Print Sermon

Lo scopo di questo sito Web è di fornire manoscritti gratuiti e video di sermoni a pastori e missionari in tutto il mondo, in particolare nel Terzo mondo, dove, se ci sono, sono pochi i seminari teologici o le scuole bibliche.

Questi manoscritti e video sono disponibili per 1,500,000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com . Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 39 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net .




LA BESTEMMIA CONTRO LO SPIRITO SANTO

BLASPHEMY AGAINST THE HOLY SPIRIT
(Italian)

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato presso il Tabernacolo Battista di Los Angeles
La sera del giorno del Signore, 18 Gennaio 2015
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Lord’s Day Evening, January 18, 2015

“Perciò io vi dico: ogni peccato e bestemmia sarà perdonata agli uomini; ma la bestemmia contro lo Spirito non sarà perdonata. A chiunque parli contro il Figlio dell'uomo, sarà perdonato; ma a chiunque parli contro lo Spirito Santo, non sarà perdonato né in questo mondo né in quello futuro.” (Matteo 12:31-32).


Questa mattina ho predicato con veemenza un sermone dal titolo “Perché l’America non è nelle profezie Bibliche.” Il testo base è stato preso da Amos 8:2: “la fine del mio popolo Israele è matura; io non lo risparmierò più.” “Non lo risparmierò più.” Questo era il testo. Quando Dio non manda più la sua grazia, non ci attende altro che il suo giudizio. Può accadere sia verso un uomo, e sia nei confronti di una nazione intera. “Non li risparmierò più.” Quando tutto ciò accade a una nazione, essa viene abbandonata alla perversione. Quando accade a un uomo, esso viene abbandonato a una mente perversa, e la sua mente non cercherà più Dio, né tantomeno il suo cuore desidererà essere toccato dallo Spirito Santo; la Bibbia dice a tal proposito: “Siccome non si sono curati di conoscere Dio, Dio li ha abbandonati in balìa della loro mente perversa sì che facessero ciò che è sconveniente” (Romani 1:28). Adŏkīmŏs noǔs (dal greco mente inutile, respinta e rovinata!) Ecco questo è il peccato imperdonabile! Ecco è questo il peccato che conduce a morte!

Sono stato nel santuario della Chiesa Metodista Trinity Methodist Church, a Flower Street nel centro di Los Angeles. Questa era la chiesa dove era stato pastore “Fighting Bob” Schuler, che ha lottato per la fede e ha predicato per anni il Vangelo dal pulpito e persino alla radio. Sono stato nel santuario di quella che una volta era stata una grande chiesa mentre una palla demolitrice colpiva una delle due pareti, e mentre l’edificio stava letteralmente crollando intorno a me. A nessuno è importato. Nessuna lacrima è stata versata. Il figlio di Bob Schuler vive solo a pochi minuti da lì. Quella era stata la chiesa della sua infanzia. Ma non era lì il giorno in cui l’edificio è stato demolito. Non se ne è importato. Né nessun altro! “Non lo risparmierò più.”

Proprio in fondo a questa strada c’era la Chiesa di Porte Aperte al 550 di South Hope Street. Il Pastore che ha fondato questa chiesa era il Dr. R. A. Torrey. Quando ero giovane il pastore era il famoso insegnante Biblico via radio il Dr. J. Vernon McGee (1904-1988). Poteva ospitare circa cinquemila persone, poi invece è stata venduta per 27 milioni di dollari. Pensavano che fosse anche troppo [questo prezzo]. Ma circa dieci anni dopo l’edificio è stato rivenduto per 227 milioni di dollari. Gli anziani erano degli uomini meschini. Avevano mani tremolanti ed erano uomini pieni di paura. Avranno pensato: “Perderemo qualcosa se rimaniamo!” E così, per paura e mancanza di fede in Dio hanno perso 200 milioni di dollari! Un’altra chiesa ha pensato di comprare questo edificio, m< i loro diaconi erano troppo meschini e paurosi. Così hanno perso un edificio che avrebbero potuto avere; e che avrebbero potuto avere per 27 milioni di Dollari, e hanno perso 200 milioni di Dollari. Così il centro di Los Angeles è diventato un buco nero, senza una testimonianza per Dio o Cristo! “Non lo risparmierò più.”

Poi Dio ha dato a noi la possibilità di avere questo edificio in Hope Street, a tre isolate dalla Chiesa di Bob Shuler e a otto isolate dalla Chiesa di McGee, nel cuore di Los Angeles. Anche noi abbiamo avuto dei leader meschini i cui cuori erano pieni di paura. Hanno perso più di 300 persone. Ma uomini e donne senza paura hanno salvato questo edificio e lo hanno pagato. Ora il Vangelo esce fuori da queste mura, e va nei quattro angoli della terra in 29 lingue.

Ma questa sera vorrei rivolgermi a voi giovani, sarete voi grandi e forti abbastanza e spirituali abbastanza per mantenere questo edificio quando noi non ci saremo più? O Dio dovrà dire di voi “Non vi risparmierò più.”? Se anche ciò dovesse accadere a questa chiesa avrete commesso il peccato che conduce a morte, e Dio vi dirà: “Non vi risparmierò più.” Non prendetelo alla leggera! Non pensate che non accadrà mai! Persino tutte e sette le chiese dei primi tre capitoli dell’Apocalisse non ci sono più. Non c’è un segno o un avvertimento, né tantomeno una traccia o un artefatto che costoro ci hanno lasciato. Non avremmo mai saputo della loro esistenza se i loro nomi non fossero stati scritti e riportati dal libro dell’Apocalisse. Ci saranno dei segni, delle tracce che potranno dimostrare l’esistenza della nostra chiesa fra cinquant’anni? O Dio dirà “Io non vi risparmierò più”? Ecco perché dovete prendere molto sul serio il fatto di dover pregare per un risveglio! Il risveglio per noi è sopravvivenza, perché senza un risveglio non sopravvivremo né come chiesa e né come testimonianza. Perché andare in chiesa nel downtown quando c’è una chiesa a un isolato da me? Se questa chiesa dovesse perdere la sua vitalità (e lo farà senza un risveglio) allora non avrà niente di speciale per attirare le persone …. E così comincerà a morire.

Il risveglio dipende dal fatto che tu giovane possa commettere un peccato che conduce a morte. Il futuro di questa chiesa è nelle vostre mani! Se la maggior parte di voi giovani commette il peccato imperdonabile, con ci sarà futuro per questo edificio, e per tutto il ministero del mondo intero! Che Dio ci aiuti!

Ora io credo che sia facile commettere un peccato imperdonabile. Tutto ciò che devi fare è stare seduto in chiesa e aspettare. Non devi preoccuparti di essere salvato. Ti devi semplicemente sedere e aspettare. Commetterai così subito il peccato imperdonabile, prima che tu possa pensarci! Più facilmente di quanto tu possa pensare! Molto prima che tu possa pensare che i segnali della morte comincino ad arrivare. Ci sono solo pochi capelli bianchi, la linea dei tuoi capelli comincia e indietreggiare, cominci a vedere delle rughette sul tuo viso che prima non c’erano. Queste cose sono messaggeri di morte. Il nemico pallido e freddo della morte è proprio dietro di te. La Bibbia dice: “Come è stabilito che gli uomini muoiano una volta sola, dopo di che viene il giudizio” (Ebrei 9:27).

Nel mondo Arabo si narra una storia di un servo nella città di Basra. Egli andò dal suo padrone a dire: “Oggi ho visto la morte fra le strade di Basra. La morte mi guardava. Padrone dammi per favore il cavallo più veloce così che io possa correre a Baghdad.” Il padrone gli diede il cavallo più veloce, e il servo arrivò subito a Baghdad.” Il giorno dopo il padrone camminava per le strade di Basra quando incontrò la morte, che andò verso di lei per dirle: “Morte, perché intendi spaventare il mio servo?” La Morte disse: “Sire, non volevo spaventare lui, mi sono semplicemente meravigliata di vederlo per le strade di Basra. Vedi, domani ho un appuntamento con lui per incontrarlo a Baghdad!” È stabilito che un uomo muoia una sola volta. Nel momento preciso, nel posto esatto certamente morirai. Allora ti verrà detto da Dio “Non ti risparmierò più” perché hai commesso il peccato imperdonabile.

“Perciò io vi dico: ogni peccato e bestemmia sarà perdonata agli uomini; ma la bestemmia contro lo Spirito non sarà perdonata” (Matteo 12:31).

Qual è il peccato che “non sarà perdonato agli uomini”? È il peccato contro la testimonianza dello Spirito Santo della grazia salvifica di Cristo Gesù. Quando un uomo o una donna rifiutano ripetutamente la testimonianza dello Spirito Santo, questa persona commette il peccato imperdonabile. L’unico peccato che non può mai essere perdonato è commesso quando un uomo o una donna rifiutano la chiamata dello Spirito Santo di credere in Gesù. Nel Libro degli Ebrei al capitolo sei, leggiamo:

“Infatti quelli che sono stati una volta illuminati e hanno gustato il dono celeste e sono stati fatti partecipi dello Spirito Santo e hanno gustato la buona parola di Dio e le potenze del mondo futuro, e poi sono caduti, è impossibile ricondurli di nuovo al ravvedimento perché crocifiggono di nuovo per conto loro il Figlio di Dio e lo espongono a infamia.” (Ebrei 6:4-6).

Quando ciò accade a te: “è impossibile ricondurli di nuovo al ravvedimento” (Ebrei 6:6). Impossibile? Questo è ciò che Dio dice: “è impossibile ricondurli di nuovo al ravvedimento.” Impossibile? Sì! Dio dice così, è impossibile. Questo è il peccato imperdonabile. E Dio dice: “Io non ti risparmierò più.” “A chiunque parli contro lo Spirito Santo, non sarà perdonato né in questo mondo né in quello futuro” (Matteo 12:32).

È facile commettere il peccato imperdonabile. Mio cugino solitamente predneva la sua auto con alcuni suoi amici e andava fino a Tijuana per vedere una prostituta. Ma non è andato all’Inferno per aver visto una prostitua a Tijuana. Era abituato a prendere sei pacchi di birre e a berle in giardino con i suoi amici. Ma non è andato all’Inferno perché ha bevuto tutte quelle birre in giardino con gli amici. Era abituato a fare altre cose che preferisco non nominare in chiesa. Ma non è andato all’Inferno nemmeno per queste cose. No, è andato all’Inferno perché ha commesso il peccato imperdonabile. Ecco ciò che Gesù ha detto: “ogni peccato e bestemmia sarà perdonata agli uomini; ma la bestemmia contro lo Spirito non sarà perdonata.” (Matteo 12:31).

Mio cugino mi disse che quando nacque suo figlio si è inginocchiato e ha pregato. Sì, e si definiva un Battista, anche se non veniva mai in chiesa. Quando mi disse di aver pregato, gli chiesi di credere in Gesù per poter essere salvato. Non dimenticherò mai cosa mi disse: “A ognuno il suo Robert. A ognuno il suo.” Intendeva dirmi che “ciò che va bene per te, non va bene per me.” Glielo sentivo dire ogni volta anche gli parlavo di Cristo. Così col passar del tempo ha commesso il peccato imperdonabile.

Mio cugino è morto improvvisamente a quarant’anni. Mi hanno chiesto di condurre il suo funerale. Non c’era neanche un capello bianco sulla sua testa. Non c’era una ruga sul suo viso. Era ancora giovane quando è andato all’Inferno. Ed è andato all’Inferno perché ha commesso il peccato imperdonabile. Dio disse: “Non lo risparmierò più.” “A chiunque parli contro il Figlio dell'uomo, sarà perdonato; ma a chiunque parli contro lo Spirito Santo, non sarà perdonato né in questo mondo né in quello futuro” (Matteo 12:32).

Al funerale c’erano tante persone, perché era una ragazzo carino. Tutti gli volevano bene. Anche io gli volevo bene. Era mio amico. Amava i film Western. Guardava costantemente film Western, quasi ogni sera in TV. Poteva raccontarvi di tutti I pistoleri del Vecchio West. VI avrebbe potuto raccontare tutto di Wild Bill Hickock, Billy the Kid, Doc Holliday, John Wesley Hardin e di tutti I famosi pistoleri del Vecchio West. Quando nacquero i miei figli andai a fagli visita. Mi chiese i loro nomi. E io gli risposi che “Uno di loro si chiamava John Wesley Hymers.” Corse subito nella stanza accanto e chiamò un suo amico. Riuscii a sentire: “Guarda Robert ha chiamato veramente suo figlio come il pistolero: John Wesley Hardin!” Non sapeva affatto che c’è stato un grande predicatore di nome John Wesley! Tutti volevano bene a mio cugino, io incluso. Era un ragazzo carino, ma è andato all’Inferno. Quando ho dovuto parlare al suo funerale, non ho potuto dare alla sua famiglia e nemmeno ai suoi amici una parola di speranza! Nessuna parola di speranza! Perché lui era andato nel posto dove non cè speranza. Dante Alighieri (1265-1321), nell’Inferno disse che sulla porta c’è scritto: “Lasciate ogni speranza o voi che entrate.” Mio cugino ha commesso il peccato imperdonabile. Quando lo Spirito Santo ha parlato al suo cuore di Gesù, lui ha risposto “no.” E Dio disse: “Io non lo risparmierò più.” “Ma a chiunque parli contro lo Spirito Santo, non sarà perdonato né in questo mondo né in quello futuro” (Matteo 12:31-32).

Non c’è una “seconda opportunità” all’Inferno. Ecclesiaste 11:3 dice: “Quando le nuvole sono piene di pioggia, la riversano sulla terra; e se un albero cade verso il sud o verso il nord, dove cade, là rimane.” L’indole di un uomo lo porta regolarmente verso abitudini fisse, così il suo pensiero diventa duro e fermo. Ciò che un uomo è quest’anno, l’anno prossimo lo sarà di più. Più gli anni passano e più il suo carattere si rafforza. Si solidifica. Infine, diventa suro come il cemento.

Mi è sempre piaciuto ascoltare il Dr. W. A. Criswell. È statoil pastore della Chiesa First Baptist Church di Dallas, in Texas per più di cinquant’anni. L’ho ascoltato predicare quando era un uomo di mezza età con i capelli rossi. L’ho ascoltato anche quando era anziano, con tantissimi capelli bianchi. Era il mio ideale di predicatore. Vorrei raccontarvi una storia del Dr. Criswell.

Egli disse, quando era ancora un giovane pastore, che un diacono gli chiese di visitare un membro di Chiesa che era rimasto paralizzato dopo un ictus. Il Dr. Criswell disse:

     Quando arrivai in casa sua, sua moglie disse: “È in camera da letto.” Lo vidi nel letto, e gli dissi: “Sono il nuovo pastore … sono venuto a visitarla.” E lui mi disse: “Gol dang!” [mannaggia] Ed io gli risposi: “Guardi mi dispiace che ha avuto un ictus e non può alzarsi dal letto.” Ma lui disse: Gol dang!” Così io dissi: “È così bello furoi, vorrei tanto che potesse uscire.” Ma lui disse: Gol dang!” Dopo tutto ciò che dicevo, lui girdava e diceva: Gol dang!” Mi sentivo frustrato perché non sapevo cosa dire. Stavo per alzarmi per chiedergli se dovevo pregare, m lui pensava che io me ne stessi andando. Si drizzò un po’ e mi disse: Gol dang!” Gol dang!” Gol dang!” Gol dang!” Gol dang!” Gol dang!” Sua moglie mi disse: “Pastore, vuole che preghi.” Le dissi che ne sarei stato content. MI inginocchai sul letto e cominciai a pregare: “O Dio del cielo, sii buono con questo uomo ammalato.” E lui gridava “Gol dang!” Dissi: “O Dio per favore fallo rialzare.” Ma lui gridò: “Go, dang”! Dopo ogni frammento della preghiera lui gridava Gol dang!” Infine quando arrivai alla fine della mia preghiera dissi: “Amen.” E lui disse: “Gol dang!” Mi alzai e dissi: “Dio ti benedica,” e lui: “Gol dang!” Quando mi avvicinai alla porta mi voltai verso di lui per dirgli ciao ed egli mi rispose: “Gol dang!”
     Ritornai in città, vidi il diacono e gli dissi che ero andato a visitare l’uomo che aveva avuto un ictus. E il diacono mi disse: “Oh, ho dimenticato di dirti che ha un’abitudine di dirti che lui dice sempre un’espressione dialettale. Questa espressione lui l’ha ripetuta tantissime volte nella sua vita. Dopo l’ictus ha perso il linguaggio ma gli è rimasta solo questa espressione.” Gli dissi: “Non devi dirmi qual è. È “Gol dang!” Una delle più vere caratteristiche della vita che conosco è questa: ciò che fai e quello che dici infine diventa chi tu sei. Si cristallizza nel tuo carattere e nella tua anima. (Traduzione letterale di “What a Saviour” di W. A. Criswell, Ph.D., Broadman Press, 1978, pages 41, 42).

Quando ho chiesto mio cugino di credere in Gesù, mi disse: “Ognuno fa che vuole, Robert.” Glielo ho chiesto diverse volte e ogni volta mi ha risposto “Ognuno fa che vuole, Robert.” Questa era la sua espressione, la sua scusa. Lui non potrà dire che non gli ho parlato di Gesù. E non l’ho fatto solo per lui. Lui mi ha risposto “no” ogni qual volta gli ho parlato di Cristo. Se si dice a un uomo “Vuoi credere in Gesù?” E lui ti risponde “no.” Se tu gli dici: “Vuoi venire a Gesù?” E lui ti risponde “no.” Se tu gli dici: “Perché non credi nel Salvatore in questo preciso momento? E lui ti risponde “No”, alla fine questa parola si fossilizza nel suo carattere. Il suo cuore diventa fermo e rifiuta e dice: no, no, no, no, no, no! Arriverà al punto che nella sua vita lo dirà automaticamente. Non dovrà nemmeno pensare. Perché diventa un grande “no” in se stesso. La parola “no” rappresenta la sua mente, il suo cuore, la sua stessa natura. Tutto è un grande “no.” Ha commesso il peccato imperdonabile, e non può più smettere di dire “no” a Gesù. “L’albero dove cade là rimane.” “Io non lo risparmierò più.” “Ma a chiunque parli contro lo Spirito Santo, non sarà perdonato né in questo mondo né in quello futuro.” Questo è il peccato imperdonabile! Questo è il peccato che non verrà mai perdonato!

Se le nostre anime non si paralizzano dobbiamo scegliere quando essere salvati. Ma i giorni passano, e le nostre volontà, i nostri cuori e le nostre anime si induriscono come il cemento. Infine, non possono smuovere un uomo, e non ti porteranno verso Dio. Il carattere, la vita, e il destino eterno sono sigillati per sempre! Questo è il peccato imperdonabile! Questo è il peccato che non verrà mai perdonato!

Questa è la stessa cos a che accade a chi ricerca un sentimento o un’intima prova di salvezza. Puoi spiegargli di guardare a Gesù, ma lui ricercherà un sentimento e basta. Andrà avanti, non importa ciò che gli dirai. Ogni volta ricercherà un sentimento o una prova che è salvato. Infine tutto diventa parte della sua stessa natura e del suo stesso carattere. Gli dici di credere in Gesù, e lui ti dice “no.” Ho visto persone andare avanti in questo senso, fino a che tutto è diventato un’abitudine da cui non possono più fuggire non importa quando duramente ci provino! Diventa tutto parte della tua stessa natura. Non riescono a desiderare Gesù non importa ciò che noi diciamo loro.

Ricordo che nel lontano 1940, avevamo un mangianastri e alcune cassette. Una di queste registrazioni era la canzone di Picchio Picchiarello: “Ha, ha, ha, ha, ha. Ha, ha, ha, ha, ha. It’s the Woody Woodpecker song.” L’abbiamo ascoltata così tante volte che una parte si era consumata nel registratore. Quando il lettore scorreva sul nastro si incantava su “Ha, ha, ha, ha, ha! Ha, ha, ha, ha, ha! Ha, ha, ha, ha, ha! Ha, ha, ha, ha, ha! Ha, ha, ha, ha, ha!” Era da impazzire! Questa è la stessa cosa che ho sentito dire ad alcuni di voi tantissime volte nella stanza dell’appello. Io vi dico: “Vuoi credere in Gesù?” Dite: “Sì.” Vi dico: “Inginocchiati e credi in Lui.” Aspetto e dopo alcuni minuti vi chiedo di sedervi sulla sedia. VI dico: “Hai creduto in Gesù”? Dite: “No.” E questa cos ava avanti e si ripete tante volte. Ha, ha, ha, ha, ha! Ha, ha, ha, ha, ha! Ha, ha, ha, ha, ha! Ha, ha, ha, ha, ha! Ha, ha, ha, ha, ha! La vostra mente si sta cementificando in una routine. Caro amico, sei in pericolo perché stai commettendo un peccato imperdonabile. Dio un giorno ti dirà: “Non ti risparmierò più.” “Ma a chiunque parli contro lo Spirito Santo, non sarà perdonato né in questo mondo né in quello futuro.” Questo è il peccato imperdonabile! Questo è il peccato che non verrà mai perdonato!

Che bisogno hai di dire “no” a Gesù? Hai bisogno di ascoltare un altro sermone? No. Ha bisogno di una spiegazione? No. DI cosa hai bisogno? Hai bisogno di una cosa: muoviti, rispondi e credi al Salvatore e vivrai, con il Salvatore! Gesù disse: “colui che viene a me, non lo caccerò fuori” (Giovanni 6.37). Amen. Vai a Lui. Credi in Lui. Abbandonati a Lui, abbandona tutto a Gesù. Egli non ti caccerà fuori! Egli farà tutto per te. Egli ti purificherà, ti giustificherà, ti santificherà. Non lo “sentirai” ma non occorre, perché Egli lo sta facendo per te. Credi in Gesù e sii purificato da tutto il tuo peccato mediante il Suo Prezioso Sangue che Egli ha versato sulla Croce per te! Per favore, Dr. Chan conducici in preghiera. Amen.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dott. Hymers ogni settimana su Internet all’indirizzo
www.realconversion.com cliccando sulla voce “Sermoni in italiano”.

Puoi contattare via email il Dott. Hymers in inglese all’indirizzo:
 rlhymersjr@sbcglobal.net o puoi contattarlo scrivendo all’indirizzo:
P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015;
puoi telefonargli al numero: 001 (818)352-0452.

Questi sermoni sono senza diritto d’autore e possono essere utilizzati senza permesso
del dott. Hymers Invece tutti i video messaggi del dott. Hymers sono coperti da
copyright e possono essere utilizzati solamente con il permesso dell’autore.

Scritture lette prima del sermone dal fratello Mr. Abel Prudhomme: Ebrei 6:4-6.
Assolo cantato prima del sermone da Benjamin Kincaid Griffith:
“If You Linger Too Long” (Inno di Dr. John R. Rice, 1895-1980).