storia” (18 settembre 1989, pp. 76-80).

Proprio mercoledì scorso (2 ottobre 2013, p. AA1) il periodico Los Angeles Times ha riportato una relazione sul più grande ghiacciaio dello Yosemite. L’articolo dice che: “I geologi dicono che il più grande masso di ghiaccio del parco è in una spirale di morte” Greg Stock, il geologo del parco, ha detto: “Gli diamo più o meno 20 anni di vita, poi svanirà, lasciando solamente delle frane rocciose.” L’articolo dice che la scomparsa di questi grandi massi di ghiaccio “è qualcosa che sta accadendo in tutto il mondo. Grandi lastre di ghiaccio si stanno sciogliendo; suscitando preoccupazioni per ciò che accade negli ambienti ecologici circostanti.” Il riscaldamento globale cambierà tutto il nostro modo di vivere nei prossimi decenni.

Il dott. Hindson ci ha mostrato il problema più terribile: “Oggi gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Francia, la Russia, la Cina, Israele e l’India hanno già delle armi atomiche … è solo una questione di tempo prima che inevitabili disastri possano colpire” (ibid., pp. 87, 88).

Molti scienziati sono pessimisti a proposito del future. Uno di loro ha detto: “Adesso è possibile distruggere la razza umana in un solo giorno.” Ma uno scienziato del Canada gli ha risposto: “Ti sbagli. Adesso è possibile distruggere tutta la razza umana in un solo minuto” (Traduzione in italiano di Billy Graham, The Challenge: Sermons From Madison Square Garden, Doubleday and Company, 1969, p. 158). La Bibbia dice:

“Il giorno del Signore verrà come un ladro: in quel giorno i cieli passeranno stridendo, gli elementi infiammati si dissolveranno, la terra e le opere che sono in essa saranno bruciate.” (II Pietro 3:10).

Quel giorno sta arrivando. È inevitabile. “Il giorno del Signore verrà come un ladro nella notte.” Non si aspetta che arrivi il ladro. Ma improvvisamente lo fa, senza preavviso! E così verrà il giudizio. La gente non ne sarà preparata! La maggior parte non sarà pronta! “Il giorno del Signore verrà come un ladro nella notte.”

Un giorno i Discepoli si avvicinarono a Gesù sul Monte degli Olivi, poco fuori da Gerusalemme, e gli fecero una domanda: “Dicci, quando avverranno queste cose e quale sarà il segno della tua venuta e della fine dell’età presente?” (Matteo 24:3). Gesù non li rimproverò per quella domanda, anzi, parlò loro di molti segni della fine. Essi chiesero un segno, ma Egli diede loro molti segni “della fine dell’età presente.” Gesù disse che ci sarebbero stati molti falsi Cristi e molti falsi profeti. Sarebbe stato un tempo di inganno spirituale. Nel nostro tempo ci sono falsi “Cristi” di culti, e i falsi Cristi del liberalismo teologico nella maggioranza dei seminari. Cristo disse che ci sarebbero state guerre e rumori di guerre. Dalla Prima Guerra Mondiale in poi, il mondo ha sperimentato una guerra dopo un’altra. I teologi liberali hanno sempre sostenuto che il Cristianesimo avrebbe trionfato e che avrebbe portato un’era di pace senza precedenti nel ventesimo secolo. Ma le loro speranze sono state infrante dalla I Guerra Mondiale, e dalle sue conseguenze. Harry Emerson Fosdick, un leader liberale, ha rinunciato alla sua idea di utopia Cristiana. Ha detto: “Se si è dominati dal pensiero da giganteschi eventi della nostra generazione, non possiamo evitare la disperazione. C’è così tanta disperazione oggi che il suicidio è la prima causa di morte tra i giovani universitari! L’ho letto in un articolo proprio la settimana scorsa. Anche Cristo disse che ci sarebbero state carestie, pestilenze, terremoti in gran numero mentre questa epoca volge al termine. Ha detto che i Cristiani sarebbero stati “odiati in ogni nazione per amore del mio nome.” Ha anche detto che molti sarebbero sviati, ingannati e traditi a vicenda. Ha detto che l’iniquità sarebbe aumentata e che il peccato sarebbe diventato così dilagante che l’amore dei Cristiani l’uno per l’altro si sarebbe raffreddato. Ma Cristo ha anche detto che il Vangelo sarebbe stato “ predicato in tutto il mondo, affinché ne sia resa testimonianza a tutte le genti; allora verrà la fine.” Ha detto:

“Come fu ai giorni di Noè, così sarà alla venuta del Figlio dell'uomo. Infatti, come nei giorni prima del diluvio si mangiava e si beveva, si prendeva moglie e s'andava a marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell'arca, e la gente non si accorse di nulla, finché venne il diluvio che portò via tutti quanti, così avverrà alla venuta del Figlio dell'uomo.” (Matteo 24:37-39).

I Discepoli avevano chiesto a Cristo un segno della Sua venuta e della fine dell’età presente, ma Egli ha dato loro molti segni. Poi ha detto loro che la fine dei tempi sarebbe stata simile all’epoca in cui visse Noè, prima del Diluvio: “Come nei giorni prima del diluvio … così avverrà alla venuta del Figlio dell’uomo.” (Matteo 24:38,39). Gesù ha detto che come era accaduto allora, così sarebbe stato alla fine dell’età presente. Il dott. M. R. DeHaan, un insegnante della Bibbia molto rispettato, ha elencato il numero dei segni che hanno caratterizzato i giorni di Noè. Ha elencato sei segni:

1.   Un tempo di grande apostasia religiosa.
2.   Un tempo di viaggi in tutto il mondo.
3.   Un tempo in cui si costruivano le città.
4.   Un tempo di poligamia e di eccessi sessuali.
5.   Un tempo dominato da musica scatenata.
6.   Un tempo di violenza senza precedenti.
      (Traduzione in italiano di M. R. DeHaan, M.D., The
       Days of Noah,
Zondervan Publishing House, edizione del 1979, p. 41).

Non ho il tempo per entrare nel dettaglio di ciascuna di queste voci. Vorrei semplicemente leggervi un paragrafo di un sermone di Billy Graham sui Giorni di Noè, predicato nel giardino di Madison Square nel 1969. Ricordo che stavo guardando questa predicazione in televisione, Billy Graham ha detto:

La Bibbia insegna che alla fine dell’età presente, ci sarà un periodo di perigli, di guerra, di distruzione, di iniquità e di immoralità così grande che Dio dovrà intervenire per fermare tutta questa cosa … (Billy Graham, “Il Giorno viene,” ibid., p. 164).

Parlando dei giorni di Noè, la Bibbia ci dice che:

“Il SIGNORE vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che il loro cuore concepiva soltanto disegni malvagi in ogni tempo. […] E il SIGNORE disse: «Io sterminerò dalla faccia della terra l'uomo che ho creato»” (Genesi 6:5, 7).

E Gesù disse che la gente “non si accorse di nulla, finché venne il diluvio che portò via tutti quanti, così avverrà alla venuta del Figlio dell’Uomo” (Matteo 24:39). Vorrei che focalizzaste la vostra attenzione sulle parole di Cristo: “… venne il diluvio che portò via tutti quanti.”

Non ci sarà un diluvio alla fine dell’età presente. Il mondo così come noi lo conosciamo comincerà ad incamminarsi verso la fine quando Dio riverserà la Sua ira nelle “Coppe di giudizio” di cui si parla in Apocalisse 16:1-21. “La grande città si divise in tre parti, e le città delle nazioni crollarono e Dio si ricordò di Babilonia la grande per darle la coppa del vino della sua ira ardente” (Apocalisse 16:19). Il mondo non sarà pronto per questo terribile giudizio. Sarà impreparato come la gente dei tempi di Noè, quando “venne il diluvio che portò via tutti quanti” (Matto 24:39). Vorrei che notaste tre cose di questo testo, che ho raccolto da sermone “Il Diluvio di Noè” del grande Spurgeon.

I. Primo, “Il diluvio venne e portò via tutti quanti.”

La distruzione del diluvio spazzò via tutti coloro che non erano salvati. Tutti quanti annegarono in una tomba d’acqua. Nessuna persona non salvata fu risparmiata. “Il diluvio venne e portò via tutti quanti” (Matteo 24:39). Quelli che erano molto ricchi sono stati inghiottiti dalla furia del diluvio. Anche i poveri non riuscirono a sfuggirne. No, il diluvio venne e li portò tutti via. Gli eruditi di quei giorni non furono risparmiati. Anche gli ignoranti annegarono. Ti dico che né la conoscenza e né l’ignoranza potrà salvarti nel giorno dell’ira di Dio!

Quando Noè costruiva l’arca, ovvero la barca più grande che all’epoca fosse mai stata costruita, era una nave enorme. Era una delle meraviglie del mondo di quel tempo. Noè la costruì sulla terra ferma, lontano da ogni fiume o dal mare. La gente andava a vederla da tutto il mondo, come si fa oggi per andare a Disneyland. Posso immaginare che costoro chiamassero Noè pazzo. Molti di loro arrivarono da lontano per vedere quell’arca mostruosa. E appena arrivavano, Noè gli predicava dell’imminente Diluvio. La Bibbia definisce Noè: “un predicatore di giustizia (II Pietro 2:5). Ma quegli uomini non furono convertiti dalla sua predicazione. Non solo si ritiravano quando Noè predicava, ma senza dubbio lo ridicolizzavano anche. Tuttavia il Diluvio venne e li portò via tutti quanti. Quando verrà il giudizio, non vi sarà alcuna burla. Quando cadrai nel fuoco dell’Inferno, preferirai aver voluto ascoltare il Vangelo e aver creduto a Cristo. Ma allora sarà troppo tardi.. La tua incredulità svanirà, ma allora per te sarà eternamente troppo tardi essere salvato, così come lo è stato per coloro che quando “il diluvio venne portò via tutti quanti.”

II. Secondo, quando il diluvio venne la gente era interessata solo alle cose di questo mondo.

Erano così indaffarati nelle cose di questa vita che non erano preparati per l’eternità. Cristo disse:

“Infatti, come nei giorni prima del diluvio si mangiava e si beveva, si prendeva moglie e s'andava a marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell'arca” (Matteo 24:38).

Tutti pensavano a mangiare, a sposarsi e feste ubriache.

Questa sera alle 5:30 avremo un bellissimo matrimonio qui in questa chiesa. Dopodiché avremo un banchetto. Non c’è niente di sbagliato in questo. Ma queste erano le uniche cose a cui si pensava ai tempi di Noè. Ognuno pensava solo alle cose della sua vita. Non hanno mai riflettuto sull’eternità, e alla salvezza della propria anima. Erano come alcuni di voi, che pensano che sia una perdita di tempo venire in chiesa ogni Domenica. Ho sentito alcuni studenti universitari, che sono venuti a visitare la nostra chiesa, dire che hanno studiato di Domenica. Ogni giovane della nostra chiesa frequenta il liceo o l’università. Eppure loro sanno di avere un sacco di tempo per studiare se usano il proprio tempo saggiamente. Ad ogni riunione diamo un foglio con 12 punti su come studiare. Se si seguono questi punti si avrà un sacco di tempo per essere in chiesa ogni Domenica, per ottenere così una buona qualificazione nella propria classe. Io stesso ho frequentato l’università serale, mentre di giorno lavoravo quaranta ore a settimana. Ma non sono mai mancato a una riunione di chiesa per studiare. E Dio mi ha aiutato a mettere Lui al primo posto. Inizialmente decisi di essere presente a ogni riunione in chiesa quando ero un povero studente. Ma poi ho preso l’impegno di essere presente in chiesa ogni domenica mattina e ogni domenica sera. Dopodiché ho preso l’impegno per Cristo di ottenere una buona media all’università Statale della California L.A., anche se lavoravo a tempo pieno durante il giorno, e prendevo 3 o 4 classi ogni trimestre di notte! Gesù disse:

“Cercate prima il regno e la giustizia di Dio, e tutte queste cose vi saranno date in più.” (Matteo 6:33).

Nella mia stessa vita ho provato che la promessa di Cristo è vera. Ho messo Dio al primo posto essendo in chiesa ogni domenica mattina e ogni domenica sera, e Dio mi ha aiutato a prendere buoni voti all’università. Mio figlio Leslie è stato un bravo studente di ragioneria presso l’Università Statele della California di Northridge. Si è laureato in corso, ed ha avuto la lode, infatti è stato scelto per portare il discorso di congedo il giorno della sua laurea. Anche lui non è mai mancato in chiesa la Domenica mattina e la Domenica sera. Se mettiamo Dio al primo posto nelle nostre vite non mancando mai alle riunioni di chiesa, Cristo ha promesso che le benedizioni di Dio saranno sulle nostre vite!

Ma la gente ai tempi di Noè, così come la gente del nostro tempo, pensano che sia una follia. Pensano di aver bisogno di spendere centinaia di ore giocando ai video game e a guardare film violenti e sessualmente stimolanti. Per loro, questo è molto più importante anziché mettere Dio al primo posto frequentando la chiesa. Ma ho letto un articolo la scorsa settimana che diceva che la pornografia crea dipendenza come una potente droga. Una volta che cadi nella sua trappola è virtualmente impossibile ritornare liberi! Solo Cristo può liberarti, e solo se affidi completamente la tua vita a Lui! Coloro che continuano a rifiutare Cristo pagheranno a caro prezzo per il loro materialismo peccaminoso e per la loro mondanità. Quando il giudizio di Dio cadrà sul mondo costoro saranno impreparati. La gente ai giorni di Noè non era pronta quando “il diluvio venne e portò via tutti quanti” (Matteo 24:39). La Bibbia dice: “Preparati ad incontrare il tuo Dio” (Amos 4:12). Sei pronto ad incontrare Dio? Oppure sarai mandato all’Inferno, dove “il fuoco non si spegne”? (Marco 9:44). “Venne il diluvio che portò via tutti quanti.”

III. Terzo, tutti coloro che furono trovati nell’arca furono salvati quando venne il Diluvio.

Spurgeon disse: “Nessuno è caduto fuori [dall’arca]; nessuno ne è stato trascinato fuori; nessuno è morto in essa; nessuno è stato lasciato per [morire] in essa. Tutti color che erano dentro sono stati preservati … L’arca li ha preservati tutti, e allo stesso modo Gesù preserverà tutti [coloro che sono] in Lui. Essi saranno eternamente al sicuro. Nessuno di loro perirà, né nessuno li rapirà dalla sua mano” (Traduzione in italiano di C. H. Spurgeon, “Noah’s Flood,” The Metropolitan Tabernacle Pulpit, Pilgrim Publications, 1976 reprint, volume XIV, p. 431).

L’ara di Noè è un’immagine della Salvezza in Cristo. Come leggiamo in Ebrei 11:

“Per fede Noè, divinamente avvertito di cose che non si vedevano ancora, con pio timore, preparò un'arca per la salvezza della sua famiglia ...” (Ebrei 11:7).

Noè e la sua famiglia furono salvati perché entrarono nell’arca di salvezza prima che il giudizio del Diluvio distruggesse il mondo. Siccome la famiglia di Noè lo seguì nell’arca, anche loro furono risparmiati. La Bibbia dice che Dio:

“se non risparmiò il mondo antico ma salvò, con altre sette persone, Noè, predicatore di giustizia, quando mandò il diluvio su un mondo di empi” (II Pietro 2:5).

I commentari antichi dicono che l’arca era un’immagine della chiesa. Oggi questa interpretazione è stata rifiutata, ma io ritengo che gli antichi eruditi avessero ragione. Nel terzo secolo lo studioso Cipriano (200-258) disse: “Non c’è salvezza fuori dalla Chiesa.” Calvino, il grande riformatore, disse la stessa cosa. Credo che avessero ragione. Il dott. A. W. Tozer (1897-19639 disse: “Non ci può essere un servizio gradito a Dio in questa epoca che non sia incentrata nella chiesa … chi disprezza la chiesa locale disprezza il corpo di Cristo” (Traduzione di A. W. Tozer, D.D., “The Vital Place of the Church,” from God Tells the Man Who Cares, citato da Warren W. Wiersbe, The Best of A. W. Tozer, Baker Book House, 1978, pp. 64, 65).

Quindi, in un certo senso, l’arca è un’immagine della chiesa. Ho detto: “in un senso,” perché potresti anche frequentare la chiesa e tuttavia non essere stato salvato. Molte persone che vanno in chiesa non sono dei veri Cristiani.

Sono abbastanza sicuro del fatto che un gran numero di persone perdute, forse anche migliaia di loro, sono venute a vedere l’arca. E sono altrettanto sicuro che molta di questa gente in realtà è entrata nell’arca. Hanno camminato indubbiamente nella struttura, hanno visto le varie stanze, sono andati avanti e dietro, da un piano alla’altro. e tuttavia non si sono mai impegnati per custodire l’arca. Sono venuti e sono andati via. Alcune volte erano lì, e altre volte non c’erano. Non erano nell’arca quando venne il diluvio e così morirono.

Entrare nell’arca, per dimorarvi, è l’immagine di una persona non salvata che viene in chiesa, crede in Gesù Cristo, e dimora in Lui. La Nuova Riveduta traduce le parole di Cristo nel seguente modo: “Se uno non dimora in me, è gettato via come il tralcio, e si secca; questi tralci si raccolgono, si gettano nel fuoco e si bruciano.” Perciò, solamente coloro che vanno pienamente a Cristo e dimorano in Lui sono salvati.

Solitamente le persone vengono in chiesa prima di prendere sul serio il Vangelo e sono salvate. Questo è il modo classico di come le persone vengono salvate, o almeno lo era prima che l’apostasia producesse confusione per queste cose. Molti di voi son qui in chiesa, ma non hanno ancora creduto in Gesù. Posso dirvi con tutta la forza possibile: frequentare soltanto una chiesa non ti aiuterà nel giorno del giudizio. Gesù parlò a un uomo che era entrato visibilmente in chiesa, ma non aveva l’abito nuziale.. Il re disse allora a quell’uomo: “Amico, come sei entrato qui senza avere un abito di nozze?” E costui rimase con la bocca chiusa. Allora il re disse ai servitori: "Legatelo mani e piedi e gettatelo nelle tenebre di fuori. Lì sarà il pianto e lo stridor dei denti” (Matteo 22:12, 13). Puoi ottenere “l’abito nuziale” solo se credi in Gesù. Se rifiuti di andare a Lui, non hai speranza di scampare dal giudizio che sta per abbattersi su questo mondo. Se rifiuti di andare a Gesù non scamperai dall’eterno fuoco dell’Inferno.

Sono certo che ci saranno stati dei falegnami, degli operai, e ingegneri primitive che lavorarono con Noè mentre l’arca veniva costruita. Ma costoro non credettero all’arca. Sapevano tutto di essa, ma non si sono affidati a essa. Erano come alcuni di voi che vengono in chiesa ma non vengono a Gesù. Ti avverto, se vieni in chiesa , ma rifiuti di credere in Gesù, sarai scioccato quando Egli ti manderà via, nelle fiamme dell’Inferno. Cristo stesso disse:

“Molti mi diranno in quel giorno: Signore, Signore, non abbiamo noi profetizzato in nome tuo e in nome tuo cacciato demoni e fatto in nome tuo molte opere potenti?" (Matthew 7:22, 23)

Gesù morì sulla Croce per pagare la pena per il tuo peccato. Ma se rifiuti di credere in Lui, sarai fuori dall’arca di salvezza quando verrà il giudizio. Gesù ha versato il Suo Sangue per purificarti da ogni peccato. Ma se non credi in Lui, sarai fuori dall’arca quando verrà il giudizio. Gesù risorse dalla morte per darti una nuova nascita, e una vita eterna, ma se non credi in Lui trascorrerai l’eternità nel fuco che non si spegne. Vi imploro questa mattina: venite a Gesù, il Figlio di Dio, prima che sia troppo tardi! Proprio come ha cantato pochi minuti fa il signor Griffith: “Hai bisogno di un Salvatore, in tempi come questi.”

Se vuoi credere in Gesù, per favore lascia la tua sedia adesso e recati dietro questo auditorium. Il dott. Cagan ti condurrà in un posto più tranquillo dove potremo parlare e pregare. Se desideri diventare un vero Cristiano, per favore vai pure nel retro dell’auditorium adesso. Per favore dott. Chan prega affinché qualcuno confidi in Gesù e sia salvato questa mattina. Amen.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dott. Hymers ogni settimana su Internet all’indirizzo
www.realconversion.com cliccando sulla voce “Sermoni in italiano”.

Puoi contattare via email il Dott. Hymers in inglese all’indirizzo: rlhymersjr@sbcglobal.net
o puoi contattarlo scrivendo all’indirizzo: P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015; puoi
telefonargli al numero: 001 (818)352-0452.

Questi sermoni sono senza diritto d’autore e possono essere utilizzati senza permesso
del dott. Hymers Invece tutti i video messaggi del dott. Hymers sono coperti da
copyright e possono essere utilizzati solamente con il permesso dell’autore.

Scrittura letta prima del Sermone dal fratello Abel Prudhomme: Matteo 24:32-42.
Assolo canto prima del Sermone dal fratello Benjamin Kincaid Griffith:
“In Times Like These” (di Ruth Caye Jones, 1902-1972).


SCHEMA DE

GUERRA IMMINENTE

a cura del dott. R. L. Hymers, Jr.

“Come fu ai giorni di Noè, così sarà alla venuta del Figlio dell'uomo. Infatti, come nei giorni prima del diluvio si mangiava e si beveva, si prendeva moglie e s'andava a marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell'arca, e la gente non si accorse di nulla, finché venne il diluvio che portò via tutti quanti, così avverrà alla venuta del Figlio dell'uomo.” (Matteo 24:37-39).

(I Tessalonicesi 5:3; II Pietro 3:10; Matteo 24:3;
Genesi 6:5, 7; Apocalisse 16:19)

I.   Primo, “Il diluvio venne e portò via tutti quanti” Matteo 24:39; II Pietro 2:5.

II.  Secondo, quando il diluvio venne la gente era interessata solo alle cose di questo mondo, Matteo 24:38; 6:33; 24:39; Amos 4:12; Marco 9:44.

III. Terzo, tutti coloro che furono trovati nell’arca furono salvati quando venne il Diluvio, Ebrei 11:7; II Pietro 2:5; Giovanni 15:6;
Matteo 22:12, 13; 7:22, 23.