Print Sermon

Questi manoscritti e video sono disponibili per 116.000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com. Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 34 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net.




LA PROVA CHE CRISTO È IL FIGLIO!

THE PROOF OF CHRIST’S SONSHIP!
(Italian)

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato press il Tabernacolo Battista di Los Angeles
Sabato sera, 15 aprile 2017
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Saturday Evening, April 15, 2017

“Riguardo al Figlio suo, nato dalla stirpe di Davide secondo la carne, dichiarato Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santità mediante la risurrezione dai morti; cioè Gesù Cristo, nostro Signore” (Romani 1:3-4).


LA PROVA CHE CRISTO È IL FIGLIO!

THE PROOF OF CHRIST’S SONSHIP!
(Italian)

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato press il Tabernacolo Battista di Los Angeles
Sabato sera, 15 aprile 2017
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Saturday Evening, April 15, 2017

“Riguardo al Figlio suo, nato dalla stirpe di Davide secondo la carne, dichiarato Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santità mediante la risurrezione dai morti; cioè Gesù Cristo, nostro Signore” (Romani 1:3-4).

Ammiro molto il Dr. Wilbur M. Smith per la sua immense conoscenza sulla letteratura Cristiana, e per la sua integrità che ha mostrato lasciando il Fuller Seminary nel 1963, perché non sosteneva più l’inerranza della Bibbia e ha cominciato ad abbracciare il liberalismo (vedi Harold Lindsell, Ph.D., The Battle for the Bible, 1978 edition, pp. 110-112). Propio il Dr. Smith ha aperto una discussione profonda su Romani1:4: “Mi chiedo come mai i nostri più grandi predicatori non predicano mai su questo versetto, o non fanno un sermone a riguardo, proprio su questo versetto dichiarante di fede? (Vedi Wilbur M. Smith, D.D., Therefore, Stand, Keats Publishing, 1981 edition, p. 583). Negli ultimi 125 anni ci sono pochissimi predicatori che predicano sulla risurrezione di Cristo, soprattutto con la crescita del “decisionismo”. Dal tempo di C. G. Finney, i sermoni hanno cominciato ad essere incentrati sull’uomo, e su quello che l’uomo fa. Oggi molti predicatori tendono a mettere le cose di Dio dietro le quinte. Si occupano dell’opera dell’uomo, perciò la cristianità evangelica di oggi sta diventando sempre più antropologica piuttosto che teologica, psicologica piuttosto che Cristologica, omocentrica piuttosto che Cristocentrica.

Ogni sermone, nessuno escluso, riportato nel libro degli Atti fa della risurrezione l’argomento centrale. Gli Apostoli non potevano predicare senza parlare della risurrezione di Cristo! Era il cuore stesso del Vangelo che predicavano. Oggi invece, anche se la risurrezione viene citata la mattina di Pasqua, e i ministri raramente predicano sugli aspetti dottrinali.

In questo libro, Cristianità senza Cristo [Christless Christianity] il Dr. Michael Horton evidenzia come i sermoni di Pasqua in molte chiese conservatrici sono spesso “qualcosa su come Gesù ha superato l’ostacolo e così noi evangelici siamo come i [liberali] di oggi, perché parliamo di psicologia popolare, politica, moralismo invece che del vangelo” (Traduzione di Michael Horton, Ph.D., Christless Christianity: The Alternative Gospel of the American Church, Baker Books, 2008, p. 30). Stranamente il Dr. R. A. Torrey, che stimo e ammiro, non cita neanche un sermone sulla risurrezione di Cristo nel suo famoso libro Come lavorare per Cristo (How to Work for Christ (Fleming H. Revell, n.d.). Il Dr. Torrey espone in 156 pagine come creare un sermone per i predicatori, ma non vi è neanche uno schema dedicato interamente alla risurrezione di Gesù! Ovviamente, la situazione di oggi è persino peggiore!

Se cerchiamo negli innari moderni troviamo solamente una decina di inni che citano la risurrezione di Cristo, ma quasi tutti questi inni sono stati scritti prima del ventesimo secolo. Due sono stati scritti nel Diciottesimo secolo, tre nel diciannovesimo, uno nel sedicesimo, uno nel quindicesimo e uno nell’Ottavo secolo! Un inno veramente eccellente sulla risurrezione scritto nel Ventesimo secolo è “Egli vive” di Paul Rader, ma non compare in nessun innario di mia conoscenza. Per favore, alziamoci in piedi e cantatelo con me!

Colui che era morto è vivente,
   Colui che era morto è vivente,
ha spezzato i legami della morte,
   Colui che era morto è vivente!
(Traduzione letterale in italiano dell’inno “Alive Again”
      di Paul Rader, 1878-1938).

Potete sedervi. Potete scrivermi al seguente indirizzo P.O. Box 15308, Los Angeles CA 90015 per richiedere le parole e la musica dell’inno di Paul Rader. Credo che l’assenza della risurrezione da molti inni moderni ci mostra come questo importante argomento è stato trascurato per molto tempo, da Finney in poi. Gesù Cristo è:

“Dichiarato Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santità mediante la risurrezione dai morti” (Romani 1:4)

Ma difficilmente qualcuno lo predica, e neanche cantiamo questa grande verità! Non ci meravigliamo allora che le chiese del mondo Occidentale si stanno inaridendo e svigorendo! Senza la fede nel Cristo risorto non c’è speranza di un risveglio, e senza un messaggio vivente, perché metà del messaggio del Vangelo viene dimenticato dalla nostra predicazione! Che dio ci aiuti!

Credo che nel Terzo Mondo sono più attivi a rimarcare la risurrezione di Cristo, rispetto all’Europa e all’America. Perciò il Cristianesimo lì sta crescendo, mentre qui è ristagnante!

Ho una corrispondenza tramite email con un giovane di vent’anni che viene da un paese del Terzo Mondo. Mi ha parlato di torture pesanti che ha subito nella sua infanzia, perché volevano provare a fargli rinnegare la sua fede Cristiana. Questo ragazzo ha chiesto aiuto senza riceverlo, e ha visto molti bambini che sono stati perseguitati e sono stati esiliati a Mynmar, in India, dove sono stati ripetutamente torturati con le scariche elettriche per farli abbandonare Gesù. Io sono uno di questi sopravvissuti”. Quando ho letto questa email ho pianto. Dove possiamo trovare dei bambini o dei giovani così in America o in Occidente? Questo giovane ha detto che sia lui che gli altri bambini avrebbero incontrato Gesù Cristo risorto, ed avendo sperimentato il Cristo risorto sapevano perfettamente che Gesù era il Figlio di Dio. Per questo sono stati torturati, ma queste torture e i maltrattamenti non hanno permesso che loro rinnegassero Gesù. Perché loro sanno che Gesù il vivente, è vivo perché è risorto dai morti! Questo fa di loro dei veri Cristiani! Ed è così che l’Apostolo Paolo dice nel nostro testo. Cristo è:

“Dichiarato Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santità mediante la risurrezione dai morti” (Romani 1:4)

Cantiamo di nuovo il ritornello!

Colui che era morto è vivente,
   Colui che era morto è vivente,
ha spezzato i legami della morte,
   Colui che era morto è vivente!

Il termine originale Greco di “dichiarato” vuol dire “specificare” “evidenziare” (Strong #3724). Gesù è stato specificato, rimarcato come Figlio di Dio, mediante la Sua risurrezione dai morti. La Bibbia di Ginevra del 1599 dice: “mostrato e reso manifesto” (vedi nota #1 su Romani 1:4). Cristo è stato “mostrato e manifestato” come Figlio di Dio mediante la Sua risurrezione dalla morte:

“Dichiarato Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santità mediante la risurrezione dai morti” (Romani 1:4)

I. Primo, come Gesù è stato dichiarato Figlio di Dio.

Non è stato principalmente attraverso il Suo insegnamento. Gesù ha detto cose meravigliose, come ad esempio l Sermone sul Monte, ma il Suo insegnamento da solo non prova che è il Figlio di Dio. Neanche i Suoi miracoli, anche se ha risuscitato tre persone dalla morte. Il Profeta Elia nell’Antico Testamento ha risuscitato un ragazzo dalla morte e non era il Figlio di Dio (I Re 17:17-24). Anche il Profeta Eliseo ha risorto un bambino dalla morte (II Re 4:32-37), e non era il Figlio di Dio. Anche Mosè ha fatto molti miracoli, come dividere il Mar Rosso, ma non era il Figlio di Dio. L’unica cosa che ha dichiarato Gesù Cristo il Figlio di Dio è stata la risurrezione del Suo corpo. Gesù stesso disse che la Sua risurrezione sarebbe stato il segno che avrebbe dato a quella generazione malvagia:

“Ma egli rispose loro: «Questa generazione malvagia e adultera chiede un segno; e segno non le sarà dato, tranne il segno del profeta Giona. Poiché, come Giona stette nel ventre del pesce tre giorni e tre notti, così il Figlio dell'uomo starà nel cuore della terra tre giorni e tre notti” (Matteo 12:39-40).

Gesù è stato condannato a morte per aver ammesso davanti al sommo sacerdote di essere il Figlio di Dio (Matteo 26:63-66). Mentre Gesù era sulla Croce il capo dei sacerdoti lo insultava dicendo:

“Si è confidato in Dio: lo liberi ora, se lo gradisce, poiché ha detto: "Sono Figlio di Dio"” (Matteo 27:43).

Ma Dio ha mostrato di approvare Gesù Suo figlio risuscitandolo dai morti. Gesù è stato:

“Dichiarato Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santità mediante la risurrezione dai morti” (Romani 1:4)

Dio lo ha dichiarato Suo Figlio mediante la risurrezione corporale il terzo giorno! Cantiamo!

Colui che era morto è vivente,
   Colui che era morto è vivente,
ha spezzato i legami della morte,
   Colui che era morto è vivente!

II. Secondo, perché è stato dichiarato il Figlio di Dio.

Dr. Charles Hodge (1797-1878) professore el Nuovo Testamento al Princeton Theological Seminary, ha detto:

L’evidenza che Cristo fosse il Figlio di Dio è provata dalla sua risurrezione, questa pienezza è stata importante per i suoi apostoli. … È stato infatti mediante la risurrezione che è stato provato come il Figlio di Dio … In [molti] passi della [Scrittura] la risurrezione di Cristo viene presentata come una grande evidenza della verità di tutto ciò che Cristo ha insegnato, e della validità di tutte le sue dichiarazioni … come Cristo ha apertamente dichiarato se stesso come il Figli di Dio, la sua risurrezione dai morti è stato il sigillo che Dio ha dichiarato vera la dichiarazione di Cristo. Se Gesù fosse stato dominato dalla potenza della morte, Dio lo avrebbe automaticamente disapprovato, ma avendolo risuscitato dalla morte, lo ha pubblicamente riconosciuto, dicendo: Tu sei mio Figlio, oggi o dichiaro (Traduzione di Charles Hodge, Ph.D., A Commentary on Romans, The Banner of Truth Trust, 1997 edition, pp. 20-21; note su Romani 1:4).

Quindi, l’evidenza che Cristo sia il Figlio di Dio ci viene data dalla Sua Risurrezione, e ha testato ogni cosa che Lui ha insegnato.

Dr. Wilbur M. Smith disse che la risurrezione di Gesù Cristo è garanzia:

… di veridicità, di affidabilità di tutte le affermazioni di Cristo. [Dal momento in cui è risorto] dalla morte [così come aveva predetto] e la sua predizione si è compiuta, allora ogni altra cosa che nostro Signore ha detta, deve essere altrettanto vera … Quando il nostro Signore ha detto che chiunque crede in Lui, ha vita eterna, e chi lo rifiuta è condannato, ha parlato di verità … Possiamo non accettare la risurrezione di Cristo, e non avere dubbi sulla veridicità delle sue dichiarazioni procedute dalle sue labbra (Traduzione di Smith, Therefore Stand, ibid., pp. 418-419).

Gesù disse ai suoi Discepoli:

“Poi, prese con sé i dodici, e disse loro: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme, e saranno compiute riguardo al Figlio dell'uomo tutte le cose scritte dai profeti; perché egli sarà consegnato ai pagani, e sarà schernito e oltraggiato e gli sputeranno addosso; e, dopo averlo flagellato, lo uccideranno; ma il terzo giorno risusciterà». (Luca 18:31-33).

Ciò che Gesù ha predetto in Luca 18:31-33 si è compiuto letteralmente. Gesù è stato deriso, battuto, sputato, flagellato e condannato a morte sulla Croce, ma il terzo giorno dopo la sua crocifissione è risorto dalla morte. Il compimento completo della sua profetizzazione su s stesso è la garanzia che tutto ciò che ha detto è vero, perciò Gesù è stato:

“Dichiarato Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santità mediante la risurrezione dai morti” (Romani 1:4)

“Colui che era morto è vivente”. Cantiamolo!

Colui che era morto è vivente,
   Colui che era morto è vivente,
ha spezzato i legami della morte,
   Colui che era morto è vivente!

Gesù è risorto dalla morte come ha detto, e noi possiamo essere certi che anche le altre cose che ha dette sono vere:

“In verità vi dico: se non vi convertite e non diventate come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli.” (Matteo 18:3).

Dobbiamo considerare queste sue parole in maniera seria, perché sono uscite dalla bocca del Figlio di Dio risorto. Non sei stato ancora convertito? Sei sicuro di essere stato convertito? Il Figlio di Dio disse che non “puoi entrare nel regno dei cieli” a sè non sei stato convertito. Devi riflettere seriamente sulla tua conversione! Assicurati di aver avuto la conversione!

Il Figlio di Dio risorto ha anche detto:

“Gesù gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” (Giovanni 14:6).

Dovete ascoltare seriamente le cose che Gesù ha dette! Devi andare a Lui per la salvezza! Devi pensare attentamente e abbandonare ogni superstizione, ogni falso pensiero religioso e affidarti completamente a Gesù, perché Lui ha detto “nessuno viene al Padre, se non per mezzo di me”.

Il Figlio di Dio risorto ha anche detto:

“Tutti quelli che il Padre mi dà verranno a me; e colui che viene a me, non lo caccerò fuori” (Giovanni 6:37).

Dovreste sforzarvi “di entrare per la porta stretta” che porta a Lui (vedi Luca 13:24). Devi pensare attentamente e andare a Gesù. Ricordati che Gesù ha detto:

“Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo.” (Matteo 11:28).

La mia preghiera è che voi possiate ascoltare la voce del Figlio di Dio risorto. Noi preghiamo affinché andiate direttamente a Lui, per poter essere lavati dal peccato mediante il Sangue che Egli ha versato sulla Croce, ed essere salvati mediante la Sua risurrezione. Ascoltatelo! Credete in ciò che ha detto! Andate direttamente a Lui per la salvezza, proprio come ha detto, perché Gesù Cristo è stato:

“Dichiarato Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santità mediante la risurrezione dai morti” (Romani 1:4)

Colui che era morto è vivente,
   Colui che era morto è vivente,
ha spezzato i legami della morte,
   Colui che era morto è vivente!
(Traduzione letterale in italiano dell’inno “Alive Again”
      di Paul Rader, 1878-1938).


QUANDO SCRIVI AL DR. HYMERS DOVRESTI INDICARE GENTILMENTE DA QUALE PAESE STATI SCRIVENDO ALTRIMENTI NON POTRÁ RISPONDERE ALLA TUA EMAIL. Se questi sermoni ti stanno benedicendo scrivi un’email al Dr. Hymers e diglielo, per favore indica il paese dal quale stai scrivendo. L’email è-, rlhymersjr@sbcglobal.net (clicca qui). Se puoi scrivi in inglese, anche se puoi scrivere al Dr. Hymers in qualsiasi lingua, Se vuoi scrivere al Dr. Hymers via posta fallo al seguente indirizzo: P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015. Oppure telefona al numero: (818)352-0452.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dr. Hymers ogni settimana sul nostro sito Internet
all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com.
Clicca su “Sermoni in italiano.”

Questi manoscritti non sono coperti da copyright, quindi possono essere utilizzati senza il
permesso del Dr. Hymers. Invece tutti i video messaggi del Dr. Hymers e tutti i video
sermoni della nostra chiesa, hanno il copyright e possono essere utilizzati solamente con permesso.

Lettura prima del sermone di Noah Song: Luca 18:31-34.
Cantico prima del sermone di Benjamin Kincaid Griffith:
“Hail, Thou Once-Despised Jesus!” (di John Bakewell, 1721-1819).


SCHEMA DE

LA PROVA CHE CRISTO È IL FIGLIO!

THE PROOF OF CHRIST’S SONSHIP!

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.

“Riguardo al Figlio suo, nato dalla stirpe di Davide secondo la carne, dichiarato Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santità mediante la risurrezione dai morti; cioè Gesù Cristo, nostro Signore” (Roman 1:3-4).

I.   Primo, come Gesù è stato dichiarato Figlio di Dio, I Re 17:17-24;
II Re 4:32-37; Matteo 12:39-40; 26:63-66; 27:43.

II.  Secondo, perché è stato dichiarato il Figlio di Dio, Luca 18:31-33;
Matteo 18:3; Giovanni 14:6; 6:37; Luca 13:24; Matteo 11:28.