Print Sermon

Lo scopo di questo sito Web è di fornire manoscritti gratuiti e video di sermoni a pastori e missionari in tutto il mondo, in particolare nel Terzo mondo, dove, se ci sono, sono pochi i seminari teologici o le scuole bibliche.

Questi manoscritti e video sono disponibili per 1,500,000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com . Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 39 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net .




NOÉ TROVÓ GRAZIA

(SERMONE #19 SUL LIBRO DELLA GENESI)
NOAH FOUND GRACE!
(SERMON #19 ON THE BOOK OF GENESIS)
(Italian)

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato presso il tabernacolo Battista di Los Angeles
Sabato sera, 24 giugno 2017
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Saturday Evening, June 24, 2017

“Il SIGNORE disse a Noè: «Entra nell'arca tu con tutta la tua famiglia, perché ho visto che sei giusto davanti a me, in questa generazione»” (Genesi 7:1)


Noè non è stato salvato perché era buono, ma perché Dio disse: “perché ho visto che sei giusto davanti a me” (Genesi 7:1). Dio lo vide come un uomo giusto. Come mai? La risposta è semplice, e ci viene data sempre nel libro della Genesi, al capitolo sei, versetto otto. Per favore cercalo nella tua Bibbia.

“Ma Noè trovò grazia agli occhi del SIGNORE.” (Genesi 6:8).

Noè ha trovato grazia agli occhi di Dio, e Dio disse: ho visto che sei giusto davanti a me, in questa generazione” (Genesi 7:1).

E questo ci parla della giustizia imputata. Ebrei 11:7 ci dice chiaramente che Noè è stato salvato mediante la fede.

“Per fede Noè, … preparò un'arca per la salvezza della sua famiglia” (Ebrei 11:7).

Ci tengo a ripetere che Noè non è stato salvato perché era buono, sebbene lo era in molte cose, ma non era un uomo perfetto, come la Bibbia stessa ci mostra, quando ci dice che Noè si ubriacò dopo aver piantato una vigna, dopo il Diluvio (vedi Genesi 9:20-21). Possiamo perdonare Noè, dopotutto aveva vissuto una terrificante disavventura, e forse avrà provato ad affogare le sue paure e i suoi incubi bevendo del vino. O forse è stato semplicemente un errore, forse non sapeva che effetto avrebbe avuto il vino, dato che non vi poteva essere fermentazione prima che l’acqua intorno alla terra arrivasse con il Diluvio.

In ogni caso, la Bibbia non ci fa vedere Noè come un uomo perfetto, ma era, proprio come dicono i Puritani “giustificato nonostante il peccato”. Non era perfetto, ma era giustificato alla vista di Dio mediante la fede nel Cristo preincarnato. Noè aveva fede in Cristo, che ha ricevuto per grazia da Dio (vedi Genesi 6:8). Quando Noè ha esercitato la sua fede in Cristo, Dio gli ha imputato, gli ha messo in contro la giustizia di Cristo. Nel Nuovo Testamento, la Bibbia ci dice qualcosa di meraviglioso su questo argomento. Ascoltiamo cosa dice Romani, capitolo quattro, versetto cinque e sei.

“Mentre a chi non opera ma crede in colui che giustifica l'empio, la sua fede è messa in conto [gli viene imputata] come giustizia. Così pure Davide proclama la beatitudine dell'uomo al quale Dio mette in conto la giustizia senza opere” (Romani 4:5-6).

Quando Dio disse a Noè “ho visto che sei giusto davanti a me, in questa generazione” (Genesi 7:1). Dio dice che non ha visto i peccati di Noè, perché la giustizia di Cristo gli è stata messa in conto per fede. Questo è stato anche il motto della riforma “Sola Fide”, salvezza mediante la sola fede in Cristo! Noè non è stato salvato facendo del bene, ma mediante la fede nel Cristo preincarnato!

Ora consideriamo l’arca. L’arca non era una barca, Non è stata costruita per la navigazione. Era una semplice scatola nera, affusolata alla fine. Era stata interamente ricoperta dalla pece. Il Dr. McGee ci ha lasciato i seguenti commenti sull’Arca:

     L’immagine che la maggior parte degli uomini hanno sull’arca è quella che gli è stata data alla Scuola Domenicale, ovvero quella di una casa barca. Secondo me, questo è ridicolo, infatti questa è una caricatura dell’Arca, anziché un’immagine reale di come era veramente.
     Le istruzioni per la costruzione dell’Arca, ci mostrano che era abbastanza grande. “La lunghezza dell’arca era di trecento cubiti”. Se teniamo in considerazione che un cubito corrisponde a diciotto pollici, dovremmo avere più o meno un concetto della sua lunghezza.
     Si pone la domanda di come si possa renderlo sostanziale in quel giorno. Amico mio, non abbiamo a che fare con un cavernicolo. Abbiamo a che fare con un uomo molto intelligente. Vedete, l'intelligenza che la razza è oggi è arrivata proprio da Noè, e lui è stato un uomo molto intelligente.
     Noè non sta facendo una nave per poter percorrere l'oceano per poter sopportare onde di cinquanta metri. Tutto quello che sta costruendo è un posto per la vita, per la vita animale e umana, per rimanere per un bel po’di tempo - per non attraversare una tempesta, ma solo per aspettare l'inondazione. Per questo motivo l'arca è distante dall'essere una nave per l'oceano (Traduzione di J. Vernon McGee, Thru the Bible, Thomas Nelson, 1983, volume I, p. 39).

Whitcomb e Morris hanno sottolineato che i babilonesi avevano un cubo di 19,8 pollici e gli egiziani avevano un cubo di 20,65 pollici. Whitcomb e Morris ci dicono che gli Ebrei avevano un cubo di 20,4 pollici (Traduzione di John C. Whitcomb and Henry M. Morris, The Genesis Flood, Presbyterian and Reformed Publishing Company, 1993, p. 10). Ciò renderebbe l'arca lunga cinque centinaia di metri. La nave queen Mary, ormeggiata vicino a Los Angeles, verso Long Beach, è lunga 1018 piedi, circa il doppio della lunghezza dell'arca. Ma gran parte dello spazio di questa nave è occupato da motori e da altri macchinari, mentre non c'erano dispositivi meccanici sull'arca. Era tutto vuoto, il che significa che lo spazio effettivo per gli uomini e gli animali sull'arca probabilmente era paragonabile, o forse anche più grande, della Queen Mary, che è un vascello molto grande.

Dr. Whitcomb e Dr. Morris avevano ragione nel dire che la misura enorme dell’Arca ci mostra che il Diluvio deve essere stato di grandezza mondiale:

Non solo un'arca di proporzioni così gigantesche non era necessaria per un diluvio locale, ma in tal caso non ci sarebbe stato bisogno di alcuna Arca! Tutta la procedura per la costruzione di questo vascello, ha voluto più di un secolo di progettazione e di fatica, quindi non poteva essere descritta come un’altra cosa, assolutamente sciocca e inutile, semplicemente per sfuggire ad un alluvione locale. È molto più ragionevole pensare che Dio avesse avvertito Noè della futura distruzione, affinché si potesse trasferire in una zona che non sarebbe stata colpita dall'inondazione, anche Lot era stato tolto da Sodoma prima che il fuoco cadesse dal cielo. Non solo questo, ma anche il gran numero di animali di ogni genere, e certamente gli uccelli, potevano essere stati lasciati fuori, senza dover essere conservati e curati per un anno intero nell'Arca! L'intera storia confina con il ridicolo se il Diluvio fosse circoscritto al Medio Oriente (Traduzione di John C. Whitcomb and Henry M. Morris, The Genesis Flood, Presbyterian and Reformed, 1993, p. 11).

Ci sono una serie di cose sull’Arca che dovrebbero essere di grande interesse per noi oggi. Questa sera, vorrei riflettere su tre cose.

I. Primo, l’arca ci dice che devi essere in Cristo per essere salvato.

Il nostro testo di aperture ci dice:

“Il SIGNORE disse a Noè: «Entra nell'arca tu con tutta la tua famiglia, perché ho visto che sei giusto davanti a me, in questa generazione»” (Genesi 7:1).

Ora ascoltiamo il versetto sedici, sempre del capitolo sette:

“Venivano maschio e femmina d'ogni specie, come Dio aveva comandato a Noè; poi il SIGNORE lo chiuse dentro” (Genesi 7:16).

E il versetto sette dice:

“Noè, con i suoi figli, con sua moglie e con le mogli dei suoi figli, entrò nell'arca per scampare alle acque del diluvio” (Genesi 7:7).

Noè e la sua famiglia fecero ciò che Dio disse loro di fare (Genesi 7:1). Così loro entrarono nell’arca. E anche tu devi entrare in Cristo. La Bibbia dice:

“Chi crede in lui [Gesù Cristo] non è giudicato; chi non crede è già giudicato” (Giovanni 3:18).

La parola tradotta con “in” è in originale “eis”. Secondo il Dr. Zodhiates, vuol dire “la prima idea di movimento da un posto o una cosa”. Devi andare In Gesù per fede, che è in Cielo, alla destra di Dio. Proprio come Né entrò nell’arca, devi entrare in Gesù Cristo. “Chi crede in lui non è giudicato …” (Giovanni 3:18). Molte volte la Bibbia ci parla di coloro che sono “in Cristo”. Ecco due versetti molto famosi:

“Non c'è dunque più nessuna condanna per quelli che sono in Cristo Gesù” (Romani 8:1).

“Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura …” (II Corinzi 5:17).

Paolo parla di color che “sono in Cisto” (Romani 16:7).

Sei in Cristo? Devi andare a Lui per fede, proprio come Noè è entrato nell’Arca. Gesù disse:

“Io sono la porta; se uno entra per me, sarà salvato, entrerà e uscirà, e troverà pastura” (Giovanni 10:9).

Non so esattamente come spiegarlo, ma una delle cose più difficili del ministero è quella di far comprendere a chiunque e di poter cogliere questo concetto apparentemente semplice: Vieni a Cristo. Entra in Cristo!

Ve la metto in questo modo. Supponiamo che avessi vissuto al tempo di Noè e l'avessi sentito predicare su un grande diluvio imminente. E lo abbia sentito dire che dovevi entrare nell'arca per essere salvato. "Sì," dici, "è vero. Il giudizio sta arrivando. Sì, è vero, solo l'arca può salvarmi. Io lo credo. "Saresti stato salvato dall'inondazione? Ovviamente no! Avresti dovuto alzarti e entrare nell'arca per essere salvato - non solo credere che l'arca avrebbe potuto risparmiarti - ma entrare in essa! Ed è questo che ti chiedo di fare! Non stare lì a credere che Cristo ti possa salvare! Vieni in Cristo per fede! Gesù disse:

“Tutti quelli che il Padre mi dà verranno a me; e colui che viene a me, non lo caccerò fuori” (Giovanni 6:37).

Sì, l’arca ci dice di andare a Cristo.

II. Secondo, l’arca dice che devi entrare nella chiesa, l corpo di Cristo.

Mi rendo conto che molte persone non saranno d'accordo con me. Molti oggi deprezzano o minimizzano la chiesa locale. Ma si sbagliano. L'arca non è solo un tipo di Cristo. È anche un tipo o un'immagine di una chiesa locale del Nuovo Testamento.

Ora, come si fa parte di una Chiesa? In I Corinzi, capitolo 12, versetto ventisette, dice:

“Ora voi siete il corpo di Cristo e membra di esso, ciascuno per parte sua. E Dio ha posto nella chiesa ...” (I Corinzi 12:27-28).

Fermiamoci qui. Voglio solamente stabilire il fatto che il termine “corpo di Cristo” si riferisce alla chiesa, il corpo locale dei credenti in Gesù. Ora leggiamo il versetto tredici.

“Infatti noi tutti siamo stati battezzati in un unico Spirito per formare un unico corpo, Giudei e Greci, schiavi e liberi; e tutti siamo stati abbeverati di un solo Spirito” (I Corinzi 12:13).

Sei battezzano nella Chiesa locale mediante lo Spirito Santo. Ecco come si diventa in vero e vivente membro di Chiesa!

Ora, non ti importa come avviene. Ciò che ti importa è andare a Gesù Cristo. Se vai a Gesù, lo Spirito Santo automaticamente ti battezza nella chiesa!

Per favore, Andiamo in Genesi al capitolo sei, versetto sedici. Quando Noè entra nell’arca, la Bibbia ci dice che “Il Signore la chiuse” (Genesi 7:16). Questo ci parla dello Spirito Santo di Dio che chiude nella chiesa battezzando i credenti spiritualmente nel corpo! Sì, l’arca ci parla dell’unione di Cristo con la chiesa locale. Se non sei stato “chiuso” con Cristo nella chiesa locale da Dio, perirai nel giudizio. Se sei stato “chiuso” sei al sicuro. Questo ci parla della sicurezza eterna di coloro che sono stati convertiti. Coloro che ascoltano Gesù Cristo on periranno mai!

III. Terzo, l’arca ci dice che devi entrare per la porta stretta.

Come fece Noè ad entrare nell’Arca? Andiamo in genesi, capitolo sei, versetto sedici.

“Farai all'arca una finestra, in alto, e le darai la dimensione d'un cubito; metterai la porta da un lato, e farai l'arca a tre piani: uno da basso, un secondo e un terzo piano” (Genesi 6:16).

Gesù disse: io sono la porta; se uno entra per me, sarà salvato, entrerà e uscirà, e troverà pastura. (Giovanni 10:9). Noè entrò attraverso la porta nell’Arca, così tu devi entrare attraverso Cristo per la salvezza. Gesù disse: “Entrate per la porta stretta” (Matteo 7:13).

Gesù Cristo disse ancora:

“Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché io vi dico che molti cercheranno di entrare e non potranno.” (Luca 13:24).

Questo è esattamente ciò che accadde all’epoca di Noè. Ascoltiamo Genesi, capitolo sette, versetto quattro.

“Poiché di qui a sette giorni farò piovere sulla terra ...” (Genesi 7:4).

Notate anche il versetto dieci:

“Trascorsi i sette giorni, le acque del diluvio vennero sulla erra.” (Genesi 7:10).

Noè entrò nell’arca. Dio la chiuse. La porta fu chiusa. Per sette giorni non accadde niente. Poi cominciò il giudizio. Nessun’altro è potuto entrare nell’arca! Era troppo tardi!

Posso immaginare di sentire le persone urlare: “fammi entrare! Facci entrare!! Ma era troppo tardi!

“Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché io vi dico che molti cercheranno di entrare e non potranno” (Luca 13:24).

Cai ora a Gesù – prima che sia eternamente troppo tardi!


QUANDO SCRIVI AL DR. HYMERS DOVRESTI INDICARE GENTILMENTE DA QUALE PAESE STATI SCRIVENDO ALTRIMENTI NON POTRÁ RISPONDERE ALLA TUA EMAIL. Se questi sermoni ti stanno benedicendo scrivi un’email al Dr. Hymers e diglielo, per favore indica il paese dal quale stai scrivendo. L’email è-, rlhymersjr@sbcglobal.net (clicca qui). Se puoi scrivi in inglese, anche se puoi scrivere al Dr. Hymers in qualsiasi lingua, Se vuoi scrivere al Dr. Hymers via posta fallo al seguente indirizzo: P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015. Oppure telefona al numero: (818)352-0452.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dr. Hymers ogni settimana sul nostro sito Internet
all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com.
Clicca su “Sermoni in italiano.”

Questi manoscritti non sono coperti da copyright, quindi possono essere utilizzati senza il
permesso del Dr. Hymers. Invece tutti i video messaggi del Dr. Hymers e tutti i video
sermoni della nostra chiesa, hanno il copyright e possono essere utilizzati solamente con permesso.

Lettura prima del sermone di Noah Song: Genesi 6:5-8.
Canto prima del sermone di Noah Song:
“If You Linger Too Long” (di Dr. John R. Rice, 1895-1980).


SCHEMA DE

NOÉ TROVÓ GRAZIA

(SERMONE #19 SUL LIBRO DELLA GENESI)

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.

“Il SIGNORE disse a Noè: «Entra nell'arca tu con tutta la tua famiglia, perché ho visto che sei giusto davanti a me, in questa generazione»” (Genesi 7:1).

(Genesi 6:8; Ebrei 11:7;
Genesi 9:20-21; Romani 4:5-6)

I.   Primo, l’arca ci dice che devi essere in Cristo per essere salvato,
Genesi 7:16,7; Giovanni 3:18; Romani 8:1;
II Corinzi 5:17; Giovanni 10:9; Giovanni 6:37.

II.  Secondo, l’arca dice che devi entrare nella chiesa,
il corpo di Cristo, I Corinzi 12:27-28, 13;
Genesi 7:16.

III. Terzo, l’arca ci dice che devi entrare per la porta stretta,
Genesi 6:16; Giovanni 10:9; Matteo 7:13; Luca 13:24;
Genesi 7:4; Genesi 7:10.