Print Sermon

Questi manoscritti e video sono disponibili per 116.000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com. Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 34 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net.




LA VIA, LA VERITÁ E LA VITA

THE WAY, THE TRUTH, AND THE LIFE
(Italian)

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato presso il Tabernacolo Battista di Los Angeles
La mattina del giorno del Signore, 15 novembre 2015
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Lord's Day Morning, November 15, 2015

“Gesù gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me»” (Giovanni 14:6).


Quando leggiamo il capitoli 13 e 14 del vangelo di Giovanni possiamo vedere quanto fossero ciechi i Discepoli. Erano stati con Gesù per ben tre anni eppure erano ancora ciechi. Avevano guarito gli ammalati e avevano cacciato i demoni e tuttavia erano ancor ciechi. Mi sorprende che molti che leggono i quattro vangeli non vedano questo! Gesù aveva detto loro tantissime volte che stava per essere crocifisso e che doveva morire e poi che sarebbe risorto dalla morte.

“Poi, prese con sé i dodici, e disse loro: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme, e saranno compiute riguardo al Figlio dell'uomo tutte le cose scritte dai profeti; perché egli sarà consegnato ai pagani, e sarà schernito e oltraggiato e gli sputeranno addosso; e, dopo averlo flagellato, lo uccideranno; ma il terzo giorno risusciterà». Ed essi non capirono nulla di tutto questo; quel discorso era per loro oscuro, e non capivano ciò che Gesù voleva dire.” (Luca 18:31-34; vedi anche Matteo 12:38-42; 16:21-23; 17:22-23; 20:17-19; Marco 10:32-34).

I Discepoli non aveva compreso questa verità e neanche “tutte le cose scritte dai profeti.” Non avevano compreso il Vangelo! Ora vediamo qui Gesù con i Suoi Discepoli all’Ultima cena, e Lui sarebbe stato crocifisso proprio il giorno dopo, tuttavia i Suoi Discepoli erano ciechi riguardo alle semplici verità del Vangelo!

Gesù stava lavando i loro piedi dopo la cena, e Pietro gli disse: “Non mi laverai mai i piedi.” E Gesù gli disse: “Se non ti lavo, non hai parte alcuna con me.” Pietro disse: “Signore, non soltanto i piedi, ma anche le mani e il capo” (Giovanni 13:8, 9). Essi non avevano compreso il bisogno dell’umiltà (13:14-17). Ed è qui che Giuda si separa dagli altri Discepoli per tradire Gesù (13:30). Allora Pietro disse: “Signore, dove vai?» Gesù rispose: «Dove vado io, non puoi seguirmi per ora; ma mi seguirai più tardi» (Giovanni 13:36). Pietro non aveva idea che Gesù stava parlando della su ascensione al Cielo, e così rispose d’impulso: “Signore, perché non posso seguirti ora? Darò la mia vita per te!” (Giovanni 13:37). Gesù gli disse: “Darai la tua vita per me? In verità, in verità ti dico che il gallo non canterà che già tu non mi abbia rinnegato tre volte” (Giovanni 13:38). Allora Gesù disse: “Io vado a prepararvi un luogo” (Giovanni 14:2). Non aveva capito che stava parlando del Cielo. Anche Tommaso rispose d’impulso: “Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo sapere la via?” (Giovanni 14:5). Come ho appena detto, i Discepoli di Gesù erano profondamente ciechi riguardo a queste semplici verità. La nota della Bibbia Scofield su Giovanni 3:3 espone questa loro cecità:

La Nuova nascita è assolutamente indispensabile a causa della naturale incapacità dell’uomo – per quanto colto sia – di comprendere a pieno le realtà spirituali, di conoscere Dio, di ubbidirgli e di poter entrare nel sui regno, perché non può né ubbidir, né capire e né piacere a Dio.

Sono completamente d’accordo con questa dichiarazione. L’uomo che non è stato convertito “è morto nei suoi falli e nei peccati” (Efesini 2:1). Come dice appunto la nota Scofield: “l’uomo naturale è assolutamente cieco per le verità spirituali.” E questa era la condizione dei Discepoli la sera prima che Gesù fosse crocifisso. Lo avevano seguito per tre anni, ma erano ancora morti spiritualmente! Perché:

“L’uomo naturale non riceve le cose dello Spirito di Dio, perché esse sono pazzia per lui; e non le può conoscere, perché devono essere giudicate spiritualmente” (I Corinzi 2:14).

I Discepoli erano rimasti spiritualmente morti, in uno stato da inconvertiti, fino a che Gesù risuscitò dalla morte e si presentò a loro la sera della Domenica di Pasqua. Alcuni dicono “Ma dove c’è scritto?” Quanta cecità riguardo alla conversione c’è in questi ultimi giorni di apostasia| Viene detto alla fine di tutti e quattro i Vangelo! (Vedi Giovanni 20:19-22, Luca 24:36-45, etc.). Mi scioccano i tanti predicatori di questi ultimi giorni che non sanno queste semplici cose! Non vi meravigliate che non predichino più il Vangelo! Difficilmente oggi sento dei pastori che predicano il vangelo! Siamo abituati ad ascoltarli, ma non ascoltiamoli adesso, tantomeno in America! Mi sembra che molti Pastori siano tanto ciechi quanto Tommaso, che disse: “Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo sapere la via?” (Giovanni 14:5).

Gesù non è arrabbiato con Tommaso e gli altri Discepoli. Tommaso chiese delle cose sul Cielo e di come arrivarci, e Gesù gli rispose dicendo:

“Io sono la via, la verità, e la vita, nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” (Giovanni 14:6).

Sto adattando il messaggio da Robert Murray McCheyne (1813-1843) un grandissimo predicatore Scozzese che vide un risveglio mandato da Dio nella sua chiesa, prima di morire alla giovane età di 29 anni. Robert McCheyne disse: “Riguardo Giovanni 14:6 è una completa predicazione della salvezza evangelica, analizziamo ogni parte di esso.”

I. Primo, Gesù Cristo è la via che porta a Dio.

Gesù stesso è la via del Cielo. L’articolo è un aggettivo: “Io sono la via.” Gesù non solo ci mostra la via verso Dio, ma Egli è la via per Dio. Non vi è un’altra via! Solamente Gesù ci può portare a Dio!

Quando avevo dodici anni andai con mia madre da Phoenix, ina Arizona, a Toronto, in Canada. Quando arrivammo nell’area di Chicago chiese a un poliziotto l’autostrada da prendere. Lui le disse che avrebbe dovuto fare un’inversione a U, e quella era la via da fare. Mamma guidò per un’ora, ed io cominciai a notare dei particolari per strada che prima avevo notato. E le dissi: “Mamma, mi sa che stiamo ritornando indietro.” Così accostò e vi era un taxi parcheggiato, e mamma gli disse: “Noi stiamo andando a Chicago est per raggiungere Toronto, è questa la giusta strada?” Il tassista aveva una sigaretta in bocca e ci disse: “Signora, si è confusa! Deve fare quella strada!” Ci indicò la strada da fare, così ritornammo indietro verso la strada che avevamo fatto la prima volta! Il poliziotto ci aveva indicato la direzione sbagliata! Stiamo tutti andando verso la direzione sbagliata, finché non interviene Gesù. Nel mondo antico si diceva: “Tutte le strade portano a Roma.” Ma oggi noi possiamo dire: “Tutte le strade portano all’Inferno.” Gesù solo è la via” che conduce a Dio!

Robert McCheyne disse: “Gesù ha avuto pietà dei poveri figli di Adamo che lottavano invano per trovare una via verso il paradiso di Dio, ed egli ha lasciato il Paradiso ed è venuto sulla terra per aprire una via al Padre in Cielo. Come lo ha fatto? Gesù si è fatto uomo, e al posto nostro ha portato i nostri peccati sulla Croce. Ora il più vile dei peccato può entrare in Cielo mediante il Suo corpo sanguinante e trovare il paradiso di Dio e vivere per sempre. Vai a Gesù, non dubitare, perché Gesù ha detto: “Io sono la via.”

Non si va al Padre è dicendo la “preghiera del peccatore”, e nemmeno conducendo una vita migliore, o se si abbandonano alcuni peccati, o se si credono alcune cose su Gesù.

Robert McCheyne disse: “Ora amici, è questa la vostra via per andare al Padre? Gesù disse: “Io sono la via … nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.” Ora, se continui a seguire la tua via, sia che sia la via di un’autoriforma, che nella speranza che Dio non sarà così stretto, non sarai avvisato quando arriverà il giudizio di Dio e allora andrai nel fuoco dell’Inferno.

Oggi devi andare al Padre mediante Gesù Cristo, non vi è un’altra via per poter essere salvati, perché “Infatti c'è un solo Dio e anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo” (I Timoteo 2:5).

II. Secondo, Gesù Cristo è la verità.

“Non si può dire che un uomo non convertito conosce la verità. Senza dubbio ci sono tante verità che un uomo non convertito consce, come ad esempio le verità matematiche, molte verità comuni, ma l’uomo non convertito non conosce la verità, perché Cristo è la verità” Disse Robert Murray McCheyne.

Ho avuto due zii che erano due grandi lettori. Prima della Seconda Guerra Mondiale, prima della televisione, molti leggevano tanto. Era comune leggere, ma questi due miei zii leggevano più degli altri, anche se era comune leggere libri più di adesso.

Uno di questi zii si chiamava Porter, Robert Porter Elliott, ma tutti lo chiamavano Porter. Zio Porter aveva sempre un libro in mano, era stato nell’esercito, ma poi aveva fatto il meccanico, lavorando in un negozio di freni a Santa Monica. Zio Porter leggeva sempre. A pranzo, dopo il lavoro, o persino mentre guardava la TV leggeva un libro. Dava uno sguardo alla TV e poi abbassava gli occhi per leggere. Leggeva i gialli di Agatha Christie, e cose di questo genere, ma i suoi libri preferiti erano di scienza o di science fiction. Credeva molto nell’evoluzione Darwiniana, tanto che poteva parlarci per ore a riguardo.

Sono rimasto molto sorpreso di vederlo una mattina venire in Chiesa. Si è seduto dietro e mi ha ascoltato predicare. Alla fine l’ho ringraziato per essere venuto, e lui mi ha detto che il messaggio era stato interessante. Poi ha continuato a venire ogni domenica. Infine, dopo alcune settimane, gli ho parlato di come diventare cristiano. Mi ha ascoltato attentamente e l’ho portato a Gesù. Non riuscivo a crederci! Era stato sempre freddo, un uomo intellettuale, e da bambino avevo persino paura di parlargli. Dopo la sua conversione sorrideva e parlava con i giovani come una persona completamente diversa. Così ha cominciato a chiedermi dei libri Cristiani, gli ho subito dato un libro contro l’evoluzione, un bel libro spesso. Lo ha divorato. La domenica successiva mi ha chiesto altri libri. Gli ho prestato circa quaranta o cinquanta libri. Li ha letti tutti, ed alcuni li ha persino riletti due o tre volte. Non ha mai più letto un giallo o un libro di science fiction. L’ho battezzato personalmente ed è diventato un membro fedele della nostra chiesa. La signora Sally Cook ricorda lo zio Porter molto bene, poi è morto improvvisamente per un infarto.

Cosa era successo allo Zio Porter? Perché si convertito dalla science fiction e dall’evoluzione? Semplice: ha trovato Gesù Cristo! Non aveva più bisogno di science fiction. Aveva trovato la verità: Gesù, il quale disse: “Io sono la via, la verità e la vita.” Zio Porter sarà uno dei primi che cercherò quando sarò in Cielo! È stato salvato da Gesù che è la chiave di tutte le verità!

L’atro zio invece, era il fratello più grande di mia madre: Lloyd V. Flowers, Jr. Era stato nella marina Americana durante la Seconda Guerra Mondiale. Come zio Porter, zio Lloyd era un grande lettore. Era particolarmente interessato ai libri di metafisica e di religioni orientali. Anche lui aveva sempre un libro con sé, ovunque andasse. Era un giardiniere, ma aveva sempre un libro sulle piramidi, sugli antichi geroglifici o sulle religioni orientali. Era mio amico, e per ore lo ascoltavo parlarmi delle piramidi e delle religioni orientali. Sebbene abbia provato diverse volte a fargli leggere la Bibbia, non ha mai mostrato interesse. Anche lui è morto improvvisamente di infarto, ma diversamente da zio Porter, zio Lloyd è morto senza Cristo. Spesso mi aveva detto che cercava la verità, ma non l’ha mai trovata. Non ha trovato Gesù che è l’incarnazione di ogni verità! Purtroppo quando andrò in Cielo non potrò cercare zio Lloyd, perché so che non sarà lì, perché Gesù disse: “Io sono … la verità … nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” (Giovanni 14:6). Zio Lloyd è all’Inferno.

Quale dei miei zii è come te? Sei come zio Porter che ha trovato la verità in Gesù? O sei come Lloyd che non ha mai trovato un Salvatore?

III. Terzo, Gesù Cristo è la vita.

Robert McCheyne disse: “La Scrittura e l’esperienza provano che siamo per natura morti nei falli e nei peccati … ovviamente chi è morto nei suoi peccati non sa di essere morto. Tuttavia se lo Spirito Santo ti convince di peccato, della natura morta lo conoscerai … Hai sempre provato a osservare tutti i comandamenti di Dio, se hai provato a non avere pensieri peccaminosi, se hai provato a mantenere il tuo cuore lontano dalla cupidigia e dal peccato, se ci hai provato, non ha visto che è impossibile? È come provare a risuscitare un morto! Oh, è chiaro che sei morto, che non sei anto di nuovo! Devi nascere di nuovo, devi essere unito a Cristo, perché Cristo è la vita.”

La tua anima è stropicciata, arida e senza frutti? Vai a Gesù! Credi in Lui, ed Egli ti purificherà mediante il Sui Sangue, ti ravviverà mediante la Sua risurrezione. Allora troverai la vita in Cristo! E potrai dire come l’Apostolo Paolo: “La vita che vivo ora nella carne, la vivo nella fede nel Figlio di Dio il quale mi ha amato e ha dato se stesso per me” (Galati 2:20). Gesù disse:

“Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” (Giovanni 14:6).

Perché Gesù ha detto questa affermazione? Perché è vero. Gesù Cristo è l’unigenito Figlio di Dio, ed è l’unico che è morto per pagare il debito di ogni peccato sul legno della Croce. Gesù è l’unico che è risorto fisicamente dalla morte, per questa ragione ha detto: “Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.” La mia preghiera è che tu possa credere in Gesù questa mattina per essere purificato da ogni peccato mediante il Suo prezioso Sangue!

“Uomo di dolore”, oh che Nome
   per il Figlio di Dio che è venuto [sulla terra]
Per redimere i perduti peccatori!
   Alleluia! Che Salvatore!

Ha portato la mia vergona e il mio fardello
   è stato condannato al posto mio
Ha sigillato il mio perdono con il Suo Sangue
   Alleluia, che Salvatore!
(Traduzione letterale dell’inno “Hallelujah, What a Saviour!”
      di Philip P. Bliss, 1838-1876).

Dr. Chan, per favore conducici in preghiera.


Se questo sermone è stato per te fonte di benedizione il Dr. Hymers vorrebbe ascoltarti. SE SCRIVI AL DR. HYMERS INDICA IL PAESE DAL QUALE STAI SCRIVENDO ALTRIMENTI NON POTRÁ RISPONDERE ALLA TUA EMAIL. Se i sermoni ti stanno portando delle benedizioni scrivi un’email al Dr. Hymers per dirglielo, ma indica anche il paese dal quale stai scrivendo, per favore. L’indirizzo email del Dr. Hymers è: rlhymersjr@sbcglobal.net (clicca qui). Puoi scrivere in qualsiasi lingua, ma se puoi scrivi pure in inglese. Se vuoi scrivere tramite la posta tradizionale ecco l’indirizzo: P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015. Puoi anche telefonare al numero (818)352-0452.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dr. Hymers ogni settimana sul nostro sito Internet
all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com.
Clicca su “Sermoni in italiano.”

Puoi contattare via email il Dott. Hymers in inglese all’indirizzo:
 rlhymersjr@sbcglobal.net o puoi contattarlo scrivendo all’indirizzo:
P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015;
puoi telefonargli al numero: 001 (818)352-0452.

Questi sermoni sono senza diritto d’autore e possono essere utilizzati senza permesso
del dott. Hymers Invece tutti i video messaggi del dott. Hymers sono coperti da
copyright e possono essere utilizzati solamente con il permesso dell’autore.

Lettura prima del sermone di Abel Prudhomme: Giovanni 14:1-6.
Canto prima del sermone Benjamin Kincaid Griffith:
“For All My Sin” (di Norman Clayton, 1943).


SCHEMA DE

LA VIA, LA VERITÁ E LA VITA

THE WAY, THE TRUTH, AND THE LIFE

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.

“Gesù gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me»” (Giovanni 14:6).

(Luca 18:31-34; Giovanni 13:8, 9, 14-17, 30, 36, 37, 38;
Giovanni 14:2, 5; Efesini 2:1; I Corinzi 2:14;
Giovanni 20:19-22; Luca 24:36-45; Giovanni 20:25; 14:5)

I.   Primo, Gesù Cristo è la via che porta a Dio, Giovanni 14:6a;
I Timoteo 2:5.

II.  Secondo, Gesù Cristo è la verità, Giovanni 14:6b.

III. Terzo, Gesù Cristo è la vita, Giovanni 14:6c; Galati 2:20.