Print Sermon

Questi manoscritti e video sono disponibili per 116.000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com. Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 34 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net.




PRESBITERIANI E BATTISTI
CONTENDONO SU UN INNO CONOSCIUTO

(UN SERMONE PREDICATO LA DOMENICA DELLA RIFORMA)
PRESBYTERIANS AND BAPTISTS
FIGHT OVER POPULAR HYMN
(A SERMON PREACHED ON REFORMATION SUNDAY)
(Italian)

a cura del Dott. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato nel Tabernacolo Battista di Los Angeles
la sera del giorno del Signore, 27 ottobre 2013
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Lord’s Day Evening, October 27, 2013

“Infatti tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio, ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia, mediante la redenzione che è in Cristo Gesù. Dio lo ha prestabilito come sacrificio propiziatorio mediante la fede nel suo sangue… affinché egli sia giusto e giustifichi colui che ha fede in Gesù.” (Romani 3:23-26).


Questo è uno dei passi più grandi del Nuovo Testamento. Tutta l'umanità ha peccato. Noi possiamo essere resi giusti solo dalla Grazia di Dio. Noi possiamo essere salvati solo da Cristo. Dio Lo ha mandato alla Croce per soddisfare la propria giustizia e noi siamo salvati attraverso la fede nel Sangue di Cristo. Dio ha mandato Gesù a sanguinare e morire al posto nostro così che Egli potesse essere giusto e allo stesso tempo giustificare i peccatori. Questo è il cuore del Vangelo! Ma è un Vangelo che la cristianità teologicamente liberale rifiuta. Nel suo libro del 1934, Il Regno di Dio in America, il Dr. H. Richard Niebuhr ha descritto il Protestantesimo teologicamente liberale con queste famose parole: "un Dio senza ira ha portato gli uomini senza peccato in un regno senza giudizio attraverso il servizio di un Cristo senza una croce." Lo stesso Niebuhr era abbastanza liberale, ma aveva notato l'inconsistenza e la carenza di contenuto del liberalismo estremo che aveva divorato il cuore della corrente principale del Protestantesimo della metà degli anni '30. E Dietrich Bonhoeffer sottolineò la stessa cosa quando disse che in America c'è "Protestantesimo senza Riforma"!

I protestanti liberali vogliono banalizzare la dottrina in modo che l'uomo moderno l'accetti. A loro non piacciono le parole: "peccato", "giudizio", "croce", e, specialmente, odiano l'espressione "ira di Dio". Essi pensano che parole come queste allontanino i non credenti dalle chiese. Robert H. Schulle, il pastore TV liberale, la mise così:

Non possiamo evangelizzare con una strategia tipo "Così dice il Signore" quando parliamo con persone alle quali non potrebbe interessare di meno del Signore! Non possiamo iniziare con "cosa dice il testo?" se stiamo parlando a persone che non sono affatto intenzionate a mostrare rispetto per... "il testo" (traduzione in italiano di Robert H. Schuller, D.D., Self-Esteem: The New Reformation, Word Books, 1982, p. 13,).

Queste sono semplicemente stupidaggini, sciocchezze, chiacchiere senza senso! Ho servito il Signore predicando per 55 anni. Tutto questo tempo l'ho speso parlando ai non-cristiani, e portandoli a Cristo. Lo scorso lunedì sera mia moglie ed io stavamo cenando in un ristorante. Un cinese ha camminato verso di noi e mi ha detto che io l'avevo condotto a Cristo 48 anni fa. Lui era un ragazzino che gironzolava per Chinatown. Lo avevano portato nella nostra chiesa battista cinese. Divenne un cristiano quando mi ascoltò predicare un sermone durante il nostro campo estivo nel 1965. Ora è un medico di cinquantotto anni. Lui si ricordò della mia predicazione e di come lui venne tremante a Cristo.

Inoltre ho fondato due chiese in due posti altamente secolarizzati come Marin County, a nord di San Francisco, e nel cuore del Civic Center nel centro di Los Angeles. Ho sempre predicato "Così dice il Signore." Ho sempre iniziato i miei sermoni da un testo della Bibbia. E non ho mai "tagliato" le parole di un sermone per compiacere i peccatori secolarizzati. Forse non ho una chiesa grande come quella di Schuller - ma, ancora, lui non ha per niente una chiesa! La sua "Cattedrale di Cristallo" ora è una chiesa cattolica romana! Entrambe le assemblee che ho fondato stanno ancora procedendo fortificate. Così credo che il mio modo di parlare diretto sia meglio della sua morbidezza liberale.

E comunque è difficile condurre i liberali a vedere le cose così. La commissione che sta mettendo insieme un nuovo innario per la chiesa presbiteriana (U.S.A.) ha recentemente cestinato un famoso inno moderno, "In Christ Alone", in quanto gli autori si sono rifiutati di cambiare una frase a riguardo della soddisfazione dell'ira d Dio. Questo era il canto che il Signor Griffith ha cantato un momento fa. Essi non volevano che si dicesse la frase:

Finché su quella croce dove Gesù morì,
l'ira di Dio fu soddisfatta.

Alcuni mesi prima, la Southern Baptist Convention aveva pubblicato un nuovo innario con questa canzone. Ma la Southern Baptist ha modificato quella riga da "l'ira di Dio fu soddisfatta" in "l'amore di Dio fu magnificato". La Southern Baptist ha cambiato le parole senza il permesso degli autori, che fu negato quando i presbiteriani l'hanno chiesto.

“L'ira di Dio fu soddisfatta” è stato cambiato in: “L'amore di Dio fu magnificato.” Non appena lessi questo capii che era coinvolta una femminista liberale. Abbastanza certamente, il suo nome è Mary Louise Bringle, una professoressa di religione che presiede la commissione dell'innario. Ha modificato queste righe da una frase virile, “L'ira di Dio fu soddisfatta” ad una frase più morbida, “L'amore di Dio fu magnificato”. Leon J. Podles ha scritto della femminizzazione della Cristianità nel suo libro penetrante, La chiesa impotente (Spence Publishing Company, 1999). E David Murrow ha detto con forza che la femminizzazione è una ragione importante per cui gli uomini e i giovani sono fuggiti dalle chiese - nel suo famoso libro, Perchè gli uomini odiano andare in chiesa (Thomas Nelson Publishers, 2004).

La presidentessa della commissione che ha rimosso l'inno era invece Miss Mary Louise Bringle. Lei ha dettto, "La visione secondo cui la croce riguardi primariamente il bisogno di Dio di placare la sua ira, avrebbe un impatto negativo sulla formazione degli adoratori". Che totale assurdità! Le parole sono in perfetta armonia con la comprensione dell'opera propiziatoria di Cristo attraverso i secoli! L'inno dice correttamente,

Finchè su quella croce dove Gesù morì,
l'ira di Dio fu soddisfatta.
Poichè ogni peccato fu scaricato sopra di lui
qui nella morte di Cristo io vivo.

Miss Bringle e i liberali della sua commissione hanno detto che la "teoria della soddisfazione" della purificazione di Cristo alla Croce fu insegnata dal teologo Anselmo nell'XI secolo. Ma si sbagliano. Nell'Antico Testamento, oltre 700 anni prima di Cristo, il profeta Isaia disse,

“Egli [Dio Padre] vedrà il frutto del travaglio della sua anima e ne sarà soddisfatto; per la sua conoscenza, il giusto, il mio servo, renderà giusti molti, perché si caricherà delle loro iniquità.” (Isaia 53:11).

Quindi la “soddisfazione” è stata insegnata nella Bibbia almeno 1800 anni prima che Anselmo lo facesse! E la propiziazione, termine corollario alla soddisfazione, è insegnata nel Nuovo Testamento in testi come Romani 3:25, 1Giovanni 2:2 e 1 Giovanni 4:10. Nel V secolo Agostino ha proclamato che Cristo ha soddisfatto la giustizia di Dio alla Croce. E Anselmo stesso non è da rifiutare. Christianity Today ha detto “Anselmo è contemporaneo oggi come sempre - e una benedizione per gli evangelici”. Nel capitolo intitolato “La soddisfazione e la sostituzione in evidenza”, il grande teologo puritano John Owen (1616 - 1683) ha citato i seguenti versetti,

“Poiché egli ha fatto essere peccato per noi colui che non ha conosciuto peccato, affinché noi potessimo diventare giustizia di Dio in lui.” (II Corinzi 5:21).

“Cristo ci ha riscattati dalla maledizione della legge, essendo diventato maledizione per noi” (Galati 3:13).

“perché anche Cristo ha sofferto una volta per i peccati, il giusto per gl'ingiusti, per condurci a Dio.” (I Pietro 3:18).

Owen poi ha detto, “Da tutte queste espressioni si evince innegabilmente una sostituzione di Cristo come sofferente al posto di coloro che è venuto a salvare. Questo in generale è tutto ciò che intendiamo per la Sua soddisfazione, nello specifico, che Egli è stato fatto “peccato per noi”, cioè al posto nostro, in modo che noi potessimo essere salvati dall’ira imminente…perciò per quanto riguarda Dio, si afferma che Egli “non ha risparmiato il suo proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi” (Romani 8:32)…[Cristo] ha portato i loro peccati, o la punizione dovuta per i loro peccati…in modo che la giustizia di Dio fosse appagata e la legge adempiuta, essi potessero essere liberi o essere liberati dall’ira a venire; e se in questo Egli ha pagato un prezzo davvero sufficiente per la loro redenzione, allora Egli ha soddisfatto Dio per i peccati” (traduzione in italiano di John Owen, D.D., “Satisfaction and Substitution Outlined,” The Works of John Owen, vol. 2, The Banner of Truth Trust, 2004 reprint, p. 419).

So che è stato un paragrafo difficile da seguire, e di difficile comprensione. Il Dr. Owen era un teologo, non un predicatore. Perciò vi darò una semplice spiegazione della propiziazione, che fa luce sulle parole dell’inno,

Finchè su quella croce dove Gesù morì,
l'ira di Dio fu soddisfatta.

Il Dr. Thomas Hale disse,

Siccome Dio è giusto e retto, Egli deve punier il peccato. Fu per dimostrare la propria giustizia che Dio punì Cristo per i nostri peccati. Ma fu anche per il Suo amore che Egli punì Cristo al posto nostro. Nel punire Cristo, Dio stava, in realtà, subendo la punizione Egli stesso. Perché Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio (traduzione in italiano di Thomas Hale, D.D., The Applied New Testament Commentary, Kingsway Publications, 1997, p. 538; note on Romans 3:25).

Miss Bringle disse che lei e la sua commissione voleva rimuovere le parole “l’ra di Dio fu soddisfatta” perché si riferiva a una visione teologica che non condividevano. Questo può essere vero, ma io non credo che sia tutta la verità. Credo che a lei non piacesse l’espressione maschile “ira di Dio”. Così ha voluto sostituirla con le parole più femminili “l’amore di Dio fu magnificato”.

David Murrow è un anziano della Chiesa Presbiteriana (U.S.A.), la stessa denominazione di Miss Bringle. Lei e la sua commissione dovrebbero davvero leggere il libro di Murrow, Perché gli uomini odiano andare in chiesa (Nelson, 2004). Murrow ha detto, “…la conduzione nella chiesa richiede un bilanciamento fra lo spirito maschile e quello femminile” (p. 152). Ma la tesi del suo libro è che le nostre chiese sono di gran lunga sopraffatte da valori e programmi femminili. Personalmente, penso che lui abbia perfettamente ragione. Ascoltate quello che dice Murrow,

     Gli uomini sognano di salvare il mondo sfidando ogni probabilità. Le donne sognano di avere una relazione con un uomo meraviglioso…
     Ma poche chiese praticano I valori maschili: rischio e ricompensa, raggiungimento di risultati, sacrificio eroico, azione e avventura. Qualsiasi uomo che provi a vivere al di fuori di questi valori avrà problemi con un consiglio di chiesa in men che non si dica (ibid., p. 15).

Mi sto allontanando troppo dall’argomento di quell verso del canto “In Christ Alone”? Non credo. Credo che modificare quelle parole sia il microcosmo che rivela il macrocosmo – un piccolo dettaglio che rivela il più esteso problema della femminizzazione delle nostre chiese. Ascoltate il testo originale

Finché su quella croce dove Gesù morì,
l'ira di Dio fu soddisfatta.

Questo è l’originale scritto da due uomini. Ora ecco la versione ri-fatta, proposta da Miss Bringle e la sua commissione,

Finché su quella croce dove Gesù morì,
l’amore di Dio fu magnificato.

Quale delle due è maschile? Quale delle due interessa agli uomini? Ovviamente, quella scritta dai due uomini che hanno scritto l’inno originale! “L’ira di Dio fu soddisfatta”. Questo è il Dio che gli uomini rispettano – un Dio che fece annegare un’intera civiltà disubbidiente a Lui in costante peccato; un Dio che apre la terra per far finire direttamente all’inferno un gruppo di ribelli; un Dio che distrugge il malvagio Faraone e i suoi soldati nelle acque del Mar Rosso; un Dio che combatte al fianco di Gedeone e pochi uomini per spazzare via i Madianiti; un Dio che tira fuori indenni tre uomini ebrei dalla fornace di fuoco per mostrare la sua potenza a un re malvagio; un Dio che entra nel tempio non una ma due volte, e capovolge i tavoli e scaccia con una frusta gli impauriti cambiamonete per strada; un Dio che apre la porta di una prigione e ne fa scappare Pietro; un Dio che “secondo il [Suo] determinato consiglio e prescienza” ha dato Gesù nelle “maini di iniqui” peccatori perché fosse crocifisso (Atti 2:23);un Dio che “ha fatto ricadere su di lui l'iniquità di noi tutti” (Isaia 53:6); un Dio a cui “piacque di percuoterlo, di farlo soffrire [e] offrire la sua vita in sacrificio per il peccato…e ne sarà soddisfatto” (Isaia 53:10,11). Che è il Dio di cui parla l’inno,

Finché su quella croce dove Gesù morì,
l'ira di Dio fu soddisfatta!!!

Quel Dio, e quel Dio soltanto, è il tipo di Dio che gli uomini rispettano, e che gli uomini seguiranno – non il debole e femminile Dio di Miss Bringle, ma il Dio del Monte Sinai e il Dio del Monte Calvario – “Il Dio grande e tremendo” di Neemia (Neemia 1:5), - “Il Dio grande e tremendo” di Daniele (Daniele 9:4) - il Dio che ha sacrificato il suo unigenito Figlio, che è stato dalla stessa mano di Dio “fatto maledizione per noi” (Galati 3:13) – che è il Dio della Bibbia! Questo è il Dio e Padre di Cristo! Questo è il mio Signore e il mio Dio! Io non conosco il Dio di Miss Bringle – e non voglio conoscerLo! – e neanche Lo vogliono conoscere la maggior parte degli uomini. Ecco perché la chiesa episcopale ha perso la maggior parte dei suoi uomini. Ed ecco perché la chiesa metodista ha perso la maggior parte dei suoi uomini. E certo, anche la chiesa di Miss Bringle, la chiesa presbiteriana (U.S.A) ha perso la maggior parte dei suoi uomini (Murrow, ibid., p. 55).

Nel suo libro, Perché gli uomini odiano andare in chiesa, il Sig. Murrow ha intitolato un capitolo, “Gli uomini non sono gli unici assenti nella chiesa”. Lui dice che le donne vogliono sicurezza, ma gli uomini e i giovani amano essere sfidati. Indovinate un po’? È più probabile che le donne siano presenti in chiesa – mentre è meno probabile che gli uomini e i giovani siano presenti in chiesa! (ibid. p. 18). Potrebbe essere questa la ragione per cui le nostre chiese perdono l’88% dei loro giovani al di sotto dei 25 anni? Murrow dice che gli uomini e i giovani vedono nella chiesa un posto per donne e bambini, senza sfide per loro, e così abbandonano!

Se voi faceste un sondaggio tra i giovani d’età compresa fra i 18 e i 25 anni, e un gruppo di uomini adulti, per votare quale testo preferiscono – per quale pensate che voterebbero?

Finché su quella croce dove Gesù morì,
l'ira di Dio fu soddisfatta.

oppure

Finché su quella croce dove Gesù morì,
l’amore di Dio fu magnificato?

Anche se entrambe sono vere, penso che voi sappiate che la maggior parte degli uomini e dei giovani voterebbero per le parole originali, scritte da due uomini, piuttosto che dalla versione riveduta di Miss Bringle!

Gli uomini e i giovani sono attirati da un grande e potente, e terribile Dio – Il Dio della Bibbia! Le donne di mezza età, che non sono veramente convertite, preferiscono un Dio morbido e sicuro, che non lancia sfide, e non condanna nessuno. Per questo motivo le nostre chiese abbondano di donne anziane, mentre perdiamo molti uomini, e l’88% dei nostri giovani.

La nostra chiesa invece è dominata dagli uomini. Perché? Credo che ci siano diverse ragioni. Primo, mi assicuro che I miei sermoni siano incentrati sul grande e terribile Dio della Bibbia, e sul forte e vigoroso Cristo, che ha condotto i Suoi uomini a conquistare il mondo. Di conseguenza dò esempi di uomini coraggiosi e donne che hanno dato le loro vite per la gloria di Dio. Noi appendiamo alle pareti della chiesa fotografie e dipinti che ritraggono i grandi eroi della fede – uomini come Spurgeon, Edwards, Bunyan, Knox, Whitefield, Wesley, William Jennings Bryan, e molti altri. Stasera è la Domenica della Riforma. Come siamo soliti guarderemo il grande film di Lutero in bianco e nero, durante la cena che seguirà a questo incontro. Lutero è uno dei nostri eroi. Prima, durante l’incontro, abbiamo cantato il toccante canto di Lutero: “Forte Rocca è il nostro Dio”.

Noi non abbiamo una “colazione degli uomini” per i nostri uomini. E non abbiamo un “gelato sociale” per i nostri ragazzi! No! Noi li mandiamo fuori – in mezzo alle strade di Los Angeles la notte – per conquistare anime, due a due. È spaventoso? Lo sarebbe per Miss Bringle! La farebbe rabbrividire! Ma è una sfida per i nostri uomini e i nostri giovani – esattamente il tipo di sfide di cui hanno bisogno – per essere veri soldati della croce!!!

La Bibbia dice,

“Tu dunque sopporta sofferenze, come un buon soldato di Gesù Cristo.” (II Timoteo 2:3).

“Se perseveriamo, regneremo pure con lui” (II Timoteo 2:12).

“Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda ogni giorno la sua croce e mi segua.” (Luca 9:23).

“Va' fuori per le vie e lungo le siepi e costringili ad entrare” (Luca 14:23).

Questi sono i passi delle Scritture emozionanti e impegnativi che ispirano i nostri uomini, i nostri giovani – e le nostre donne – a vivere le loro vite in dedizione a Cristo e alla sua chiesa!

E la conversione? Per noi la conversione non fa di te una femminuccia, un nerd, un perdente. La conversione è un grande passo per diventare un uomo, il tipo di uomo che Dio vuole che tu sia! Posso dire per certo che se non mi fossi convertito la mia vita sarebbe stato un misero fallimento. Quando venni a Cristo, Egli mi diede la forza per essere quello che dovevo essere, e per fare ciò che dovevo fare! Il versetto della mia vita è:

“Io posso ogni cosa in Cristo che mi fortifica” (Filippesi 4:13).

“Che mi fortifica.”

Guardate a Lutero. Lui era debole, pauroso e un perdente, servile all’interno di un monastero. Poi lui confidò in Cristo! Quindi divenne un potente soldato della croce! Spurgeon disse che Lutero “avrebbe potuto comandare un esercito”.

Quando confessi il tuo peccato, e cadi ai piedi della croce tu risorgerai, come ha cantato il Dr. John Sung, per essere il cristiano forte che Dio vuole che tu sia! Guarda Pietro! Guarda Agostino! Guarda Bunyan! Tutti loro vennero a Cristo deboli e impauriti, ma quando confidarono in Cristo risorsero come potenti uomini di Dio! Guarda Wesley – fuggire dal campo di missione in Georgia, e cadere nella sua debolezza davanti a Cristo – e risorgere come un grande uomo che agitò l’Inghilterra per Dio! Guarda Whitefield, che giaceva piangente sul suo letto, “Ho sete! Ho sete!” e risorse dalla sua debolezza del peccato per proclamare il Vangelo in due continenti! Non puoi sapere cosa Dio può fare della tua vita quando la affidi a Cristo, che è venuto alla Croce e ha sofferto l’ira del Dio Onnipotente per far sì che tu potessi diventare l’uomo – o la donna – che tu devi essere! per cantare con Lutero,

Forte rocca è il nostro Dio
   Nostra speme in lui si fonda;
Ci protegge benigno e pio
   Nell’angoscia più profonda
Il tristo tentator
   A noi fa guerra ognor
Astuzia e frode
   Son l’armi sue tremende
Ma da lor Dio ci difende
   (versione italiana di “A Mighty Fortress is our God”
di Martin Luther, 1483-1546)

Potete stare certi che Lutero avrebbe scelto il testo che dice,

Finché su quella croce dove Gesù morì,
l'ira di Dio fu soddisfatta.

Vieni a Cristo, e fallo adesso, stasera. Lui perdonerà i tuoi peccati e ti darà forza per vivere per Dio!

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dott. Hymers ogni settimana su Internet all’indirizzo
www.realconversion.com cliccando sulla voce “Sermoni in italiano”.

Puoi contattare via email il Dott. Hymers in inglese all’indirizzo: rlhymersjr@sbcglobal.net
o puoi contattarlo scrivendo all’indirizzo: P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015; puoi
telefonargli al numero: 001 (818)352-0452.

Questi sermoni sono senza diritto d’autore e possono essere utilizzati senza permesso
del dott. Hymers Invece tutti i video messaggi del dott. Hymers sono coperti da
copyright e possono essere utilizzati solamente con il permesso dell’autore.

Scrittura letta prima del Sermone dal fratello Abel Prudhomme: Romani 3:20-26.
Assolo canto prima del Sermone dal fratello Benjamin Kincaid Griffith:
“In Christ Alone” (di Keith Getty and Stewart Townend, 2001).


SCHEMA DE

OUTLINE