Print Sermon

Questi manoscritti e video sono disponibili per 116.000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com. Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 34 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net.




EGLI TI SOSTERRÁ!

HE WILL HOLD YOU FAST!
(Italian)

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato press il Tabernacolo Battista di Los Angeles
La mattina del giorno del Signore, 28 giugno 2015
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Lord's Day Morning, June 28, 2015

“Io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:28).


Ho ascoltato un predicatore dire che questa promessa non dovrebbe essere predicata ai non credenti, perché i perduti sarebbero troppo sicuri di sé, e ciò li porterebbe a peccare. Anzi devono rimanere un po’ a disagio, ma mai pienamente sicuri di essere “sostenuti” fino alla fine. Per un po’ ci ho creduto anche io, e conosco diversi Cristiani sinceri che sostengono questa opinione. I predicatori che lo credono hanno spesso paura di questo versetto.

In realtà dovremmo prima di tutto guardare verso giudei che hanno ascoltato Gesù predicare. Secondo il versetto 31 dice che questi: “portarono di nuovo delle pietre per lapidarlo” (Giovanni 10:31). Loro odiavano Gesù Cristo per le cose che diceva. Gesù aveva predicato questo messaggio a non credenti, e sono sicuro che ci sono dei non credenti tra di noi. Noi lavoriamo tanto e preghiamo tanto per avere dei non credenti presenti a ogni riunione. Voglio rivolgere a voi la stessa cosa che Gesù ha detto a quella folla in collera di uomini non salvati:

“Io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:28).

“Io do loro la vita eterna.” Il contest ci fa comprendere che il pronome “loro” fa riferimento alle pecore di Gesù Cristo. “Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono” (Giovanni 10:27). “Io do loro la vita eterna.” Noi non possiamo leggere nelle menti degli uomini per poter dire se sono o no delle pecore di Cristo, ma questo versetto ci dice come riconoscere gli uomini di Dio. “Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono.” Queste sono le caratteristiche dei veri Cristiani: ascoltano Cristo, lo conoscono ed Egli conosce loro, e lo seguono con ubbidienza. Questi sono i segni di un vero Cristiano, ed è di loro che Gesù sta parlando:

“Io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:28).

“Quello che vale è la fede che opera per mezzo dell'amore” (Galati 5:6) è il marchio della vera pecora di Cristo. A loro Gesù dice: “Io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano.” Il Dr. Martyn Lloyd-Jones disse: “In Cristo non abbiamo uno stato di libertà condizionata, e non c’è alcuna possibilità di scadere dalla grazia” (Traduzione da Assurance (Romani 5), The Banner of Truth Trust, 1971, p. 236).

Qualcuno potrebbe dire: “Sono nella morsa del Vangelo. So che devo andare a Cristo, e allo stesso tempo non voglio. Devo ma non posso, che cosa devo fare?” La risposta è molto semplice: sottomettiti a Cristo, grida a Lui, ed Egli risponderà alle tue domande. Egli spezzerà la morsa del Vangelo con un martello e salverà l’anima tua. Non dire di non capire, ovviamente non puoi, questo è un mistero. Il termine greco per mistero è “musterion,” che vuol dire qualcosa che non può essere compreso dalla mente umana, ma tuttavia è vero nella Bibbia. L’Apostolo Paolo disse: “noi esponiamo la sapienza di Dio misteriosa e nascosta, che Dio aveva prima dei secoli predestinata a nostra gloria” (I Corinzi 2:7). Affidati completamente a Cristo, confida in Lui, e Lui risponderà a ogni tuo dubbio. Gesù vuole salvarti mediante il Suo Sangue e la Sua giustizia, ed egli ti sosterrà fino alla fine. Egli ti sosterrà sempre e tu sarai una pecora di Gesù Cristo.

“Io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:28).

Le tre affermazioni del nostro testo ci danno tre ragioni per credere nella certezza eterna delle pecore di Gesù Cristo.

I. Primo, è un dono di Gesù Cristo.

Il Salvatore ha detto:” Io do [dono] loro la vita eterna.” La vita eterna è gratuita per tutti come un dono. Noi non possediamo la vita eterna dalla nascita, perché siamo nati come figli di Adamo. Siamo nati per morire. Non si può guadagnare la vita eterna mediante un atto, facendo del bene o imparando dei versetti della Bibbia. Non si può guadagnare la vita eterna dicendo le parole di una preghiera, perché essa è un dono. E siccome e un dono, non può essere un merito. Quando una persona riceve la vita eterna nella sua anima, è un dono gratuito. Non la riceviamo come una ricompensa, perché è un dono gratuito.

Dio conosce la fine da principio. Quando Dio dà la vita eterna a un uomo, conosce anche ogni sua imperfezione e debolezza. Sa in anticipo come l’uomo cadrà. Perciò non darebbe mai la vita eterna all’uomo per poi togliergliela a causa dei suoi fallimenti, poiché conosceva già i fallimenti che l’uomo avrebbe fatto prima di dargli questo dono.

Come è possibile ricevere a vita eterna e poi morire ugualmente? Quando Gesù disse “eterna” voleva dire “eterna.” Spurgeon disse: “Non è possibile per me peccare e perdere la vita spirituale in ogni caso.” La vita è “eterna.”

Gesù disse alla dona press il pozzo:

“Chi beve dell'acqua che io gli darò, non avrà mai più sete; anzi, l'acqua che io gli darò diventerà in lui una fonte d'acqua che scaturisce in vita eterna” (Giovanni 4:14).

La Reformation Study Bible dice: “L’acuta viva nell’Antico Testamento [parlava di] acqua corrente: usata figurativamente come una referenza dell’attività di [Dio].” “Scaturisce” mostra la sua abbondanza, e “vita eterna” è senza fine e scorre abbondantemente per sempre! È la stessa vita di dio con l’anima dell’uomo! Gesù dà alle Sue pecore la vita senza fine di Dio nei loro cuori, sempre sgorgante, che non finisce mai e che scorre sempre! Questa è un dono, e non si può meritare. È un dono di Cristo, che non riprende mai indietro ciò che dona!

Qualcuno dice: “E se io non fossi sostenuto? Che ne sarebbe se mollassi?” Oh amico, stai pensando ancora come un Cattolico nel medioevo! Non puoi meritare! Come può essere? Sei “morto nei peccati.” Come può un uomo morto essere sostenuto? Come può un uomo morto guadagnare dopotutto guadagnare la salvezza?

“Anche quando eravamo morti nei peccati, ci ha vivificati con Cristo (è per grazia che siete stati salvati)” (Efesini 2:5).

La vita eterna viene data a un’anima morta. La vita eterna è un dono dato a uomini e donne che sono morti nel peccato! Questa è la buona notizia del Vangelo! Che il Signore sia lodato! “Io do loro la vita eterna, e loro non periranno” (Giovanni 10:28).

Egli non permetterà che la mia anima si perda, egli mi sosterrà;
   Sono stato comprato a caro prezzi ed Egli mi sosterrà.
Egli mi sosterrà, Egli mi sosterrà
   Il mio Salvatore mi ama tanto, e mi sosterrà.
(Traduzione letterale dell’inno “He Will Hold Me Fast”
      di Ada R. Habershon, 1861-1918).

Spurgeon disse: “Noi ci aspettiamo che il credente perseveri sino alla fine, perché la vita che Dio ha innestato in lui è di una natura che è fatta per continuare ad esistere, per superare le difficoltà, per essere ripiena … e per portare a Lui eterna gloria” (Traduzione di C. H. Spurgeon, “Perseverance Without Presumption,” MPT, Number 1,055). Deve farlo! Deve farlo! Deve portare alla Gloria eterna! È un dono! È il dono di Gesù Cristo! Egli ha detto: “Io do loro la vita eterna.” Sia lodato il Suo santo nome! Egli ci la vita eterna! Non dobbiamo pagare nulla per essa. Gesù l’ha già pagata mediante la Sua morte sulla Croce! Gesù lo ha fatto per noi risuscitando dalla morte!

Alleluia tutto è compiuto! Io credo nel Figlio di Dio;
Sono stato salvato mediante il sangue di Colui che è stato crocifisso!
   (Traduzione letterale di “Hallelujah, ‘Tis Done”
      di Philip P. Bliss, 1838-1876).

“Io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:28).

La vita eterna è un dono di Gesù Cristo.

II. Secondo, è una promessa di Gesù Cristo.

“Io do loro la vita eterna e non periranno mai…” Gesù ha detto: “io lo faccio.” Che promessa meravigliosa! “Non periranno mai.” Sono felice che lo abbia detto. Alcuni dicono che si può forviare da una propria decisione. Si può decidere di allontanarsi da Lui. Ma questa espressione non collima con il concetto che troviamo in “non periranno mai.” Questo include tutti i tempi. “Non periranno mai.” Ci sono dei giovani credenti che hanno poca conoscenza? La loro fede è piccolo perché si sono appena convertiti? “Non periranno mai.” Quando sono più adulti nella fede e i problemi della vita tolgono lo spazio alla loro giovane fede, diventeranno mondani e perderanno la loro fede? “Non periranno mai.” Periranno se la mondanità li distrugge. Periranno se il male li rende di nuovo schiavi, ma non lo farà. “Non periranno mai” Ogni probabilità viene zittita dal termine “mai.” E se saranno tentati fortemente? “Non periranno mai.” E se crescendo il loro amore e il loro zelo si affievoliscono? “Non periranno mai.” Il peccato non potrà mai più controllarli completamente. “Non periranno mai.”

Sono stato un Cristiano da cinquantaquattro anni. Alcune volte Dio mi è sembrato lontano, alter volte ho persino dubitato della mia salvezza, alter ancora ho temuto di inciampare con il mio piede e di essere perduto per sempre, ma Gesù mi ha sempre sostenuto con cura. Gesù mi ha sempre riportato sul baratro della disperazione. Non sono cresciuto in una famiglia cristiana, non ho avuto dei buoni esempi da seguire. Il vento del terrore soffiava intorno a me, ero quasi andato, e ho visto molti altri cadere. Sentivo che sarei stato spazzato via con loro. Ero troppo debole per andare avanti. Mi sentivo come un derelitto. Mi sentivo come Davide nella spelonca, quando si nascondeva dal suo nemico, il re Saul.

“Guarda alla mia destra e vedi; non c'è nessuno che mi riconosca. Ogni rifugio mi è venuto a mancare; nessuno si prende cura dell'anima mia.” (Salmo 142:4).

“Quand'ho detto: «Il mio piede vacilla», la tua bontà, o SIGNORE, m'ha sostenuto” (Salmo 94:18).

Lo so per esperienza. “Mentre dicevo: il mio piede vacilla; la tua grazia o Signore mi sostiene. Quand'ho detto: «Il mio piede vacilla», la tua bontà, o SIGNORE, m'ha sostenuto” So per esperienza che Gesù mi ha detto la verità. “Non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano.” Questa per me non è solamente una dottrina, ma è una verità vivente che proviene dalla bocca del Signore Gesù Cristo. “Io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano.”

Non lascerò mai la presa perché Egli mi sosterrà.
   Anche se il mio amore è spesso freddo Egli mi sosterrà.
Egli mi sosterrà, Egli mi sosterrà
   Il mio Salvatore mi ama tanto, e mi sosterrà.

Cari giovani, io sono stato giovane e ora sono vecchio. So che la promessa di Gesù è vera. So che è vera nel midollo delle mia ossa! ““Quand'ho detto: «Il mio piede vacilla», la tua bontà, o SIGNORE, m'ha sostenuto.” So che Gesù ha detto la verità:

“Io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano.”

Gesù mi ha sostenuto. Si mi ha sostenuto e so che può fare la stessa cosa con te! Ecco perché posso dire con audacia di credere nel mio Salvatore Gesù. Io ho creduto in Lui anni fa e non perirò mai. Se credi in Lui, non lascerà che tu perisca! Questa è una promessa di Gesù cristo stesso!

III. Terzo, questa è la Potenza di Cristo.

“Nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:28b). Nella King James dice nessun “uomo.” Il termine è in corsivo perché non è presente nel testo greco. Il greco utilizza il termine “tis” che vuol dire “nessuno,” (George Ricker Berry) oppure “nessuna persona o oggetto” (Strong). Il grande studioso di greco A. T. Robertson dice di questo versetto: “la pecora può sentirsi sicura … né il lupo, né il ladro, né il bandito, né il mercenario, né il demonio, e persino il diavolo possono strappare [rapinare] la pecora dalla mia mano” (Traduzione di Word Pictures; nota su Giovanni 10:28). Il Dr. Robertson ha scritto una referenza su Giovanni 6:39:

“Questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nessuno di quelli che egli mi ha dati, ma che li risusciti nell'ultimo giorno” (Giovanni 6:39).

Il Dr. Robertson aggiunge delle referenze da Giovanni 17:12: “Mentre io ero con loro, io li conservavo nel tuo nome; quelli che tu mi hai dati, li ho anche custoditi, e nessuno di loro è perito …” E anche da Colossesi 3:3: “poiché voi moriste e la vostra vita è nascosta con Cristo in Dio.”

Spurgeon disse: “Sapete che nel testo che abbiamo letto non vi è il termine “uomo” perché non c’è nell’originale [greco] … perciò possiamo leggerlo: “nessuno può rapirle dalla mia mano.” Non solo “nessuno,” ma anche il diavolo … Non include meramente gli uomini, che a volte sono i nostri peggiori [nemici] … ma include anche gli spirti caduti; e comunque nessuno ha la capacità di strapparci dalla sua mano. Nessuna possibilità, nessuno schema potrà rimuovere ciò che siamo … sua proprietà, suoi cari figli, i suoi figlioletti protetti. Oh che promessa benedetta!”

VI ricordate del Pastore Wurmbrand. Forse vi meraviglierete del fatto che leggo spesso il suo libro, Torturato per Cristo. Forse v chiederete perché io ami così tanto un libro così terribile. Non lo leggo per un interesse ossessionato, o per amore di sangue e spargimento. Leggo questo libro perché mi mostra la potenza di Gesù e di come lui mattine la Sua promessa. I Comunisti fanatici hanno torturato il pastore Wurmbrand per aver predicato il Vangelo. Lo hanno colpito sui piedi tanto da non poter stare più in piedi per predicare. Quando questo pastore ha predicato nella nostra chiesa si è dovuto togliere le scarpe e si è seduto su una sedia a causa delle profonde cicatrici sui suoi piedi. Gli hanno provocato diciotto fori nel corpo con il ferro arroventato. Lo hanno torturato per ore. Lo hanno fatto morire di fame, lo hanno chiuso in una cella infestata dai ratti. Poi lo hanno messo in confino solitario dove non ha potuto sentire una voce umana per mesi. Tuttavia è sopravvissuto a tutto ciò, e ha predicato diverse volte nella nostra chiesa. Orse potrai pensare che ha avuto una volontà di ferro. No, sarebbe stato il primo a dirvi che era un uomo molto debole. Wurmbrand è sopravvissuto a tutte queste torture perché la promessa di Cristo è vera!

“Io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:28).

So che è vero, perché ho anche sperimentato questa verità nei guai più piccolo della mia stessa vita. Riposa in Gesù e avrai la vita eterna. Gesù non può mentire.

Ora mi avvio alla conclusione citando ancora una volta il grande Spurgeon: “Anche se sono giovane ho visto molti ragazzi promettenti fare naufragio troppo presto nelle loro vite; ragazzi che sono caduti in grandi vizi [e peccati]. Ho sentito nella mia anima [disprezzo] per i peccati che avevo sentito e che avevano commesso. Io sono stato trattenuto da quei peccati [dai miei genitori]. Tuttavia avevo paura che i peccati di quei ragazzi avrebbero avuto la potenza di domarmi. La depravazione del mio cuore mi ha fatto diffidare di me stesso. Mi sono convinto che a meno che non mi fossi convertito, a meno che non fossi nato di nuovo e ricevuto una nuova vita, non avrei avuto salvezza. Altrimenti avrei potuto mangiare persino l’esca del diavolo. Temevo di cadere moralmente in disgrazia, come alcuni di giovani che conoscevo e che erano caduti. Solo il pensiero mi recava orrore. Ma quando ho sentito che Gesù mi avrebbe impedito di cadere, la dottrina mi piacque e mi diede la speranza di poter essere salvato. Così ho pensato: “Se vado a Gesù e ricevo da lui un nuovo cuore e uno spirito giusto, non cadrò nel peccato in cui altri sono caduti, in Lui sarò preservato.” Questi pensieri mi attirarono a credere in Cristo. Sono stato contento di ascoltare che Gesù è il fedele custode di tutti coloro che si impegnano con Lui; Gesù è stato in grado di prendersi cura di un ragazzo come me, di purificarlo e di sostenerlo fino alla fine. O giovani, non c’è alcuna certezza che ha valore nella vita, come quella di credere in Gesù Cristo” (Traduzione di C. H. Spurgeon, ibid., in alcuni punti con modifiche del Dr. Hymers per l’uditorio moderno).

“Io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:28).

Possa giungerti ancora un pensiero. Ho detto nessun nemico umano e né il demonio potranno strapparti dalla mano del Salvatore, “ma cosa sarebbe se io stesso mi allontanassi da Gesù? E se io stesso lasciassi la chiesa per ritornare nel mondo?” Caro amico, “Io stesso” è incluso nella parola “nessuno,” So che ci sono stati tanti con false conversioni che hanno fatto avanti e indietro alla mondanità, ma so anche che non hanno mai avuto il marchio di Gesù Cristo come sue pecore. Non hanno mai udito la sua voce, non sono mai state conosciute da Lui e non lo hanno mai seguito. Hanno solamente preso una decisione superficiale e poi sono ritornati indietro. Non vi sto chiedendo di fare questa cosa, anzi vi sto dicendo di andare a Gesù di Nazareth, il Figlio di Dio. Vi sto chiedendo di credere in Lui e di riposare in Lui. Spurgeon disse: O peccatore, possa ti lasciare oggi il tuo riposo su Gesù e Gesù soltanto, e poi non aver paura, prendi il versetto: “Io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano.” (ibid.).

Egli mi sosterrà, Egli mi sosterrà
   Il mio Salvatore mi ama tanto, e mi sosterrà.

Padre, ti prego affinché qualcuno ascoltando o leggendo questo sermone trovi riposo credendo in Gesù, che darà loro la vita eterna. Nel suo nome, Amen.

Se questo sermone ti h portato benedizione puoi scrivere un’email al Dr. Hymers per dirglielo: rlhymersjr@sbcglobal.net (click here). Puoi scrivere al Dr. Hymers in ogni lingua ma se puoi scrivi in inglese.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dott. Hymers ogni settimana su Internet all’indirizzo
www.realconversion.com cliccando sulla voce “Sermoni in italiano”.

Puoi contattare via email il Dott. Hymers in inglese all’indirizzo:
 rlhymersjr@sbcglobal.net o puoi contattarlo scrivendo all’indirizzo:
P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015;
puoi telefonargli al numero: 001 (818)352-0452.

Questi sermoni sono senza diritto d’autore e possono essere utilizzati senza permesso
del dott. Hymers Invece tutti i video messaggi del dott. Hymers sono coperti da
copyright e possono essere utilizzati solamente con il permesso dell’autore.

Scritture lette prima del sermone dal fratello Abel Prudhomme: Giovanni 10:22-29.
Assolo cantato prima del sermone da Jack Ngann: “He Will Hold Me Fast”
(di Ada R. Habershon, 1861-1918).


SCHEMA DE

EGLI TI SOSTERRÁ!

HE WILL HOLD YOU FAST!

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.

“Io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:28).

(Giovanni 10:31, 27; Galati 5:6; I Corinzi 2:7)

I.   Primo, è un dono di Gesù Cristo, Giovanni 10:28a; 4:14; Efesini 2:5.

II.  Secondo, è una promessa di Gesù Cristo, Giovanni 10:28a; Salmo 142:4;
Salmo 94:18.

III. Terzo, questa è la promessa di Cristo, Giovanni 10:28b; 6:39; 17:12;
Colossesi 3:3.