Print Sermon

Lo scopo di questo sito Web è di fornire manoscritti gratuiti e video di sermoni a pastori e missionari in tutto il mondo, in particolare nel Terzo mondo, dove, se ci sono, sono pochi i seminari teologici o le scuole bibliche.

Questi manoscritti e video sono disponibili per 1,500,000 computer in 215 paesi ogni mese all’indirizzo www.sermonsfortheworld.com . Molti guardano i nostri video su YouTube e poi visitano il nostro sito web, proprio perché ogni sermone rimanda da YouTube al nostro sito. YouTube porta a visitare il nostro sito. I manoscritti sono disponibili ogni mese in 39 lingue per migliaia di persone. I manoscritti non sono coperti da copyright, quindi anche altri predicatori possono utilizzarli senza permesso. Per le donazioni puoi cliccare qui per aiutarci in questa opera per diffondere il Vangelo in tutto il mondo, anche nei paesi Musulmani e Hindu.

Se vuoi scrivere al Dr. Hymers, indica per favore il tuo paese di provenienza, altrimenti non potrà risponderti. L’indirizzo email è rlhymersjr@sbcglobal.net .




MILIONI DI STUDENTI UNIVERSITARI PERDUTI –
MA DOVE SONO I BATTISITI?

MILLIONS OF LOST COLLEGE STUDENTS –
BUT WHERE ARE THE BAPTISTS?
(Italian)

A cura del Dott. R. L. Hymers, Jr.
by Dr. R. L. Hymers, Jr.

Sermone predicato presso il Tabernacolo Battista di Los Angeles
La sera del giorno del Signore, 30 giugno 2013
A sermon preached at the Baptist Tabernacle of Los Angeles
Lord’s Day Evening, June 30, 2013


Per favore aprite con me le vostre Bibbie in Matteo 9:37,38 e alziamoci in piedi per leggere le parole di Cristo:

“Allora disse ai suoi discepoli: «La mèsse è grande, ma pochi sono gli operai. Pregate dunque il Signore della mèsse che mandi degli operai nella sua mèsse»”. (Matteo 9:37, 38).

Potete sedervi.

Alcune persone mi hanno detto che è sembrato un po’ strano che un pastore riformato come me abbia citato spesso il dott. John R. Rice (1895-1980). Ma io non ci vedo niente di strano in questo. La scorsa settimana ho detto a un pastore che mi piace studiare Richard Baxter (1615-1691), convertitosi fra i Puritani. Ma credo di aver anche bisogno di leggere Rice a proposito dell’ evangelizzazione. Perché? Perché Rice ci dice di andare tra i perduti, e Richard Baxter ci dice cosa fare con loro una volta che hanno creduto! Questo è un buon equilibrio secondo me!

Ascoltiamo attentamente ciò che ha detto Rice, ovvero qualcosa che dovrebbe essere molto interessante per tutti noi:

     È impressionante che Gesù abbia detto più o meno la stessa cosa per tre volte nel Nuovo Testamento in diverse occasioni.
     Lo ha detto ai dodici, quando è stato mosso a compassione a motivo della gran moltitudine di persone che gli stava davanti come pecore che non hanno pastore. Gesù disse: “La mèsse è grande, ma pochi sono gli operai. Pregate dunque il Signore della mèsse che mandi degli operai nella sua mèsse” (Matteo 9:37,38). Quindi il raccolto era abbondante.
     Più tardi, dal momento che i dodici non potevano entrare in tutte le porte aperte, non potevano raggiungere tutti i luoghi dove c’era bisogno del Vangelo, Gesù allora inviò anche altri settanta discepoli. Non sappiamo niente di loro, non sappiamo nemmeno il nome di uno di loro. Evidentemente erano dei nuovi convertiti, non erano pecore mature, ma “agnelli” che Gesù mandò i”in mezzo ai lupi.” E diceva loro: «La mèsse è grande, ma gli operai sono pochi; pregate dunque il Signore della mèsse perché spinga degli operai nella sua mèsse. Andate; ecco, io vi mando come agnelli in mezzo ai lupi. (Luca 10:2). Gesù non aveva a disposizione gente matura, ovvero dei Cristiani ben preparati, perciò ha mandato dei neoconvertiti perché la messe [il raccolto] era molto grande.
     In un’altra occasione, Gesù parlava ai suoi discepoli nella città di Sicar in Samaria, dopo aver conquistato una donna Samaritana e dopo che lei era corsa per tutta la città dicendo agli uomini: “Venite a vedere un uomo che mi ha detto tutto quello che ho fatto; non potrebbe essere lui il Cristo?” Mentre gli abitanti della città stavano andando a incontrare il Salvatore, Gesù disse ai suoi discepoli: “Non dite voi che ci sono ancora quattro mesi e poi viene la mietitura? Ebbene, vi dico: alzate gli occhi e guardate le campagne come già biancheggiano per la mietitura” (Giovanni 4:35).
     Non ci sono casi in cui Gesù abbia detto che il raccolto era finito … Non ci sono epoche nella storia della chiesa in cui il Vangelo ha perso la sua potenza, o dove i peccatori non possano essere portati a credere nel Salvatore … perciò ci è stato dato il Grande Mandato di Matteo 28:19,20. Gesù ha concluso con una semplice dichiarazione: “Io sono con voi tutti i giorni, sino alla fine dell'età presente.” Certamente dobbiamo comprendere che tutto ciò significa che la presenza di Cristo ci darà potenza e successo … Questo è l’insegnamento unanime delle Scritture, ci saranno sempre persone che possono essere portati a Cristo, perché il raccolto è sempre bianco. (Traduzione in italiano di John R. Rice, D.D., The Golden Path to Successful Personal Soul Winning, Sword of the Lord Publishers, 1961, pp. 215-217).

Alcuni anni fa ho conosciuto un pastore cinese che si chiama Thomas Low. Infatti, il Fratello Low è stato il primo pastore di una chiesa Battista cinese di cui io sono stato membro per ventitre anni. Il Pastore Low citava solitamente le ultime parole del Grande Mandato di Matteo 28 quando era scoraggiato. Quando il Pastore Low riteneva che fosse difficile portare anime a Cristo diceva: “C’è una promessa proprio per me nel Grande Mandato che dice: ‘Ed ecco, Io sono con voi tutti i giorni.’” (Matteo 28:20). Il Pastore Low lo diceva anche scherzando, ma in realtà è una promessa per tutti noi.

“Ogni potere mi è stato dato in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate miei discepoli tutti i popoli battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutte quante le cose che vi ho comandate. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, sino alla fine dell'età presente”. (Matteo 28:18, 19, 20).

So che viviamo in un’epoca buia e pericolosa. So che sembra praticamente impossibile che persone anziane possano rispondere all’invito del Vangelo, ma so anche che ci sono migliaia di giovani, che riempiono le università ogni semestre. Io sono disturbato costantemente dall’ apatia abbietta che la maggior parte delle chiese Battiste mostra nei confronti di questi ragazzi. Dove sono i Battisti? Non dobbiamo permettere che questo letargo ci influenzi. Ci sono sempre nuovi giovani da raggiungere, Gesù ha detto:

“Va' fuori per le strade e lungo le siepi e costringili a entrare, affinché la mia casa sia piena.” (Luca 14:23)

Cantiamo l’inno “Today We Reap”! (In Italiano: “Oggi raccogliamo”).

Raccogliamo oggi, altrimenti perderemo il raccolto!
   Oggi ci viene dato di vincere anime perdute.
Salviamo alcuni cari dal fuoco.
   Oggi portiamo qui un peccatore.
(Traduzione libera dell’inno inglese “So Little Time”
      di Dr. John R. Rice, 1895-1980).

Il dott Timothy Lin, mio pastore di lunga data, è stato un grande Biblista, professore e presidente del seminario. Ma era anche un pastore molto saggio, probabilmente è stato il pastore più saggio che io abbia mai conosciuto. Ci diceva ripetutamente di andare dai giovani studenti universitari. Ci diceva che la gente di una certa età era molto piena di pregiudizi ed era difficile da portare a Cristo. Al contrario molti ragazzi avrebbero ascoltato, sarebbero venuti in chiesa e sarebbero stati salvati.

Non avevamo molte cose in questa piccola chiesa cinese. C’erano solamente poche persone quando cominciai a frequentare questa congregazione, e io avevo diciannove anni e desideravo diventare un missionario. Non avevamo tanto da offrire, non avevamo bella musica o qualsiasi altra cosa che si possa pensare occorra per attrarre i giovani. Ma avevamo la promessa di Gesù: “Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine dell’età presente” (Matteo 28:20). Inoltre che eravamo tutti completamente dedicati in questa piccola chiesa, voglio dire che eravamo dedicati del tutto, eravamo disposti a a lavorare tutte le nostre forze pur di portare dei giovani ragazzi perduti!

Nel mio studio, ho una copia originale dell’Innario Battista [in inglese] del 1964. Questa era tutta la musica che avevamo, solamente questi inni. Ma il pastore Lin fotocopiò alcuni ritornelli e ce li fece incollare sulla copertina dell’innario stesso. L’altra sera stavo guardando proprio questi ritornelli e i miei occhi si sono riempiti di lacrime. Questi sono alcuni cantici che il pastore Lin ci faceva cantare in quasi tutte le riunioni di chiesa.

Grazie Signore per aver salvato l’anima mia.
Grazie Signore per avermi completato.
Grazie Signore per avermi dato
la tua grande salvezza
così ricca e gratuitamente.

Portiamo qualcuno al Signor
Portiamo qualcuno al Signor
Signore aiutami a farlo.
Portiamo qualcuno al Signor.

Seguirò, Seguirò, Seguirò Gesù!
Ti seguirò in qualsiasi luogo!
Seguirò, Seguirò, Seguirò Gesù!
Lo seguirò ovunque mi guiderà.

In chiesa c’era un ragazzo che si chiamava On Lim. A volte lo prendevamo in giro cantandogli l’ultimo verso del canto “Lo seguirò ovunque mi guiderà.” L’ho rivisto un paio di mesi fa al banchetto di pensionamento di Murphy Lum. Adesso è un medico e ha una famiglia. È stato uno dei ragazzi che abbiamo portato in quella chiesa più di cinquant’anni fa. Gli cantavamo anche un altro piccolo ritornello che c’era sulla copertina dell’innario:

Ti faro pescatore di uomini,
pescatore di uomini, pescatore di uomini.
Ti faro pescatore di uomini
se mi seguirai,
se mi seguirai, se mi seguirai.
Ti faro pescatore di uomini
se mi seguirai.

Questo è tutto quello che avevamo, solo questi brevi ritornelli e dei buoni inni antichi. Uno di questi inni che cantavamo era di B.B. McKinney:

Signore metti un’anima sul mio cuore
   e amala attraverso di me.
Che io possa fare la mia parte
   per portare questa anima a te.
per portare delle anime a te, delle anime a te.
   Questa è la mia supplica sincera a te,
aiutami [oggi] nel cammino della mia vita
   portare delle anime a te
(Traduzione libera in italiano dell’inno inglese
      “Lord, Lay Some Soul Upon My Heart” di Dr. B. B. McKinney, 1886-1952).

Cantate insieme a me il ritornello!

Per portare delle anime a te, delle anime a te.
   Questa è la mia supplica sincera a te,
aiutami [oggi] nel cammino della mia vita
   portare delle anime a te.

Solo le donne cantino adesso (lo fanno). Adesso tutti insieme (lo fanno). Amen e Amen!

Come ho già detto, non avevamo molte cose. C’era solo un terzo di persone di quelle che sono presenti in questa chiesa qui questa sera. Ma eravamo di Gesù Cristo! E lavoravamo con forza per portare dei giovani a Cristo! Ho guidato verso casa dopo aver lavorato per 15 ore in una giornata (non sto esagerando!) in una scuola Biblica estiva, ero molto stanco tanto che ho dovuto aprire tutti I finestrini della mia macchina altrimenti mi sarei addormentato sul volante! Ma non potete sapere che giorno meraviglioso e pieno di gioia è stato per me! Sono stati dei giorni tra i più felici che io abbia vissuto. Stavamo studiando la soddisfazione dell’anima! Stavamo facendo un lavoro magnifico, un lavoro che produce ricompensa per tutta l’eternità! … Allora arrivò il grande risveglio! Centinaia di persone ne prendevano parte giorno dopo giorno! Presto divenne la più grande chiesa cinese Battista di tutta la California! Ma questo avvenne dopo dieci anni di preghiera e di duro lavoro come nessun altra chiesa che io abbia conosciuto. Farà lo stesso Dio qui? Forse. Sì, veramente forse! Con guerrieri della preghiera come il fratello Kyu Dong Lee Dio può far scendere il fuoco del risveglio sulla nostra chiesa un giorno. Se questo accadrà o no, ricordiamoci sempre che le campagne “già biancheggiano per la mietitura”. (Giovanni 4:35). Continuiamo a ubbidire a Gesù:

Portiamo qualcuno al Signor
Portiamo qualcuno al Signor
Signore aiutami a farlo.
Portiamo qualcuno al Signor.

Ti faro pescatore di uomini,
pescatore di uomini, pescatore di uomini.
Ti faro pescatore di uomini
se mi seguirai,
se mi seguirai, se mi seguirai.
Ti faro pescatore di uomini
se mi seguirai. Amen!

Naturalmente , il nostro scopo non è che qualcuno reciti la cosiddetta “preghiera del peccatore.” Questo non porterà anime nella chiesa. Ho visto pochissime persone avvicinarsi in questo modo, pochissime! Quasi nessuno! Credo di ricordare un incontro di circa 25 anni fa! Non è molto produttivo. Dobbiamo amare le anime perdute e prendercene cura. Dobbiamo condurli in chiesa e non dobbiamo spettare che ci vengano da soli. Dobbiamo raggiungere e invitarli a visitare la nostra chiesa. Dobbiamo prenderci cura di chiunque Dio ci mette davanti. Ecco come si comincia, questo è il ministero fatto per voi. Questa mattina sono stato così contento di vedere il video del cinquantesimo compleanno del fratello Lee. Lo proietteremo nuovamente fra pochi minuti mentre ceneremo nella sala al piano di sopra. Nel video di Lee lo abbiamo visto che portava i giovani a fare trekking. Lui lo fa quasi ogni sabato. Caro Lee, un giorno tu vedrai uno di questi ragazzi, come io ho visto On Lim a quel banchetto. Uno di coloro di cui tu ti sei preso cura sarà qui quando io sarò andato via e tu sarai un vecchietto con i capelli bianchi. Questo emozionerà il tuo cuore come niente al mondo!

Sono stato contento di vedere che Jack Ngann ha portato un sacco di ragazzi e che ha fatto in modo che almeno circa 25 di loro, siano venuti lo scorso venerdì sera. Benissimo Jack! Ottimo! Sua moglie ha un bambino che va da loro ogni giorno. Cosa stanno facendo, stanno seduti intorno alla loro casa? Oh no! Jack e Sheila non solo sono qui in chiesa presenti ad ogni riunione, ma stanno facendo anche qualcosa di più: si prendono cura dei nuovi arrivati e li fanno sentire a casa qui in chiesa. Il mio vecchio pastore cinese Lin diceva spesso: “Devi fare in modo che la chiesa sia la tua seconda casa.” C’è saggezza in questo, più saggezza di quanta io ne abbia mai sentito da un pastore americano! “Devi fare della chiesa la tua seconda casa.”

Seguiamo l’esempio di Lee e di Jack e Sheila Ngann! Facciamolo! Chiedete il numero di telefono ai nuovi visitatori. Chiamateli, inviategli un messaggio, parlate con loro in chiesa, sedetevi vicino a loro, aiutateli, come qualcun altro ha aiutato voi! “Oggi raccogliamo!” Cantiamo di nuovo il ritornello dell’inno di Rice:

Raccogliamo oggi, altrimenti perderemo il raccolto!
    Oggi ci viene dato di vincere anime perdute.
Salviamo alcuni cari dal fuoco.
   Oggi portiamo qui un peccatore.

Ho già raccontato un’altra volta questa storia, ma vale la pena ripeterla. Nel diciannovesimo secolo, a Chicago, c’era un ragazzo che ogni domenica camminava per alcune miglia lungo LaSalle Street verso la chiesa di Moody Ogni domenica mattina un anziano di una grande chiesa lo vedeva passare con la Bibbia in mano. Così una mattina l’anziano chiese al ragazzo dove stesse andando. Il giovane disse che stava andando nella chiesa di Moody. L’anziano gli disse: “È una strada molto lunga, perché non vieni qui in chiesa? Il ragazzo disse: “No, grazie. Sto andando nella chiesa di Moody. Loro sanno quanto amo la comunione fraterna che c’è lì.”

Questo è tutto quello di cui c’è bisogno di sentire nella nostra chiesa. La gente deve pensare: “In questo posto sanno quanto amare un fratello.” Cerchiamo di lavorare più duramente possibile per far sentire questo tipo di amore ai nuovi arrivati qui, nella nostra chiesa! Cantiamo di nuovo il ritornello:

Raccogliamo oggi, altrimenti perderemo il raccolto!
   Oggi ci viene dato di vincere anime perdute.
Salviamo alcuni cari dal fuoco.
   Oggi portiamo qui un peccatore.

Amen! Ma c’è qualcosa per te che sei perduto. Sì, è bello trovarsi in una chiesa come questa. Ma è molto più importante conoscere Gesù Cristo personalmente. Lui è morto al posto tuo, sulla Croce, per pagare la piena condanna dei tuoi peccati. Ha versato il Suo sangue per purificarti da tutti i tuoi peccati. Egli adesso è vivo, è nel cielo e prega per te. Ti sto chiedendo di convertirti dal tuo peccato e affidarti alla grazia di Cristo. Credi in Lui ed Egli ti salverà, perdonerà i tuoi peccati, purificherà i tuoi peccati con il Suo Sangue e ti darà la vita eterna! Se vuoi parlare con noi a proposito del diventare Cristiano, puoi lasciare il tuo posto e puoi recarti dietro l’auditorium in questo momento. Il dott. Cagan ti porterà in un posto tranquillo dove possiamo rispondere alle tue domande e pregare per te. Vai pure adesso nell’auditorium mentre noi cantiamo l’inno numero 7 presente sul foglietto dei cantici.

Le ferite di Gesù mostrano chiaramente il suo amore.
   Quelle ferite da cui sgorgarono fiumi di sangue espiatorio,
di sangue espiatorio.

Come mai spine e sangue coronarono Gesù!
   Come mai i chiodi ferirono le sue mani e forarono i suoi piedi con torture così feroci,
con torture così feroci!

Il suo capo chinò e infine spirò
   E quando risuscitò si sedette sul trono dove intercede per noi
intercede per noi.

Venite voi tutti che siete macchiati dal peccato;
   Venite e lavatevi nel suo sangue salvifico, e sarete purificati.
e sarete purificati.
   (Traduzione libera dell’inno “Jesus Wounded” by Edward Caswell, 1849;
      sulla melodia dell’inno “Majestic Sweetness Sits Enthroned”).

Fratello Chan, per favore conducici in preghiera per coloro che hanno risposto. Amen.

(FINE DEL SERMONE)
Puoi leggere i sermoni del Dott. Hymers ogni settimana su Internet all’indirizzo
www.realconversion.com cliccando sulla voce “Sermoni in italiano”.

Puoi contattare via email il Dott. Hymers in inglese all’indirizzo: rlhymersjr@sbcglobal.net
o puoi contattarlo scrivendo all’indirizzo: P.O. Box 15308, Los Angeles, CA 90015; puoi
telefonargli al numero: 001 (818)352-0452.

Scrittura letta prima del Sermone dal fratello Abel Prudhomme: Luca 10:1-3.
Assolo cantato prima del Sermone dal fratello Benjamin Kincaid Griffith:
“So Little Time” (di Dr. John R. Rice, 1895-1980).