Print Sermon

Lo scopo di questo sito Web è di fornire manoscritti gratuiti e video di sermoni a pastori e missionari in tutto il mondo, in particolare nel Terzo mondo, dove, se ci sono, sono pochi i seminari teologici o le scuole bibliche.

Questi manoscritti e video sono disponibili per 1,500,000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com . Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 39 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net .




IL CRISTO DELLA CROCE

THE CHRIST OF THE CROSS
(Italian)

a cura del Dott. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato la mattina del giorno del Signore, 20 ottobre 2013
nel Tabernacolo Battista di Los Angeles
A sermon preached on Lord’s Day Morning, October 20, 2013
at the Baptist Tabernacle of Los Angeles

“Vi ricordo, fratelli, il vangelo che vi ho annunciato, che voi avete anche ricevuto, nel quale state anche saldi, mediante il quale siete salvati, purché lo riteniate quale ve l'ho annunciato; a meno che non abbiate creduto invano. Poiché vi ho prima di tutto trasmesso, come l'ho ricevuto anch'io, che Cristo morì per i nostri peccati, secondo le Scritture” (I Corinzi 15:1-3).


Questa è l’affermazione di Paolo del Vangelo Cristiano chiara e concisa. Il termine “vangelo” significa semplicemente “buona novella.” Paolo disse alla chiesa di Corinto che aveva predicato loro la buona novella del Vangelo. Paolo disse che erano stati salvati dal Vangelo, a meno che non avessero avuto una falsa conversione: “a meno che non abbiate creduto invano” (I Corinzi 15:2). Poi Paolo ripete la buona notizia che aveva già dato loro. Il Vangelo che consiste in questi tre semplici punti: (1) “Cristo morì per i nostri peccati, secondo le Scritture;” (2) “Fu seppellito;” (3) è stato risuscitato il terzo giorno, secondo le scritture.” Questo è il Vangelo. Questa è la buona notizia che i veri predicatori hanno sempre proclamato da secoli. Quando sono stato ordinato Pastore, il mio certificato di ordinazione dichiara che sono stato ordinato “Ministro del Vangelo,” ciò significa che sono stato nominato e messo da parte prima di tutto per il Vangelo. La cosa primaria che devo fare è come “ministro del Vangelo” è predicare la Buona Novella di Cristo, ovvero la sua morte, ola sua sepoltura e la sua resurrezione. Per questo ogni Pastore è stato chiamato, è stato ordinato ed è stato appartato a fare. Paolo disse: “Vi ricordo, fratelli, il vangelo che vi ho annunciato” (I Corinzi 15:1). Vorrei dire delle cose a proposito della chiamata a predicare il Vangelo.

I. Primo, oggi molti pastori mettono tutto altro al centro della loro predicazione anziché il Vangelo.

Ci sono coloro che predicano sulla politica. I loro sermoni sono basati su quello che sta succedendo in ambito politico. Predicatori di questo tipo pongono raramente l’enfasi sulla salvezza perché non ritengono sia necessario. Si tratta semplicemente di uomini politici. Anni fa, nella Chiesa Cinese di cui ero un membro, vi era un giovane che riteneva che il Dr. Lin avrebbe dovuto predicare contro la Guerra del Vietnam. Infine è andato via per questo motivo, portando con sé alcuni giovani. Costoro si sono poi uniti alla Chiesa Episcopale di Ognissanti di Pasadena, un sobborgo di Los Angeles. Questa chiesa era considerata una chiesa molto aggiornata. Il Pastore, il Dr. George Regas, predicava quasi ogni domenica contro la Guerra nel Vietnam e a su altri argomenti politici. Ma dopo un po’ quei giovani che venivano dalla nostra chiesa si stancarono di tante chiacchiere politiche. Così infine, tutti quanti hanno lasciato quella chiesa e sono ritornati nel mondo. Per quanto ne sappia adesso nessuno di loro frequenta una chiesa. Questo è il classico esempio delle cosiddette denominazioni “principali.” Le predicazioni di sinistra non trattengono la gente. Molte delle chiese delle denominazioni principali hanno perso decine di migliaia, se non milioni, di membri negli ultimi decenni, in gran parte perché i loro sermoni sono basati sulla politica e sui fattori di interesse sociale.

Poi ci sono coloro che focalizzano la propria predicazione sulla psicologia. I loro sermoni guida sono come quelli di Robert Schuller e Joel Osteen. Ogni tanto citano un versetto della Bibbia, ma la maggior parte dei loro sermoni non sono affatto incentrati sulla Bibbia. Come ad esempio Oprah Winfrey e il Dr- Drew della TV, il tema della loro predicazione è come sentirsi bene e ottenere successo. Martedì scorso ho avuto modo di parlare con una infermiera Cattolica Romana che frequenta la Messa ogni Domenica e guarda anche Joel Osteen in televisione. È un’infermiera filippina che lavora nell’ospedale dove ho fatto un piccolo intervento. Aveva sempre uno sguardo tetro e accigliato ogni volta che la guardavo. le ho raccontato alcune barzellette, m non sono riuscito a farla sorridere. Infine le ho chiesto qualcosa sulla sua religione, e lei mi ha detto che andava alla Messa e che guardava anche Joel Osteen in televisione ogni domenica, perché le insegnava come essere felice! Predicatore come questi fanno sentire bene la gente, ma hanno un impatto breve sulle loro vite personali, e certamente poco o nulla sulla salvezza eterna delle loro anime!

In terzo luogo, ci sono coloro che insegnano la Bibbia versetto per versetto. Dal momento che la Bibbia ha molti argomenti, questi uomini saltano sempre da un soggetto a un altro nei propri sermoni. Oggi i Pastori più conservatori fanno questo tipo di predicazione. Ma è in gran parte inutile. La predicazione risulta piena di così tanti pensieri e concetti che non cambia le vite delle persone. Il mio collega, il Dr. Cagan, ha frequentato la chiesa di John McArthur per alcuni mesi, prima della sua conversione. McArthur ha dato un’esposizione interessante, ma il Dr. Cagan non è stato motivato a cercare la salvezza. Andava e veniva da quella chiesa rimanendo un non salvato, nonostante avesse abbastanza interesse per diventare un Cristiano. Il tema generale che attraversa le chiese versetto per versetto è il concetto che lo studio della Bibbia e la Bibbia stessa si lo scopo della predicazione. La Bibbia stessa è il centro, anziché il Cristo della Bibbia. Questo è il cosiddetto Sandemanianismo. Molti di coloro che frequentano queste chiese diventano freddi, ma intelligenti come i Farisei di un tempo.

Infine, ci sono coloro che focalizzano la predicazione sulla cosiddetta “adorazione.” Qui ci sono molte strane distorsioni. Io e un mi amico Pastore siamo stati testimoni oculari di un di questi culti strani di “adorazione” in cui le persone ruggivano come leoni, si graffiavano gli uni gli altri, mentre altri strillavano e si rotolavano sul pavimento come degli indemoniati in gabbia. In un altro culto di “adorazione” io con mi moglie e i miei figli abbiamo visto delle persone che stavano letteralmente adorando degli idoli mentre ridevano e si prostravano sul pavimento. Ci sentivamo fuori luogo come se fossimo stati in un manicomio! In un altro posto, presso un college Cristiano, ho visto delle ragazze ballare come prostitute mentre veniva emanato un fumo rosso da una macchina e la musica era assordante. Poi altre riunioni, meno appariscenti dei culti di “adorazione” sono fatti con un’ora di musica dove un coro canta ripetendo lo stesso ritornello fino a quando le persone sembrano essere quasi ipnotizzate. In queste riunioni c’è poco tempo per una reale predicazione. Inutile dire che Cristo non ha la preminenza nei sermoni di queste chiese!

Il Cristo di cui spesso si parla in queste riunioni non è affatto il vero Cristo. Il Cristo oggettivo del Vangelo viene trasformato in un proprio sentimento soggettivo. Nel suo libro penetrante , Cristianesimo senza Cristo [Christless Christianity], il Dr. Michael Horton ha detto:

     Per quanto potremmo parlare di una relazione personale con Dio per mezzo di Gesù Cristo, in realtà non sembra affatto che ci sia una relazione, tranne che con sé stessi … Gesù diviene veramente il mio alter ego (Traduzione di Michael Horton, Ph.D., Baker Books, 2008, p. 43).

Un giovane che ho incontrato recentemente mi ha detto: “Non ho bisogno della Bibbia o della chiesa. Ho una relazione personale con Cristo, ed è tutto ciò di cui ho bisogno!” Gran parte delle predicazioni di oggi producono persone come quel ragazzo, che credono che i loro propri pensieri e sentimenti sono Cristo. Questo è un altro Gesù! Questo è un falso Cristo! Questo non è il Vangelo di cui Paolo ci parla nel nostro testo! Questo tipo di pensiero, o altre false idee, provengono dai troppi Pastori che fanno tutto altro anziché mettere il Vangelo al centro della loro predicazione. L’apostolo Paolo parlava di un “Vangelo diverso da quello che avete accettato” (II Corinzi 11:4). Tutto quello che vi ho appena esposto in questo primo punto sono “un Vangelo diverso.” Paolo ha detto nel nostro testo:

“Poiché vi ho prima di tutto trasmesso, come l'ho ricevuto anch'io, che Cristo morì per i nostri peccati, secondo le Scritture” (I Corinzi 15:3)

.

Questo è il Vangelo!

II. Secondo, il centro del Vangelo è la croce di Cristo.

La croce non al centro di tutte le tipologie di predicazioni che ho citato finora, o almeno non è la cosa principale, non è il fondamento della Cristianità. Il dott. W. A, Criswell ha detto a proposito:

     Prendi la croce di Cristo dal … messaggio e non lasciarla. Il predicatore non possiede più la “buona notizia” ovvero l’Evangelo del perdono dei nostri peccati … Quale di queste due tipologie di Cristianesimo è il Cristianesimo del Nuovo Testamento? Indubbiamente il Cristianesimo della croce (Traduzione di W. A. Criswell, Ph.D., In Defense of the Faith, Zondervan Publishing House, 1967, p. 67).

L’Apostolo Paolo ha detto:

“Ma quanto a me, non sia mai che io mi vanti di altro che della croce del nostro Signore Gesù Cristo” (Galati 6:14).

“Cristo morì per i nostri peccati.” Questo era l’oggetto principale della predicazione di Paolo. Infatti, ha detto alla chiesa di Corinto: “poiché mi proposi di non sapere altro fra voi, fuorché Gesù Cristo e lui crocifisso” (I Corinzi 2:2). Se il Cristianesimo della Bibbia, è il Cristianesimo della croce. Il grande Spurgeon, “il principe dei predicatori,” ha detto: “IL cuore del Vangelo è la redenzione, e l’essenza della redenzione è il sacrificio sostituivo di Cristo alla croce.”

Molte chiese usano oggi i simbolo della colomba per rappresentare la loro fede. Secondo me questo è un errore. La colomba rappresenta lo Spirito Santo. Ma lo Spirito Santo non è la persona centrale della Trinità del messaggio del Vangelo. Nel sedicesimo capitolo del Vangelo di Giovanni Gesù disse che lo Spirito Santo “non parlerà di suo” (Giovanni 16:13). Poi Gesù disse: “Egli mi glorificherà” (Giovanni 16:!4). L’opera dello Spirito Santo non è quella di attirare l’attenzione su di sé, piuttosto portare gloria a Cristo. Per questo una chiesa il cui messaggio centrale è focalizzato sullo Spirito Santo non è una vera chiesa Biblica. L’Apostolo Paolo ha detto che Cristo deve avere il primato in ogni nostro ministero e in tutta la nostra predicazione. Ha detto che Cristo:

“Egli è il capo del corpo, cioè della chiesa; è lui il principio, il primogenito dai morti, affinché in ogni cosa abbia il primato [ovvero in ogni cosa abbia la supremazia] . Poiché al Padre piacque di far abitare in lui tutta la pienezza e di riconciliare con sé tutte le cose per mezzo di lui, avendo fatto la pace mediante il sangue della sua croce” (Colossesi 1:18-20).

Abbiamo il perdono dei peccati e la pace con Dio “mediante il sangue della sua croce,” e solo mediante il Sangue della Croce di Cristo!

Sei andato a Gesù per la sua Potenza purificatrice?
   Sei stato lavato dal sangue dell’Agnello?
Hai creduto pienamente nella Sua grazia?
   Sei stato lavato dal sangue dell’Agnello?
Sei stato lavato dal sangue, nel sangue dell’Agnello che purifica l’anima?
   Le tue vesti sono immacolate? Sono bianche come neve?
Sei stato lavato dal sangue dell’Agnello?
   (Traduzione letterale in italiano dell’Inno inglese
      “Are You Washed in the Blood?” di Elisha A. Hoffman, 1839-1929).

Oh che prezioso è il sangue
   che mi rende più bianco della neve
non conosco altra fonte,
   se non il sangue di Gesù Cristo.
(Traduzione letterale in italiano dell’Inno inglese “Nothing But the Blood”
      di Robert Lowry, 1826-1899).

“Poiché vi ho prima di tutto trasmesso, come l'ho ricevuto anch'io, che Cristo morì per i nostri peccati …” (I Corinzi 15:3).

Il Dr. Criswell ha detto:

     Cosa intendeva Paolo con “prima di tutto”? Il suo riferimento non ha tanto a che vedere con la temporalità nel senso di importanza … La dottrina dell’espiazione vicaria dei nostri peccati per mezzo della morte di Cristo [al posto del peccatore] è la chiave di volta della grazia, il cuore stesso del Vangelo. Nessun altra verità si trova così in altro … Tutte le grandi dottrine delle Sacre Scritture conducono alla croce.
     Una volta un critico disse a Charles Haddon Spurgeon: “Tutti i tuoi sermoni sono uguali.” Per cui il famoso predicatore di Londra replicò: “Sì, prendo un testo da qualsiasi parte della Bibbia e traccio una linea retta alla croce.” non c’è perdono senza espiazione, senza spargimento di sangue non vi è remissione dei peccati, non c’è riconciliazione senza il pagamento del debito …”
     La predicazione della morte espiatoria di Cristo è il distintivo, è la dottrina determinante del Nuovo Testamento, che differenzia la nostra fede dalle altre religioni. Il messaggio Cristiano è chiaramente un messaggio di redenzione. Il suo proposito fondamentale è di recuperare l’uomo dalla schiavitù del peccato e dal giudizio … È prima di tutto e soprattutto un Vangelo di redenzione, l’annuncio della buona novella che Dio ci ha perdonati per amore di Cristo (Traduzione in italiano di W. A. Criswell, Ph.D., In Defense of the Faith, ibid,. pp. 68-70).

III. Terzo, il Cristo della croce ci salva dai nostri peccati.

In un certo senso anche i Musulmani credono in Gesù. Lo chiamano “Isa.” Il Corano anche dice che Egli nacque da una vergine. Dice anche che ascese tornando in Cielo. Alcuni sciocchi pensano che questo sia sufficiente. Ma centinaia di giovani nel mondo Musulmano si stanno allontanando da “Isa” il Gesù del Corano. Oggi molti di loro si stanno convertendo al Gesù della Bibbia più di qualsiasi altro momento del passato. Quasi sempre vanno incontro alla persecuzione e alle sofferenze perché credono al Gesù del Cristianesimo. Perché soffrono, passando anche attraverso torture, per credere nel nostro Gesù? Ve lo dico io perché! Il Gesù del Corano non morì sulla croce per pagare i nostri peccati, ecco perché! Il Corano dice che Egli non morì sulla croce per salvarci! Il Corano non gli dice come essere perdonati dai loro peccati. Gli dice come essere buoni, come ubbidire alle regole, ma non gli dice come essere perdonati ed essere accettati come figli di Dio. Il Corano non può dirglielo, perché il Corano nega che Gesù sia morto sulla croce! Essi soffrono grandi persecuzioni quando credono nel nostro Gesù perché Egli solo gli fa ottenere pace con Dio “avendo fatto la pace mediante il sangue della sua croce” (Colossesi 1:20).

Vuoi attraversare la persecuzione per credere al Cristo della croce? Vuoi rischiare la tua stessa vita per trovare la pace con Dio “mediante il sangue della sua croce”? Loro lo fanno. Lo fanno ogni giorno. Vuoi attraversare il fuoco dell’odio Musulmano per trovare perdono per i tuoi peccati attraverso il Sangue di Cristo sparso per salvarti sulla croce? Loro lo fanno. Lo fanno ogni giorno.

Alcuni anni fa nella rivista del Pastore Wurmbrand ho visto il viso di una giovane ragazza Musulmana in Indonesia. Le avevano gettato dell’acido sul viso perché lei credeva in Gesù. Il suo viso era ormai orribile, quasi indescrivibile. Ma le sorrideva. Dicono che sorrideva sempre. Lei sentiva che valeva la pena aver perso il proprio viso per ottenere la Croce di Cristo! Perché? Perché:

“Cristo morì per i nostri peccati, secondo le Scritture” (I Corinzi 15:3).

Ho che grande gioia io ho se penso che
   Là su quella Croce un dì
il mio peccato inchiodasti su te
   Gloria a te Redentor, Gloria a te.
(Adattamento in italiano dell’inno inglese “It Is Well With My Soul”
      di H. G. Spafford, 1828-1888).

Sì, Cristo è tornado in Cielo. Ma è il Corano che lo dice! Se tu hai l’ascensione di Gesù al Cielo senza la croce, non ha la salvezza. Devi avere la croce! Perché è sulla Croce che Gesù ha pagato il prezzo del tuo peccato. Senza la croce non si ha la remissione del peccato e non si ottiene la pace con Dio. Solo il Cristo della croce può salvarti dai tuoi peccati! Solo il Cristo della croce versò il Suo santo Sangue per purificarti da tutti i tuoi peccati.

“Cristo morì per i nostri peccati secondo le Scritture” (I Corinzi 15:3).

Milioni di martiri e santi hanno detto: “Io darò me stesso per il Cristo della croce! Darò le mie mani e i miei piedi per il Cristo della croce! Darò il mio corpo alle bestie selvatiche per il Cristo della croce! Darò l’intera mia vita per il Cristo della croce!”

Hanno incontrato il vibrante acciaio del nemico
   la cruente criniera del leone.
Ma hanno inchinato il loro capo per provare la morte.
   Chi lo farà al posto loro?
(Traduzione letterale in italiano dell’inno inglese
      “The Son of God Goes Forth to War” di Reginald Heber, 1783-1826).

Hanno detto che valeva molto di più avere i propri peccati perdonati e purificati dal Cristo della croce.

Vuoi ricevere Cristo? Vuoi credere a Lui in questo momento, questa mattina? Vuoi dire come Watts “Qui, mio Signore, ti dono me stesso, è tutto quello che posso darti?” Se tu dici: “Sono pronto per dare tutto me stesso al Cristo della croce, che morì per salvarmi dal peccato.” Allora lascia il tuo posto e recati dietro l’auditorium. Il Dr. Cagan ti condurrà in un’altra stanza dove potrai consacrare la tua vita a Colui che è morto per salvarti dal peccato. Vai pure adesso nel retro. Per favore, Sr. Chan, prega per coloro che crederanno al Cristo della croce questa mattina. Amen.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dott. Hymers ogni settimana su Internet all’indirizzo
www.realconversion.com cliccando sulla voce “Sermoni in italiano”.

Puoi contattare via email il Dott. Hymers in inglese all’indirizzo: rlhymersjr@sbcglobal.net
o puoi contattarlo scrivendo all’indirizzo: P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015; puoi
telefonargli al numero: 001 (818)352-0452.

Questi sermoni sono senza diritto d’autore e possono essere utilizzati senza permesso
del dott. Hymers Invece tutti i video messaggi del dott. Hymers sono coperti da
copyright e possono essere utilizzati solamente con il permesso dell’autore.

Scrittura letta prima del Sermone dal fratello Abel Prudhomme: I Corinzi 15:1-4.
Assolo canto prima del Sermone dal fratello Benjamin Kincaid Griffith:
“The Old Rugged Cross” (di George Bennard, 1873-1958).


SCHEMA DE

IL CRISTO DELLA CROCE

a cura del dott. R. L. Hymers, Jr.

“Vi ricordo, fratelli, il vangelo che vi ho annunciato, che voi avete anche ricevuto, nel quale state anche saldi, mediante il quale siete salvati, purché lo riteniate quale ve l'ho annunciato; a meno che non abbiate creduto invano. Poiché vi ho prima di tutto trasmesso, come l'ho ricevuto anch'io, che Cristo morì per i nostri peccati, secondo le Scritture” (I Corinzi 15:1-3).

I.   Primo, oggi molti pastori mettono tutto altro al centro della loro predicazione anziché il Vangelo, II Corinzi 11:4.

II.  Secondo, il centro del Vangelo è la croce di Cristo, Galati 6:14; I Corinzi 2:2; Giovanni 16:13,14; Colossesi 1:18-20.

III. Terzo, il Cristo della croce ci salva dai nostri peccati, Colossesi 1:20.