Print Sermon

Questi manoscritti e video sono disponibili per 116.000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com. Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 34 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net.




L’ESPERIENZA DELLA SOLITUDINE!

THE EXPERIENCE OF LONELINESS!
(Italian)

a cura del Dr. R.L. Hymers Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato presso il Baptist Tabernacolo di Los Angeles
La mattina del Giorno del Signore, 17 agosto 2014
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Lord's Day Morning, August 17, 2014

“Guarda alla mia destra e vedi; non c'è nessuno che mi riconosca. Ogni rifugio mi è venuto a mancare; nessuno si prende cura dell'anima mia.” (Salmo 142:4).


Il Re Saul fu rigettato da Dio. Dopodiché il profeta Samuele unse un giovane chiamato Davide come nuovo re. Saul fu così geloso che fu tormentato da un demonio. Saul era fuori di sé e cercò di inchiodare Davide con una lancia, ma lo mancò. Così Davide dovette fuggire per timore della sua vita. Davide si allontanò per deserti e si nascose in una caverna. Era spaventato, affamato ed era tutto solo. Notate le parole ispirate all’0inizio del Salmo 142 “Cantico di Davide, quand'era nella spelonca. Preghiera.” Queste parole sono parte del testo ispirato, non sono state aggiunte più tardi. Quindi sappiamo che Davide fu fortemente turbato, spaventato e solo, nascosto in una spelonca per fuggire da un re posseduto. Nessuno voleva unirsi a Davide perché tutti temevano il Re Saul. E Davide disse:

“Nessuno si prende cura dell'anima mia” (Salmo 142:4).

 

Nessuno si prese cura di lui. Era completamente da solo. Ma aveva Dio, che vale più che avere tanti giovani intorno a sé.

Non sono stato in un college Cristiano. Mi sono laureate alla Cal State L.A. In un certo senso sono contento di essere stato in un college secolare. Mi ha messo in contatto con ciò che veniva insegnato ai giovani e ciò a cui essi pensavano. Ho studiato letteratura moderna. Moltissimi autori moderni erano atei e esistenzialisti, che parlavano di alienazione e solitudine della vita nel mondo moderno.

H. G. Wells è stato l’autore de La macchina del tempo e Breve storia del mondo. Egli disse: “Ho sessantacinque anni, sono solo e non ho mai trovato pace.” Il vincitore del premio Pulitzer Ernest Hemingway disse: “Vivo in un vuoto che è una solitudine come il cavo della radio quando le batterie si sono esaurite e non c’è più corrente che lo attraversa.” Eugene O’Neill nella sua commedia Lungo viaggio verso la notte disse: “La vita vuol dire solo morte.” Il tema delle sue commedie è la solitudine esistenziale dell’uomo. J. D. Salinger ha fondato la sua carriera sullo scrivere racconti e romanzi sull’alienazione e la solitudine dei giovani nella nostra cultura.

H. G. Wells morì da solo, da vecchio e senza speranza. Ernest Hemingway si suicidò sparandosi nella testa. Il personaggio principale della commedia di O’Neill era un tossicodipendente disperato che ha provato a curare la sua solitudine con le droghe. J. D. Salinger divenne ossessionato dalla solitudine dei giovani che divenne un recluso, e visse la sua vita come un eremita per quasi cinquant’anni.

Oggi la solitudine è il problema più grande diffuso tra i giovani. La canzone dei Green Day “Boulevard of Broken Dreams” esprime ciò che molti giovani dei licei e delle università sentono. “Cammino da solo. Cammino da solo. Cammino da solo.” Sì, mi ricordo come mi sentivo quando ero un ragazzo. Ci si sente soli persino quando si è tra la folla. Un sito internet ci dice che: “La solitudine è un sentimento di vuoto o insignificanza dentro di te. Ci si sente isolati o separati dal resto del mondo, esclusi da coloro con cui si vorrebbero avere contatti” (http://www.counseling.ufl.edu/cwc/how-to-deal-with-loneliness.aspx). Ed è proprio in questo modo che si sentiva Davide, quando era nella spelonca, e diceva:

“Nessuno si prende cura dell'anima mia” (Salmo 142:4).

 

Ed è proprio così che oggi si sentono molti giovani. Ed è per questo che vorrei elencarvi tre pensieri questa mattina. Prego che possano aiutarvi a superare la solitudine.

I. Primo, ci sono diversi tipi di solitudine.

Il sito web dice:

Ci sono diversi tipi di solitudine e diversi gradi di solitudine. Potresti sperimentare la solitudine come un vago sentimento che qualcosa non vada bene, una specie di vuoto minore. Oppure potresti provare la solitudine come un’intensa privazione o per un profondo dolore. Un tipo di solitudine potrebbe essere connessa con la mancanza di un individuo a causa della morte o perché è molto lontano. Un altro tipo di solitudine coinvolge il sentimento di sentirsi da solo e fuori dal contatto con altre persone perché in realtà si è isolati fisicamente da persone come te, il che potrebbe [accadere] se si lavora da soli durante il turno di notte o lontano in una parte dell’edificio dove raramente la gente ci va. Si potrebbe persino sentirsi emozionalmente isolati [e soli] quando si è circondati dalla gente ma si ha difficoltà a raggiungerli (ibid.).

Secondo alcuni studi psicologici, gli studenti universitari sono particolarmente suscettibili alla solitudine. Sembra che il campus non aiuti le persone a formare relazioni permanenti. I giovani frequentano l’università o il college e spesso si sentono come se il mondo li trascurasse, non li capisse e non si importi di loro. Non hanno nessuno a cui rivolgersi.

È ironico che la civilizzazione che ha prodotto automobile, aerei, televisione, viaggi nello spazio non provveda a nulla che ci trattenga dall’essere soli! I tuoi genitori tornano a casa dal lavoro esausti e si siedono davanti alla TV. Non hanno tempo per parlare con te, per ascoltarti. Molti di voi vengono da famiglie spezzate. I figli dei divorzi attraversano un inferno speciale di solitudine. Ma quasi ogni giovane con cui ho parlato si è sentito almeno così una volta nella vita.

Una ragazza mi disse: “Sono stata terribilmente sola. I miei vicini non mi hanno mai parlato.” Un giovane disse: “Non sono mai stato capace a farmi degli amici, perché prima o poi coloro che sembravano essere i miei amici mi hanno lasciato.” Ti sei mai sentito in questo modo? Davide si è sentito in questo modo quando si è nascosto nella spelonca. E disse:

“Nessuno si prende cura dell'anima mia” (Salmo 142:4).

Credo che la solitudine sia una delle ragioni principali per cui molti giovani si suicidano oggi. Sapevi che il suicidio è una delle più grandi cause di morte tra i giovani di età compresa fra i 15 e i 24 anni? Ogni due ore e sei minuti un ragazzo si suicida, e questo accade di giorno e di notte negli Stati Uniti. Gli psicologi ci dicono che la ragione principale che li uccide è la solitudine. Dio aveva ragione quando disse:

“Non è bene che l'uomo sia solo; io gli farò un aiuto che sia adatto a lui” (Genesi 2:18).

II. Secondo, tu puoi contribuire alla tua stessa solitudine.

Questo è vero, puoi essere l’unico responsabile della causa della tua solitudine. Il sito web diceva correttamente sulla solitudine che:

La solitudine è uno stato passivo. Ovvero, è mantenuto dal nostro lasciarci andare in maniera passiva e continua, e non si fa niente per cambiarlo. Speriamo che andrà via, eventualmente, [ma] noi non facciamo niente e lei ci avvolge. Stranamente, ci sono delle volte in cui vorremmo persino abbracciare questo sentimento. Tuttavia, abbracciare la solitudine e naufragare in sentimenti associati ad essa ci conduce solitamente a un senso di depressione e di impotenza, che poco alla volta, ci conduce verso un sempre più passivo stato e a più depressione [e più grande solitudine] (ibid.).

“La solitudine è uno stato passivo. Ovvero, è mantenuto dal nostro lasciarci andare in maniera continua.” Questo è proprio vero. Vuol dire che tu vuoi continuare a sentirti solo a meno che non fai qualcosa per poter cambiare la situazione!

Un po’ di tempo fa ho predicato sulla solitudine di Giacobbe di Genesi 32:24. Nel bel mezzo del sermone un uomo si è alzato dalla sedia ed è uscito correndo dalla chiesa. Ha voluto fuggire anziché ascoltare cosa ho detto a proposito della chiesa che cura la solitudine. Non puoi dominare la solitudine fuggendo! Questo è ciò che fece Caino. Perciò Dio gli disse:

“Tu sarai vagabondo e fuggiasco sulla terra” (Genesi 4:12).

 

Coloro che scappano dalla Chiesa diventano vagabondi e solitari, proprio come Ciano! La Bibbia dice:

“Guai a loro! Perché si sono incamminati per la via di Caino…” (Giuda 11).

È terribile vagabondare nella vita da soli, come fece Caino, e come fanno moltissimi giovani oggi!

Perciò noi vi diciamo: “Perché essere soli? Venite a casa: in Chiesa! Perché essere perduto? Vieni a casa: vieni a Gesù il Figlio di Dio!” Dio disse:

“Non è bene che l'uomo sia solo; io gli farò un aiuto che sia adatto a lui” (Genesi 2:18).

Ecco perché Dio diede ad Adamo una moglie chiamata Eva. La moglie di Adamo è un’immagine della chiesa secondo la Bibbia di Scofield. Nella nota su genesi 2:23 ci viene detto:

Qui la donna è un tipo di Chiesa la sposa di Cristo (nota su Genesi 2:23).

 

Questo vuol dire che la moglie di Adamo è un’illustrazione, o un’immagine della Chiesa locale. Dio disse:

“Non è bene che l'uomo sia solo; io gli farò un aiuto che sia adatto a lui” (Genesi 2:18).

Dio diede ad Adamo una compagna un aiuto. Eva è un’immagine, un’illustrazione, un “tipo” di Chiesa locale. Dio diede Eva ad Adamo per curare la sua solitudine, e Dio ha posto qui questa Chiesa per aiutarti a curare la tua solitudine! Questa chiesa è qui per aiutarti nella tua solitudine!

“Non è bene che l'uomo sia solo; io gli farò un aiuto che sia adatto a lui” (Genesi 2:18).

E “l’aiuto adatto” che Dio ti vuole dare per curare la tua solitudine è questa Chiesa! Siamo qui per aiutarti a curare la tua solitudine! Conosco molte chiese che potrebbero aiutarvi. Ma non voglio parlare di loro. Voglio parlare di questa chiesa. Questa è una chiesa che si concentra sui giovani. Siamo qui per aiutarti!

Non contribuire alla tua solitudine stando lontano dalla Chiesa! Ritorna domenica prossima! Ritorna domenica sera prossima! Ritorna questa sera se puoi! Abbiamo qualcosa per i giovani diverse sere a settimana. Perché essere soli? Venire a casa in chiesa!

III. Ma, terzo, tu hai una solitudine più profonda.

Ed è di quello di cui parlava Hemingway quando diceva:

Vivo in un vuoto che è una solitudine come il cavo della radio quando le batterie si sono esaurite e non c’è più corrente che lo attraversa.

Uno dei nostri giovani mi ha detto che stava leggendo una storia di Hemingway per un corso che stava seguendo. Il racconto è intitolato: “Un posto pulito, illuminato bene.” È un racconto sulla solitudine esistenziale dell’uomo. Hemingway conosceva tutto a proposito di questo. Lui stava veramente avendo a che fare con la solitudine di Dio cosmica e che non dà pace. Non l’hai mai vinta. Dopo alcuni anni si è ucciso. Il filosofo Friedrich Nietzsche disse: “Dio è morto.” Era un ateo. Alcuni anni dopo è diventato malato di mente. Non poteva vivere in un mondo senza Dio, senza significato, senza perdono o senza speranza.

Vedi, vieni nella nostra Chiesa, e ritornaci ogni settimana, ti aiuteremo a curare la tua solitudine amichevolmente. Ma cosa ne è della tua solitudine da Dio? Una delle più grandi tragedie del ventunesimo secolo è che molti giovani non conoscono veramente Dio. E senza Dio non c’è alcuna speranza!

Sì, vorrei che tornassi qui in Chiesa domenica prossima e farti degli amici; ma vorrei anche che tu trovassi Dio. Sant’Agostino disse: “I nostri cuori sono senza pace fino a che trovano pace in Te.” Il filosofo francese Blaise Pascal disse che c’è un “vuoto a forma di Dio” nei nostri cuori. Voleva dire che c’è un posto vuoto in ogni essere umano che può essere riempito solo da Dio.

Ma la Bibbia insegna che tu sei stato separato da Dio a causa del tuo peccato. La Bibbia dice:

“Ma le vostre iniquità vi hanno separato dal vostro Dio; i vostri peccati gli hanno fatto nascondere la faccia da voi, per non darvi più ascolto” (Isaia 59:2).

C’è una separazione tra te e Dio a causa del peccato. Adamo e Eva sono stati cacciati dal Giardino dell’Eden a causa del loro peccato. Il loro peccato li ha separati da Dio.

La Bibbia insegna che Dio è adirato con te a causa dei tuoi peccati. E tuttavia, allo stesso tempo, Egli ti ama. Dio è adirato con te per il tuo peccato, ma allo stesso tempo Dio ti ama. Ecco perché Egli ha mandato Gesù Cristo a morire sulla Croce. Egli è morto sulla Croce per riconciliare Dio con te. Dio non può semplicemente sorvolare sul tuo peccato. Egli ha mandato Gesù Cristo per pagare il debito dei tuoi peccati sulla Croce: “affinché egli sia giusto e giustifichi colui che ha fede in Gesù” (Romani 3:26). Un Dio adirato può riconciliarti solo attraverso il sacrificio di Cristo sulla Croce!

Non è stato un incidente il fatto che Gesù sia morto sulla Croce. Egli ci è andato deliberatamente. La Bibbia dice che mentre si avvicinava il tempo in cui sarebbe stato crocifisso: “Gesù si mise risolutamente in cammino per andare a Gerusalemme” (Luca 9:51). Allora Gesù disse ai Discepoli:

“Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell'uomo sarà dato nelle mani dei capi dei sacerdoti e degli scribi; essi lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani perché sia schernito, flagellato e crocifisso; e il terzo giorno risusciterà” (Matteo 20:18-19).

Egli ci è andato di proposito, a morire sulla Croce, in modo che i nostri peccati potessero essere perdonati, e purificati mediante il Sangue che lì ha versato!

Le guardie lo arrestarono nel buio del Getsemani. Gli misero le catene, lo colpirono in viso, gli strapparono la barba, e lo trascinarono davanti al Governatore Romano Ponzio Pilato. Egli lo fece flagellare fino a quasi farlo morire. Poi gli fecero trasportare una croce e lo trascinarono per le strade. Gli inchiodarono le mani e i piedi alla croce. Ma Gesù guardò loro dalla Croce e disse:

“Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno” (Luca 23:34).

Dicesti: “Padre, perdonali”
Mentre rendevi l’anima a Dio
Nel tuo dolore pregasti tu
Per noi nessuno ci amò così
Santo e prezioso mio Redentore
Sembra vederti sul legno lassù
Lì sanguinante per noi perduti
Col capo chino morto per me!
   (Adattamento in italiano di Rosa Battista dell’inno “Blessed Redeemer”
      di Avis Burgeson Christiansen, 1895-1985).

Gesù morì sulla croce, portando i nostri peccati nel Suo corpo (confronta con I Pietro 2:24). Il cielo diventò buio a mezzogiorno. Quando Egli morì, ci fu un grande terremoto che fece vibrare il terreno. Una tenda spessa che stava davanti al Luogo Santissimo nel Tempio si squarciò in due. La morte di cristo sulla Croce ha pagato il debito del nostro peccato. Il Sangue che Egli ha versato ha purificato il nostro peccato e ha reso possibile che noi potessimo entrare dove Dio è!

“Avendo dunque, fratelli, libertà di entrare nel luogo santissimo per mezzo del sangue di Gesù” (Ebrei 10:19).

Puoi andare solo a Dio per avere il perdono dei tuoi peccati mediante il Sangue di Suo Figlio, Gesù Cristo. Puoi essere riconciliato con Dio solo mediante la purificazione dei peccati con il Sangue di Cristo.

Se cominci a far parte di questa Chiesa, I tuoi genitori potrebbero dirti che stai sprecando il tuo tempo. Io ti dico come studiare e ottenere buoni voti in ogni servizio. Io ti insegno come ottenere voti migliori. Ma alcuni genitori potrebbero dirti di stare a casa per poter studiare di più, 9in modo da poter fare più soldi una volta laureati.

E a proposito del povero Robin Williams, il famoso comico Americano? Ha fatto più soldi di molti altri, si sa! Tuttavia è morto. Ma non aveva una chiesa, non aveva Dio. Alcuni giorni dopo il suo suicidio la moglie ha rivelato che stava sviluppando il morbo di Parkinson. Non ce l’ha fatta ad affrontarlo. Era solo nella sua grande casa in una zona ricca di Marin County, nel nord della California. Ha messo una cintura intorno al suo collo e si è impiccato. Che tragedia! Ho amato tanto Robin Williams! Mi è dispiaciuto così tanto che ho pianto quando l’ho saputo.

Dì questo ai tuoi genitori! Puoi fare un mucchio di soldi, ma cosa accadrà nel momento in cui arriverà una brutta notizia, che arriva ad ognuno prima o poi? Cosa accadrà se non hai amici Cristiani intorno a te? Cosa accadrà se non hai Dio vicino a te nei momenti di difficoltà?

Possa Dio aiutarti a vedere che hai bisogno della Chiesa, che hai bisogno di amici Cristiani, che hai bisogno di Gesù Cristo affinché Egli perdoni il tuo peccato e ti dia pace con Dio. Per questo diciamo: “Perché essere soli? Vieni a casa: in chiesa! Perché essere perduti? Vai a casa: da Gesù Cristo il Figlio di Dio!” Dio vi benedica tutti! Amen. Dr. Chan per favore conducici in preghiera.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dott. Hymers ogni settimana su Internet all’indirizzo
www.realconversion.com cliccando sulla voce “Sermoni in italiano”.

Puoi contattare via email il Dott. Hymers in inglese all’indirizzo:
 rlhymersjr@sbcglobal.net o puoi contattarlo scrivendo all’indirizzo:
P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015;
puoi telefonargli al numero: 001 (818)352-0452.

Questi sermoni sono senza diritto d’autore e possono essere utilizzati senza permesso
del dott. Hymers Invece tutti i video messaggi del dott. Hymers sono coperti da
copyright e possono essere utilizzati solamente con il permesso dell’autore.

Scritture lette prima del sermone dal fratello Abel Prudhomme: Salmo 142:1-7.
Assolo cantato prima del sermone da Benjamin Kincaid Griffith:
“Boulevard of Broken Dreams” (di Green Day, 2004)/
“It Is No Secret” (di Stuart Hamblen, 1908-1989).


SCHEMA DE

L’ESPERIENZA DELLA SOLITUDINE!

A cura del Dr. R. L. Hymers, Jr.

“Guarda alla mia destra e vedi; non c'è nessuno che mi riconosca. Ogni rifugio mi è venuto a mancare; nessuno si prende cura dell'anima mia” (Salmo 142:4)

I.   Primo, ci sono diversi tipi di solitudine, Genesi 2:18.

II.  Secondo, tu puoi contribuire alla tua stessa solitudine, Genesi 4:12;
Giuda 11; Genesi 2:18.

III. Terzo, tu hai una solitudine più profonda, Isaia 59:2;
Romani 3:26; Luca 9:51; Matteo 20:18-19; Luca 23:34;
I Pietro 2:24; Ebrei 10:19.