Print Sermon

Questi manoscritti e video sono disponibili per 116.000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com. Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 34 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net.




IL VANGELO NELL’IMMAGINE DELL’ARCA DI NOÉ

THE GOSPEL PICTURED BY THE ARK OF NOAH
(Italian)

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato presso il tabernacolo Battista di Los Angeles
La sera del giorno del Signore, 18 giugno 2017
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Lord's Day Evening, June 18, 2017

“Pari a colui davanti al quale ciascuno si nasconde la faccia, era spregiato, e noi non ne facemmo stima alcuna” (Isaia 53:3).


Questo è esattamente ciò che fai se non sei stato ancora convertito. Nascondi la tua faccia alla vista di Cristo. Disprezzi Cristo, non lo stimi. Ecco ciò che pensi di Cristo. Puoi anche dire che non è vero, che tu non sei così, e che non pensi questo di Gesù Cristo. Pensi di amare Gesù, ma stai ingannando te stesso. Il Profeta Geremia disse: “Il cuore è ingannevole più di ogni altra cosa” (Geremia 17:9). Puoi dire di sentire nel tuo cuore di amare Gesù, e di pensare che ciò che è nel tuo cuore è la verità, ma ti sbagli, perché il cuore è ingannevole “più di ogni altra cosa”. Niente è più ingannevole del tuo cuore. È pieno di doppiezza, illusione e disonestà. Il tuo cuore è disonesto “più di ogni altra cosa”. Niente è più disonesto del tuo cuore.

Forse ti conforta l’idea che il tuo cuore non sia più disonesto di altri, e in questo senso hai ragione, ma non hai considerate che è vero a causa della corruzione del peccato originale. Ho cercato un'altra ragione per tre quarti di secolo, ma sono stato costretto a tornare al peccato originale, perché nessun altro motivo che io conosca può spiegare perché ogni persona che conosco ha "nascosto il suo volto da lui" nel omento in cui Adamo ha nascosto il suo volto dal Cristo preincarnato nel Giardino dell'Eden.

“Pari a colui davanti al quale ciascuno si nasconde la faccia, era spregiato, e noi non ne facemmo stima alcuna” (Isaia 53:3).

Non dai valore a Gesù, non pensi che sia importante.

Vivi nell’illusione che questo versetto sia falso, e che in realtà tu ami Gesù, e che lo stimi tanto. Piuttosto che accettare ciò che il tuo cuore traviato e corrotto a causa del peccato originale, ti dice, dovresti dubitare delle valutazioni del tuo cuore.

Hai pensieri interiori sulla bellezza di Cristo? Puoi affermarlo? Ascolta e poi chiediti se puoi affermare questo in tutta onestà (devi essere onesto) - puoi dire: "Il Vangelo, una volta era noioso e senza senso, ora mi emoziono quando sento parlare di Gesù"? Puoi dirlo onestamente? Se no, questo dimostra che tu non stimi Gesù Cristo proprio come fa Emi Zabalaga!

Oppure puoi dire: "Gesù è stato crocifisso per me, quando ero suo nemico, e non gli cedevo. Questo pensiero mi spezza. Cristo ha dato la Sua vita per me e per questo io darò tutto a Lui ... Gesù è il mio Liberatore, il mio Riposo e il mio Salvatore. Non potrei mai fare abbastanza per Cristo. Servire Gesù è la mia gioia ". Puoi dire tutto ciò onestamente - come ha detto John Cagan? Se stai esitando, lo fai perché ti stai nascondendo da Gesù, e non pensi molto a Gesù?

Un altro modo per provare l'autenticità del tuo amore per Gesù Cristo è quello di essere convinto di peccato. Fino a che non senti il peso del peccato per aver rifiutato Gesù, non stimerai mai Gesù Cristo! Gesù disse:

“Quando sarà venuto [lo Spirito Santo] convincerà il mondo quanto al peccato, alla giustizia e al giudizio. Quanto al peccato, perché non credono in me” (Giovanni 16:8, 9).

Se non condanni il peccato che ti fa rifiutare Gesù, è un segno certo che "non lo stimi". Il dottor W. G. T. Shedd disse: "Lo Spirito Santo non rigenera solitamente un uomo finché non sia un uomo convinto". Il senso di colpa prepara l'uomo a essere liberato dal Signore.

Non saprai mai quanto sia prezioso Cristo finché:
   Sarai immerso nel gioco.
      Sarai spaventato dalla morte.
         Conterai solo te stesso.
            Sarai convinto di peccato.

Qualcuno potrebbe dire: "Sono dei punti molto duri". Ma questa è la preparazione che ti serve!

Gesù è il tema centrale di tutta la Bibbia. Quando Gesù ha incontrato due Discepoli, ha parlato con loro a lungo. Andiamo in Luca 24: 25-27. A pagina 1306 nella Bibbia con note Scofield. Alziamoci in piedi e leggiamo.

“Allora Gesù disse loro: «O insensati e lenti di cuore a credere a tutte le cose che i profeti hanno dette! Non doveva il Cristo soffrire tutto ciò ed entrare nella sua gloria?» E, cominciando da Mosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture le cose che lo riguardavano” (Luca 24:25-27).

Gesù ha trascorso diverse ore per insegnare tutto ciò. L'Antico Testamento è lungo, sono circa 984 pagine nella mia copia della traduzione di King James. Quando Gesù è arrivato al sesto, settimo e ottavo capitolo della Genesi, voleva spiegare come l'Arca di Noè parlava di Lui. Quando è arrivato al racconto di Noè, del grande diluvio e dell'arca, egli avrebbe dovuto mostrare loro "le cose che lo riguardavano" (Luca 24:27). Questi capitoli della Genesi sono così importanti che Gesù non avrebbe potuto continuare senza fare un commento.

Infatti, il sesto, settimo e ottavo capitolo della Genesi sono tutti pieni di tipi, ovvero illustrazioni e immagini di Cristo. E poiché Gesù ha cominciato dagli scritti di Mosè, l'autore umano della Genesi, e ha spiegato lì in tutte le Scritture le cose che lo riguardavano" (Luca 24:27). Indubbiamente disse loro di come l'Arca palasse di Lui.

Sì, Gesù è il tema centrale di tutta la Bibbia, e c'è molto che possiamo imparare su di Lui studiando l'arca. Ecco alcuni punti del Vangelo che Gesù ha indubbiamente toccato come "spiegò loro in tutte le Scritture le cose che lo riguardavano" (Luca 24:27).

I. Primo, l’arca è un’immagine di Cristo poco attraente.

Come ho già detto, l'arca di Noè non era una bella barca colorata, che gli insegnanti di molte scuole domenicali scioccamente mostrano ai ragazzi. No! No! L'arca era una gigantesca scatola nera di legno. Era coperto da di pece nera, sia dentro che fuori. Dio disse:

“Fatti un'arca di legno di gofer; falla a stanze, e spalmala di pece di dentro e di fuori” (Genesi 6:14).

L'arca era una scatola nera con un fondo piatto. Era lunga circa 500 piedi. Era di circa 90 metri di larghezza e di 60 piedi di altezza. Fu costruita semplicemente per galleggiare, non per navigare. Era una nave brutta e nera, sia dentro che fuori. Non c'era niente di bello. Questa è un'immagine di Gesù Cristo. La Bibbia dice questo su Cristo:

“Egli è cresciuto davanti a lui come una pianticella, come una radice che esce da un arido suolo; non aveva forma [maestà] né bellezza da attirare i nostri sguardi, né aspetto tale da piacerci. Disprezzato e abbandonato dagli uomini, uomo di dolore, familiare con la sofferenza, pari a colui davanti al quale ciascuno si nasconde la faccia, era spregiato, e noi non ne facemmo stima alcuna” (Isaia 53:2-3).

Non è esattamente il modo in cui la maggior parte delle persone ha visto l'arca, quando l'hanno vista in piedi per terra, prima che arrivasse il Diluvio? Non aveva nè bellezza, né maestà. Non era desiderabile. E stata disprezzata e rifiutata dagli uomini, proprio come Gesù. Gli uomini hanno nascosto i loro volti dall'arca, proprio come hanno nascosto i propri volti da Gesù. L'arca era disprezzata e non era stimata. Ecco perché gli hanno rifiutato di entrare nell'arca, proprio come hanno poi rifiutato di entrare in Cristo.

"Come può salvare questa brutta cassa nera?" Devono aver detto gli uomini del tempo. Oggi molte persone rifiutano di entrare in Cristo e essere salvate per la stessa ragione. Pensano: "Perché devo rinunciare alla mia vita quotidiana, ai miei piaceri e ai nostri piaceri, per entrare in quella vecchia nave nera e scura?" Matteo ventiquattro, versetto trentasette ci dice:

“Come fu ai giorni di Noè, così sarà alla venuta del Figlio dell'uomo. Infatti, come nei giorni prima del diluvio si mangiava e si beveva, si prendeva moglie e s'andava a marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell'arca, e la gente non si accorse di nulla, finché venne il diluvio che portò via tutti quanti, così avverrà alla venuta del Figlio dell'uomo” (Matteo 24:37-39).

Questo ci mostra che quegli uomini non volevano smettere di mangiare e di bere e di fare grandi feste. Non volevano smettere di frequentare i matrimoni sontuosi e lunghi di cui le persone erano dipendenti in quel tempo. Perché avrebbero dovuto abbandonare le loro feste, il loro "club", le danze, il bere e il divertimento solo per entrare in una vecchia barca nera in cui non c'era niente che avesse a che fare con il "divertimento"? forse pensarono così.

Ovviamente si sbagliavano. L'unico posto nel mondo dove c'era qualcosa di "divertente" e di divertimento durante il diluvio era nell'arca. Noè e la sua famiglia avevano compagnia mentre lavoravano insieme per curare e nutrire gli animali durante il periodo in cui le acque coprivano la terra.

L'arca era l'unica chiesa in tutto il mondo durante il terribile periodo del Diluvio. Noè e i sette membri della sua famiglia erano l'unica chiesa in terra di quel tempo, e avevano un meraviglioso momento di comunione, un culto amorevole e di godimento nell'arca.

Non è questo anche il modo in cui i non convertiti vedono oggi la nostra chiesa locale? Molti genitori perduti affermano: "Perché questi giovani vogliono stare così tanto in quella chiesa? Che cosa li attrae? Non hanno da bere, né droghe o feste in quella chiesa. Non hanno sesso illecito in quella chiesa. Ma sembrano voler stare lì tanto tempo. Cosa c'è in quel brutto vecchio edificio della chiesa del centro, che portano mio figlio o mia figlia a voler essere sempre lì?"

Ebbene, puoi rispondere alla tua famiglia e ai tuoi amici increduli: "La chiesa è la nostra arca. Ci salva dal mondo bruciato e solitario in cui abitavamo. Ora viviamo in questa chiesa battista locale. Qui in chiesa abbiamo un sano e puro divertimento più di quanto abbiamo mai sognato! Perché essere solo? Vieni a casa - vieni in chiesa! In questo brutto, un po’ scomodo vecchio edificio della chiesa, abbiamo trovato un rifugio da un mondo freddo e solitario. Entra e troverai la gioia, l'amicizia e la sicurezza che abbiamo trovato noi nella chiesa locale, la casa del Dio vivente? Vieni regolarmente in questa arca, in questa chiesa, dove scoprirete la stessa pace e la gioia che noi abbiamo trovato".

Sì, l'arca era una vecchia scatola brutta e nera, ma era un luogo di gioia, di amicizia e d'amore. Vieni a casa! Entra in questa disprezzata e vecchia arca della nostra chiesa locale. Sarai salvato e avrai una vita felice con noi!

II. Secondo, l’arca è un’immagine del Sangue di Cristo.

Per favore apriamo la Bibbia in Genesi, al capitolo sei, al versetto quattrodici. Dio disse a Noè:

“Fatti un'arca di legno di gofer; falla a stanze, e spalmala di pece di dentro e di fuori” (Genesi 6:14).

Il commentatore conservative H. C. Leupold ttradusse questo passo “E imbrattala con la pece dentro e fuori” (Traduzione in italiano Exposition of Genesis, Baker, 1976, volume 1, p. 269).

Il Dr. Leupold prosegue parlandoci delle camera dell’arca e della pece che le ricopriva.

La parola "stanze" (qinnim) viene usata anche per parlare di "nidi". Di conseguenza, tali stanze erano destinate secondo le esigenze delle varie bestie ... Questa non era una nave ma una grande scatola galleggiante con dimensioni quasi proporzionate a quelle di una nave. Questa nave non era destinata alla navigazione o alla navigazione di alcun tipo. È stata progettata per galleggiare, resa impermeabile da un rivestimento abbondante all'interno e all'esterno con della "pece" (kopher) (ibid., p. 270).

Dr. Leupold continua dicendo che il termine “kaphar” deriva da “kopher” (ibid.).

“Kaphar” è la parola ebraica che traduciamo “espiazione” nella Bibbia. La forma verbale di “kaphar” è tradotta con “espiare” settanta volte nell’Antico Testamento.

Levitico 17:11 ci mostra il significato di questa parola.

“Poiché la vita della carne è nel sangue. Per questo vi ho ordinato di porlo sull'altare per fare l'espiazione per le vostre persone; perché il sangue è quello che fa l'espiazione, per mezzo della vita” (Levitico 17:11).

Entrambe le volte in cui troviamo “espiazione” [in questo versetto] è una traduzione del termine originale “kaphar”, che vuol dire “coperto.” Il Sangue di Gesù Cristo “copre” i nostri peccati. Questo viene detto chiaramente nel Nuovo testamento:

“Beati quelli le cui iniquità sono perdonate e i cui peccati sono coperti” (Romani 4:7).

L’arca è stata coperta con la pece per evitare il giudizio delle acque del Diluvio. Quando vai a Cristo, sei ricoperto dal Suo Sangue, e il giudizio di Dio non ti colpisce. Dio disse a Noè “Entra nell’arca” (Genesi 7:1). Noè entrò, circondato da pareti ricoperti di pece. La pece è un tipo del Sangue di Cristo. Quando vai a Cristo, sei letteralmente circondato dal Sangue di Cristo, e i tuoi “peccati sono coperti” (Romani 4:7)!

“Ma se camminiamo nella luce, com'egli è nella luce, abbiamo comunione l'uno con l'altro, e il sangue di Gesù, suo Figlio, ci purifica da ogni peccato” (I Giovanni 1:7).

Ecco perché Gesù morì sulla Croce, così il Suo Sangue potesse lavare le tue iniquità e coprire i tuoi peccati.

“Beati quelli le cui iniquità sono perdonate e i cui peccati sono coperti” (Romani 4:7).

III. Terzo, l’arca è un’immagine della risurrezione.

L’arca è un tipo di risurrezione. L’arca era ferma sul monte Ararat il giorno che Cristo è risuscitato dalla morte.

Ora vorrei mostrarvi un’altra cosa. Ascoltiamo cosa dice Genesi capitolo otto, versetto diciotto:

“Noè uscì con i suoi figli, con sua moglie e con le mogli dei suoi figli (Genesi 8:18).

Questo rappresenta la risurrezione di Gesù Cristo dalla morte:

“Dopo il sabato, verso l'alba del primo giorno della settimana, Maria Maddalena e l'altra Maria andarono a vedere il sepolcro. Ed ecco si fece un gran terremoto; perché un angelo del Signore, sceso dal cielo, si accostò, rotolò la pietra e vi sedette sopra. Il suo aspetto era come di folgore e la sua veste bianca come neve. E, per lo spavento che ne ebbero, le guardie tremarono e rimasero come morte. Ma l'angelo si rivolse alle donne e disse: «Voi, non temete; perché io so che cercate Gesù, che è stato crocifisso. Egli non è qui, perché è risuscitato come aveva detto; venite a vedere il luogo dove giaceva. E andate presto a dire ai suoi discepoli: "Egli è risuscitato dai morti, ed ecco, vi precede in Galilea; là lo vedrete". Ecco, ve l'ho detto».” (Matteo 28:1-6).

Noè uscì dall'arca, così Cristo uscì dalla tomba alla mattina di Pasqua. Dice: "Noè uscì con i suoi figli, con sua moglie e con le mogli dei suoi figli". Questo prefigura i cristiani che avrebbero incontrato Cristo nell'aria (I Tessalonicesi 4: 16-17). Noè che esce dall'arca è un'immagine di Cristo uscito dalla tomba. La sua famiglia che esce dall'arca dopo di lui è un'immagine dei cristiani che saranno rapiti.

Tutto ciò è simbolico. Dr. John Warwick Montgomery disse:

L'atto della liberazione di Noè - mediante la grazia di Dio attraverso l'acqua e [l'arca] - ha portato la chiesa primitiva a vedere questo evento passato come un precursore tipologico della salvezza, offerto come patto della Nuova Alleanza. L'arca stessa è stata concepita come un simbolo della chiesa (solo coloro che cercano la grazia offerti possono sopravvivere all'inondazione di un mondo peccaminoso). L'architettura della chiesa stessa aveva impresso indelebilmente questa immagine (ad esempio, il termine "navata" viene dal latino "navis", "la nave"). Nei primi disegni cristiani – ritrovati ad esempio nelle catacombe, l'arca veniva usata per simboleggiare il luogo della sepoltura o della bara, da cui Dio avrebbe alzato il credente l'ultimo giorno, come quando liberò Noè dalle acque mortali del diluvio. (Traduzione di John Warwick Montgomery, Ph.D., The Quest for Noah’s Ark, Bethany, 1972, p. 284).

Nella prima metà del secondo secolo, Giustino Martire disse:

In occasione del diluvio, infatti, il giusto Noè con gli altri uomini, cioè la moglie, i loro tre figli e le mogli dei figli, essendo in numero di otto costituivano il simbolo dell’ottavo giorno, nel quale il nostro Cristo apparve risorto dai morti, giorno che ha la prerogative di essere sempre il primo. «Cristo infatti, che è il primogenito di tutta la creazione, è divenuto anche principio di una nuova stirpe, quella da Lui generata attraverso l’acqua, la fede e il legno, quella che possiede il mistero della croce, così come anche Noè fu salvato galleggiando con i suoi sulle acque. (Traduzione di Giustino Martire, Dialogo con Trifone, cxxxvii, 1-2).

Come osservavano i primi cristiani, l'intero Vangelo è rappresentato nell'arca di Noè. (1) Era un'arca brutta, non attraente agli occhi o per la mente. Quindi, Cristo non si appella all'uomo, e il vangelo sembra stupido. (2) L'arca era coperta da uno spesso strato di pece, dentro e fuori. Questo dipinge il Sangue di Cristo che copre il convertito, in modo che Dio non possa vedere i suoi peccati. (3) L'arca si fermò sul monte Ararat, e Noè uscì vivo. È un quadro di Cristo che esce dalla tomba, risorto dai morti, la mattina di Pasqua.

Ancora un'altra cosa. L'arca si fermò in cima alla montagna. Questa è un'immagine di Cristo che sale verso il Monte Sion, la Città di Dio, nel Terzo Cielo. Cristo è ora in Cielo, alla destra di Dio. Vieni a Cristo e sarai salvato. Vieni a Cristo e i tuoi peccati saranno coperti con lo "spessore" del Suo Sangue. Vieni a Cristo e avrai la possibilità di andare in Paradiso. Mentre Noè e la sua famiglia sfuggirono al diluvio, tu sfuggirai all'Inferno. Devi entrare in Cristo, come Noè è entrato nell'arca!


QUANDO SCRIVI AL DR. HYMERS DOVRESTI INDICARE GENTILMENTE DA QUALE PAESE STATI SCRIVENDO ALTRIMENTI NON POTRÁ RISPONDERE ALLA TUA EMAIL. Se questi sermoni ti stanno benedicendo scrivi un’email al Dr. Hymers e diglielo, per favore indica il paese dal quale stai scrivendo. L’email è-, rlhymersjr@sbcglobal.net (clicca qui). Se puoi scrivi in inglese, anche se puoi scrivere al Dr. Hymers in qualsiasi lingua, Se vuoi scrivere al Dr. Hymers via posta fallo al seguente indirizzo: P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015. Oppure telefona al numero: (818)352-0452.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dr. Hymers ogni settimana sul nostro sito Internet
all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com.
Clicca su “Sermoni in italiano.”

Questi manoscritti non sono coperti da copyright, quindi possono essere utilizzati senza il
permesso del Dr. Hymers. Invece tutti i video messaggi del Dr. Hymers e tutti i video
sermoni della nostra chiesa, hanno il copyright e possono essere utilizzati solamente con permesso.

Lettura prima del sermone di Noah Song: Matteo 28:1-6.
Canto prima delsermone di Benjamin Kincaid Griffith:
“Saved by the Blood” (di S. J. Henderson, 19th century).


SCHEMA DE

IL VANGELO NELL’IMMAGINE DELL’ARCA DI NOÉ

THE GOSPEL PICTURED BY THE ARK OF NOAH

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.

“Pari a colui davanti al quale ciascuno si nasconde la faccia, era spregiato, e noi non ne facemmo stima alcuna” (Isaia 53:3).

(Geremia 17:9; Giovanni 16:8, 9; Luca 24:24-27)

I.   Primo, l’arca è un’immagine di Cristo poco attraente, Genesi 6:14;
Isaia 53:2-3; Matteo 24:37-39.

II.  Secondo, l’arca è un’immagine del Sangue di Cristo, Genesi 6:14;
Levitico 17:11; Romani 4:7; Genesis7:1; I Giovanni 1:7.

III. Terzo, l’arca è un’immagine della risurrezione, Genesi 8:18;
Matteo 28:1-6; I Tessalonicesi 4:16-17.